La salpingectomia è un’operazione chirurgica che viene praticata per svariate ragioni; scopriamo in cosa consiste e quali sono le conseguenze sul fisico.

Salpingectomia: cos’è?

La salpingectomia è la rimozione chirurgica di una o entrambe le tube di Falloppio, le quali sono parte integrante del sistema riproduttivo femminile e servono a trasportare gli ovuli dalle ovaie all’utero dove poi verranno fecondati.

L’operazione chirurgica avviene in anestesia generale, dura circa un’ora e durante il risveglio si viene monitorati dal personale medico. In genere, salvo complicazioni, la paziente può lasciare l’ospedale lo stesso giorno dell’intervento.

Una volta a casa sarà necessario riposare molto, assumere i farmaci prescritti in modo da mantenere il dolore al minimo, seguire le istruzioni su come pulire le ferite post salpingectomia ed evitare di sollevare pesi o praticare attività fisica per 1-2 settimane. Il chirurgo indicherà anche quando si potranno riprendere le normali attività quotidiane in base a quanto velocemente il corpo sta guarendo.

Perché si effettua una salpingectomia?

Le motivazioni per effettuare una salpingectomia sono diverse:

1. Contraccezione

La rimozione di entrambe le tube di Falloppio previene la gravidanza togliendo all’ovulo il mezzo per raggiungere l’utero.

Sterilizzazione femminile, tra violenza e scelta: il più grande dei tabù

2. Gravidanza ectopica

Una gravidanza ectopica (o extrauterina) si verifica quando un uovo fecondato si impianta in un luogo diverso dall’interno dell’utero. Se si impianta in una tuba di Falloppio, un chirurgo potrebbe dover rimuovere la tuba per evitare che si rompa e causi un’emorragia.

3. Prevenzione del cancro alle ovaie

La teoria attuale su come si sviluppa il cancro alle ovaie è che inizia in una tuba di Falloppio. Da lì, molti medici credono che le cellule cancerose viaggino verso le ovaie. Se una persona ha un alto rischio di cancro ovarico, il medico può raccomandare una salpingectomia per ridurlo.

Un rapporto medico menzionato dal Medical News Today ha trovato che le donne con un alto rischio di sviluppare il cancro, come quelle con mutazioni del gene BRCA, avevano il 40% in meno di probabilità di sviluppare il cancro alle ovaie dopo la rimozione di entrambe le tube di Falloppio rispetto alle donne che avevano un rischio regolare.

4. Trattamento per il cancro

Un medico può raccomandare la rimozione di alcuni organi ginecologici, tra cui una o entrambe le tube di Falloppio, per trattare alcuni tipi di cancro. La salpingectomia può essere raccomandata come trattamento per altre condizioni ginecologiche, come l’endometriosi o una grave infezione.

A cosa (non) hai diritto se soffri di endometriosi, oltre al dolore?

Salpingectomia: modalità di intervento

Un chirurgo può eseguire una salpingectomia in due modi: può praticare un’incisione aperta nell’addome, attraverso una procedura chiamata laparotomia, oppure può procedere tramite laparoscopia, che è un approccio minimamente invasivo che comporta l’inserimento di strumenti in piccole incisioni nell’addome inferiore.

La salpingectomia può essere praticata anche insieme ad altre procedure, ad esempio durante il parto cesareo in donne che hanno optato per la salpingectomia come metodo contraccettivo.

Esistono diverse procedure di salpingectomia:

1. Salpingectomia parziale

Questa procedura comporta la rimozione di una sola tuba di Falloppio e può essere la soluzione adatta per una gravidanza ectopica, una tuba di Falloppio infetta o un cancro in una tuba.

2. Salpingectomia bilaterale

La salpingectomia bilaterale comporta la rimozione di entrambe le tube e viene praticata per finalità contraccettive, per la riduzione del rischio di cancro alle ovaie o il trattamento di alcune condizioni ginecologiche.

Oltre a queste due, vanno menzionate altre operazioni che coinvolgono anche altri organi oltre alle tube di Falloppio, come la salpingo-oforectomia. Questa procedura comporta invece la rimozione di una o entrambe le ovaie assieme alle tube di Falloppio. Può aiutare a trattare il cancro alle ovaie, l’endometriosi o la torsione ovarica. Il chirurgo può anche scegliere questo approccio per una gravidanza ectopica.

3. TAH-BSO

L’isterectomia addominale totale con salpingo-ovariectomia bilaterale (TAH-BSO) è un intervento chirurgico per rimuovere le tube di Falloppio, le ovaie, l’utero e la cervice. Un medico può raccomandare questo intervento per le persone con mestruazioni estremamente pesanti, sanguinamento grave, endometriosi, fibromi uterini, cancro o una combinazione di questi.

Gli squilibri ormonali nell'arco di vita della donna

Le conseguenze della salpingectomia

Uno studio intitolato Risks and Benefits of Salpingectomy at the Time of Sterilization ha riassunto tutta la letteratura attuale in materia di rischi e benefici della salpingectomia. Dall’analisi complessiva degli studi più accurati è emerso come questa operazione comporti una maggiore riduzione dei rischi rispetto alla sterilizzazione tradizionale, ovvero la legatura delle tube di Falloppio.

Altri 4 studi, tra cui una meta-analisi, hanno dimostrato che la salpingectomia probabilmente non ha un impatto significativo a lungo termine sulla riserva ovarica. Ulteriori benefici includono una migliore efficacia contraccettiva e l’eliminazione di successive gravidanze ectopiche.

Secondo l’American College of Obstetricians and Gynecologists’ Committee on Gynecologic Practice la salpingectomia offre l’opportunità di diminuire significativamente il rischio di cancro ovarico. Dall’altro lato però, l’operazione può aumentare il rischio di malattie cardiovascolari, l’insorgere di una tipologia di cancro diversa da quello alle ovaie, osteoporosi, deterioramento cognitivo.

La salpingectomia praticata durante un’isterectomia (ovvero l’asportazione dell’utero) o come mezzo di sterilizzazione delle tube sembra essere sicura e non aumenta il rischio di complicazioni come trasfusioni di sangue, complicazioni postoperatorie, infezioni o febbre rispetto alla sola isterectomia o alla legatura delle tube.

Trattandosi comunque di un’operazione chirurgica, non è possibile prevedere a priori quali saranno le conseguenze sul corpo e come reagirà. Quindi è fondamentale prestare attenzione a come si sta reagendo al decorso post operatorio: febbre e brividi, arrossamento, gonfiore o perdite dalle incisioni, sanguinamento pesante, bruciore durante la minzione, gonfiore, arrossamento o dolore alle gambe oppure un dolore lancinante e costante all’addome nonostante gli antidolorifici sono tutti segnali per i quali è necessario l’intervento urgente del medico.

Vaginismo: no, non è "tutto nella tua testa" e non hai nulla di sbagliato

Salpingectomia e gravidanza

Dopo la salpingectomia si può rimanere incinta? Come indicato in un articolo del Policlinico Gemelli di Roma, se è stata esportata solo una tuba, con la tuba controlaterale funzionante, è possibile ricercare una gravidanza. Al contrario, se ci si è sottoposte a una salpingectomia bilaterale, a seguito dell’esportazione di entrambe le tube non è possibile rimanere incinta.

Per le pazienti che si sono pentite di aver effettuato la salpingectomia, l’unico modo per avere figli è la fecondazione in vitro (FIVET). La procedura prevede la raccolta delle uova dalle ovaie della donna e la loro fecondazione in laboratorio per creare embrioni che verranno impiantati nell’utero.

A questo proposito Dan Brennan, pediatra certificato e pluripremiato nonché consulente per l’allattamento, sostiene come il tasso di successo della FIVET dipenda dall’età della donna e da altri fattori legati alla sua salute. Tuttavia, uno studio ha dimostrato che c’è poca differenza nei tassi di successo della FIVET tra le persone che hanno avuto una salpingectomia e quelle che non l’hanno avuta.

4 testimonianze sulla salpingectomia

Abbiamo raccolto 4 testimonianze di donne che si sono sottoposte a salpingectomia per capire come sia stata questa esperienza:

Girlvetica scrive nel suo blog:

Bene, è passato un anno intero dalla mia salpingectomia bilaterale. Nel corso dei mesi le mie cicatrici sono guarite, appiattite, levigate e quasi scomparse. Se non sapeste che me le sono fatte, probabilmente non le notereste mai. Non ho sperimentato ulteriori effetti collaterali. Nessuna cisti ovarica. Nessuna gravidanza non pianificata. Nessuna disfunzione sessuale. E assolutamente nessun rimpianto. Farlo è stata la migliore decisione della mia vita. Sono così felice di non avere più il controllo ormonale delle nascite e di sentirmi bene nel mio corpo. Non sono più tormentata dalla preoccupazione per le pillole mancate o i periodi in ritardo. Mi sento come se avessi il controllo totale sulla mia salute riproduttiva, così come una parte del mio futuro, ed è molto, molto liberatorio.

Ginni racconta la sua esperienza con la salpingectomia a Fort Worth Moms a seguito della decisione di non avere più figli dopo la nascita del secondo bimbo:

Dopo mio figlio ho provato la spirale intrauterina ma dopo aver avuto complicazioni, ho dovuto farla rimuovere e non volevo prendere la pillola a causa di problemi passati. Dopo aver consultato il mio medico, mio marito e mia madre, ho deciso di fare una salpingectomia bilaterale. […]

Sono stata a riposo a letto fino a quando sono stata in grado di camminare da sola. Camicie da notte e pantaloncini di cotone larghi erano i miei migliori amici! Anche la più piccola pressione mi faceva venire voglia di piangere dal dolore. I primi due giorni mio marito ha dovuto aiutarmi ad alzarmi dal divano e dal bagno. Ho dovuto respirare profondamente e tossire ogni volta che dovevo alzarmi per far uscire il gas in più nell’addome. Tossire a richiesta non è un’impresa facile quando ti sembra che il tuo petto stia per esplodere.

Ho dormito sulla schiena per tutta la settimana perché muovermi mi faceva male non solo alla spalla, ma anche alla pancia. Dopo il terzo giorno, il recupero è migliorato ogni giorno. Ero in grado di stare in piedi per brevi periodi per lavare alcuni piatti o fare una cena veloce.

Le mie incisioni sulla pancia e sul lato destro non hanno fatto lividi e ora non si può quasi dire che c’erano punti di sutura. Al mio appuntamento post-operatorio di due settimane, sono stata autorizzata a riprendere la vita normale al mio ritmo solito.

"Perché il giorno in cui ho ridotto il seno è stato il più bello della mia vita"

Anche Hanna Brooks Olsen, 31 anni, in suo articolo ha raccontato com’è andata la salpingectomia:

Molto veloce. Sono entrata e uscita in un paio d’ore. Il mio medico ha eseguito l’intervento in laparoscopia, quindi è stato piuttosto minimo; ho due cicatrici molto piccole sulle ossa dell’anca (meno di un pollice di lunghezza) e sono entrati attraverso il mio ombelico quindi c’è una cicatrice lì, ma si dovrebbe avvicinare molto per vederla. Penso che il tempo effettivo trascorso sotto i ferri sia stato un’ora o meno.
Ero in piedi e camminavo più o meno immediatamente, anche se è stato scomodo indossare i jeans per circa tre settimane. Sono diventata molto creativa con i pantaloni elasticizzati e vi consiglio di aumentare la vostra scorta di jeggings prima di andare sotto i ferri.
Ad essere onesti, la cosa di cui ero più consapevole nelle settimane dopo l’intervento, quando andavo alle riunioni e vedevo la gente, era l’enorme livido che avevo sulla mano a causa della flebo. Ma questa è solo roba da chirurgia, immagino.

Per Hanna la sua esperienza vuole essere di esempio e desidera mandare un messaggio positivo e di incoraggiamento a tutte le donne che per paura del giudizio rinunciano alla salpingectomia:

[…] ci sono anche alcuni spazi emotivi reali di cui essere consapevoli; so che per le famiglie che hanno lottato con problemi di fertilità, perdite di gravidanza, aborti, ecc, sentire parlare di qualcuno che sta scegliendo di non avere figli può essere doloroso, e cerco davvero difficile essere gentile su questo. Ma questo è anche il mio viaggio e voglio essere in grado di condividerlo con persone che sono su un percorso simile. Penso che ci sia spazio per entrambi e non penso che sia un gioco a somma zero. Penso che a tutte noi sia permesso di avere i nostri sentimenti sulle nostre esperienze uterine e non dovremmo vederli come competitivi l’uno con l’altro.

Anche la giovane Brie Ripley dichiara di essere soddisfatta della salpingectomia: dopo aver provato tutti i metodi contraccettivi come la pillola, il cerotto, l’impianto da braccio Nexplanon, l’iniezione Depo-Provera tutte queste opzioni di controllo delle nascite le hanno scatenato una serie di effetti collaterali ormonali come se le sue emozioni fossero fuori controllo.

Oggi ho 24 anni e mi sento più vicina al mio io ideale. È passato poco più di un anno dall’intervento e l’intimità è fantastica ora che non devo pensare a una gravidanza non pianificata.

Prima di prendere qualsiasi decisione è fondamentale consultare il proprio medico o un chirurgo per approfondire i rischi e i benefici della salpingectomia e valutare quale possa essere l’approccio migliore sulla base della propria storia clinica e situazione personale.

Articolo originale pubblicato il 3 Giugno 2021

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!