logo
Stai leggendo: Clinomania, la sindrome di chi non riesce ad alzarsi dal letto la mattina

Clinomania, la sindrome di chi non riesce ad alzarsi dal letto la mattina

Alcune mattine può capitare di sentire un grande desiderio di non alzarsi dal letto per affrontare la giornata. Quando questa situazione diventa grave, è sintomatica di una patologia: la clinomania.
clinomania

La clinomania, anche chiamata disania, è una condizione patologica che costringe a rimanere a letto tutto il giorno. Si considera che almeno il 70% delle persone, nel corso della propria vita, manifestino clinomania in giornate o situazioni di particolare stress, senza che diventi una malattia cronica.

Quando invece sembra non passare mai, anche quando non c’è motivo di avere paura di alzarsi e affrontare il mondo, è fondamentale conoscerne la causa e sapere come curarla.

Cosa significa clinomania?

La clinomania è una patologia del comportamento, e, come riportato dal dott. Mark Salter del Royal College of Psychiatrists in un articolo della BBC Three, è uno dei sintomi di chi soffre di depressione. Il termine deriva dal greco klínē che significa “letto”, e rappresenta infatti il desiderio incontrollabile di rimanere sdraiati a letto. Dal punto di vista psicologico, il letto è un luogo che ricorda il calore e rifugio del grembo materno. Allo stesso modo la posizione che si assume a letto è quella del feto nel liquido amniotico.

Per questo chi soffre di questa patologia sente il desiderio di rimanere a letto, al sicuro dal mondo, dagli impegni della giornata, dalle responsabilità e dalla gente. La clinomania si manifesta soprattutto nelle persone più ansiose, che hanno determinate fobie e sono inclini alla depressione. In generale può colpire tutte le persone in momenti di particolare stress o ansia, ma per periodi brevi.

È fondamentale non sottovalutare la gravità di questa sindrome quando è persistente. Per ritrovare la forza di alzarsi dal letto bisogna determinare le cause scatenanti e agire di conseguenza.

Cause della clinomania

clinomania
Fonte: Web

È importante prima di tutto non confondere la pigrizia o lo stress che può portare ad ansie tempornaee, da una patologia che arriva ad impedire il normale svolgimento della vita e crea auto-reclusione totale. Dal momento che la clinomania deriva da uno stato di ansia o paura, le cause possono essere molteplici. Uno dei casi in cui compare più frequentemente disania è la depressione post-partum. Questa particolare condizione che riguarda le neomamme necessita di una cura guidata da professionisti.

Anche le altre possibili cause sono di origine chiaramente psicologica. Rientrano paure di ogni genere, come paura delle relazioni sociali, bassa autostima, timore di fallire o di non essere in grado di affrontare determinate situazioni. Sono le condizioni di stress che scatenano maggiormente ansie e fobie che non permettono di iniziare la giornata alzandosi dal letto.

Clinomania: cure e rimedi

Se si soffre di clinomania è importante comprendere la causa scatenante e risolvere il problema. Questa patologia provoca infatti conseguenze negative sul benessere psico-fisico riportate anche sul sito Guida Psicologi. La mancata esposizione alla luce solare che regola il ritmo circadiano del sonno, l’illuminazione artificiale e l’utilizzo esclusivo di apparecchi elettronici, aumentano il rischio di disturbi del sonno, ansia e depressione. Inoltre la reclusione e l’uso di Internet per comunicare con gli altri provocano effetti negativi sulle capacità relazionali e sociali.

Per curare il problema è fondamentale rivolgersi a un professionista per ricevere trattamento psico-terapeutico. In questo modo lo psichiatra o psicologo decide la cura migliore. Nei casi di depressione più gravi si ricorre anche all’ausilio di farmaci. Per chi soffre di sola clinomania senza rilevare depressione, gli esperti consigliano degli accorgimenti per cambiare le proprie abitudini del sonno. Abbiamo detto infatti come questa patologia sia strettamente collegata al riposo. È importante provare a:

  • regolare la quantità di sonno, che deve andare dalle 6 alle 9 ore, provando a non dormire più del necessario e ad andare a dormire prima per evitare di avere sempre sonno;
  • rilassarsi prima di andare a letto, con un bagno caldo, una tisana rilassante o degli esercizi di yoga;
  • eliminare apparecchi elettronici dalla camera;
  • spegnere Internet prima di coricarsi, e tutte le distrazioni che esso comporta;
  • se possibile, fare attività sessuale sana.
Rating: 3.9/5. Su un totale di 12 voti.
Attendere prego...