Misofonia: perché c'è chi non sopporta alcuni suoni? - Roba da Donne

Misofonia, cosa accade nel cervello di chi non sopporta alcuni suoni

Alcuni suoni vi danno tanto fastidio, che appena li sentite sentite rabbia e ansia salire? Probabilmente soffrite di misofonia ad alcuni tipi di rumori. Vediamo meglio cos'è e come si manifesta.

Non sopportare determinati suoni ha un nome, misofonia. Un disturbo acustico non grave, ma che può compromettere alcuni aspetti della vita, e che rende molto fastidiosi alcuni rumori.

Qualcuno che mastica o deglutisce, il pianto di un bambino, l’abbaiare di un cane, il respiro pesante di una persona: sono tutte classi di suoni che causano più frequentemente misofonia, anche se la medicina non ha ancora trovato le ragioni scatenanti e una terapia del tutto efficace. Vediamo meglio di cosa si tratta e come si manifesta.

Significato di misofonia

Il termine misofonia deriva dal greco “misos” che vuol dire odio, e “fonos“, ossia suono: pertanto il significato letterale è “odio del suono”. Questa definizione descrive bene il disturbo acustico, che rende davvero insopportabili e intollerabili certi suoni per chi ne soffre.

L’intolleranza può derivare da rumori emessi da una persona, un animale, anche se meno, o una cosa. A partire dal 2000 è riconosciuta come un disturbo a se stante, spesso legato a forme di disturbo ossessivo compulsivo.

Come per altri problemi cognitivi e comportamentali infatti, la misofonia provoca aggressività, attacchi di ansia e panico, e anche episodi di depressione. La misofonia riguarda circa il 60% di persone che soffrono di acufene, e il 20% di tutta la popolazione. I misofonici si rendono conto di avere un problema, e che le loro reazioni a certi suoni sono esagerate rispetto alle altre persone. Questo rende sicuramente più attuabile la ricerca di un rimedio.

Misofonia: le possibili cause

misofonia
Fonte: Web

Le cause di misofonia non sono ancora del tutto chiare. Gli studi hanno fatto emergere che probabilmente si tratta di un malfunzionamento del sistema uditivo centrale. Una ricerca pubblicata nel 2016 su Current Biology ha rilevato alcune informazioni importanti: grazie a una risonanza magnetica effettuata su soggetti misofonici e non, a contatto con determinati suoni ritenuti fastidiosi, è emerso che si attiva nei misofonici un meccanismo “combatti o fuggi”, innescando la produzione di adrenalina e cortisolo.

Inoltre, si è manifestata attività maggiore nella corteccia prefrontale ventrocentrale, implicata nell’elaborazione del rischio e della paura. Si è vista poi una maggiore attività del lobo dell’insula, area del cervello coinvolta nei processi di selezione rispetto a cosa fare attenzione, legata anche ad aree che regolano emozioni e memoria.

Nonostante le cause siano ancora incerte, sono chiari i fattori, dunque i suoni, che causano maggiormente l’insorgenza di misofonia:

  • suoni emessi dalla bocca, che riguardano l’80% dei misofonici, come masticare, deglutire, sorseggiare, mangiarsi le unghie, sgranocchiare cibo, digrignare i denti, masticare una chewing gum sfregarli sulle posate;
  • suoni nasali, come voci dal tono nasale o raffreddato, sibilanti, canti stonati. E ancora suoni emessi proprio dal naso tra cui ad esempio respiri profondi, sbuffi, fischi, russamento, difficoltà respiratorie, singhiozzo, sbadigli, starnuti e il suono di “tirare su” con il naso;
  • movimenti del corpo tra cui il più diffuso è lo scrocchiare le articolazioni;
  • rumori ambientali. Ne fanno parte tanti diversi suoni come il ticchettio di orologi, suonerie del cellulare, ronzio di elettrodomestici, volume alto di tv o radio, rumore di clacson o di motocicletta, le stoviglie che sbattono tra di esse, il gesso sulla lavagna, ecc;
  • suoni di animali ripetuti, come l’abbaio di un cane, i latrati, il cinguettio di uccelli;
  • suoni emessi da bambini piccoli, tra cui principalmente il pianto, ma anche le urla e i balbettii. Questi ultimi due casi sembrano affliggere in percentuale molto minore i misofonici.

Sintomi della misofonia

La misofonia sembra svilupparsi, secondo gli studi, in età puberale, tra i 9 e i 13 anni, in maniera maggiore nelle persone di sesso femminile. I sintomi rilevabili riguardano più specificatamente le reazioni e i comportamenti indotti dall’ascolto del suono non tollerato.

Si parla quindi innanzitutto di fastidio e disagio, anche forti, aggressività e irritabilità, disgusto e agitazione, con conseguente tendenza ad allontanarsi dalla fonte del suono. La misofonia può anche manifestarsi con attacchi di panico, talvolta incontrollato, episodi di rabbia, attacchi d’ansia, rilevati anche nell’accelerazione del battito cardiaco, della sudorazione e della tensione muscolare.

Misofonia: rimedi e terapie

misofonia
Fonte: Web

Nonostante sia oggi un disturbo riconosciuto, la medicina non ha ancora trovato un trattamento specifico per la misofonia. Dal punto di vista farmacologico, i test hanno rilevato che nessun tipo di medicinale riesce a curare il disturbo misofonico. Esistono comunque dei trattamenti che si sono dimostrati efficaci anche nell’80% dei casi. Si tratta della terapia del suono, o TRT (Tinnitus Retraining Therapy), usata principalmente per trattare gli acufeni per la desensibilizzazione acustica.

Esporre gradualmente per un periodo di tempo prolungato e costante al suono che provoca misofonia sembra abituare l’orecchio e il cervello alla sopportazione, riducendo il grado di intolleranza. Questa terapia non è validata da tutti i medici, tanto che alcuni temono che possa peggiorare la situazione. Un’alternativa alla desensibilizzazione acustica è la terapia cognitivo-comportamentale, il cui scopo è insegnare a dominare il rumore, e specialmente le proprie reazioni negative ad esso, tra cui come abbiamo visto attacchi di ansia o di panico, rabbia e aggressività.

La misofonia non è un disturbo grave, ma può avere complicazioni dal punto di vista sociale e relazionale, quando spinge chi ne soffre ad allontanarsi dalle fonti dei suoni fastidiosi, come anche il luogo di lavoro o di scuola. Per questo è importante riconoscere il problema e provare a fare qualcosa per risolverlo, anche semplicemente coprendo i rumori con della musica o con un generatore di rumore bianco, quando possibile.

La discussione continua nel gruppo privato!

Articolo originale pubblicato il 26 Gennaio 2020

Ti è stato utile?
Rating: 5.0/5. Su un totale di 1 voto.
Attendere prego...