Dal 2000 il 4 febbraio è il World Cancer Day, la giornata che, a livello mondiale, ricorda l’impegno contro il cancro e sensibilizza sul tema grazie a iniziative volte soprattutto a promuovere la ricerca e a far comprendere cosa ciascuno di noi, dal singolo individuo, alle istituzioni e fino agli esperti, possa fare per combatterlo.

Promossa dall’Unione internazionale contro il cancro (Uicc) e sostenuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, la Giornata contro il cancro è stata istituita più di vent’anni fa a Parigi, nel corso del World Summit Against Cancer for the New Millennium, e prevede ogni anno manifestazioni, incontri, appuntamenti, e soprattutto forniscono un quadro esaustivo dei dati che riguardano l’incidenza delle varie forme di tumore, il numero dei pazienti e quello dei sopravvissuti.

21Day: il tema del World Cancer Day 2021

In questo 2021 si concluderà la campagna triennale I am and I will (Io sono e farò), iniziata nel 2019, che ha promosso un forte impegno a livello personale invitando all’azione e al cambiamento; sul sito di World Cancer Day è possibile visionare tutte le attività che, in questi anni, sono state portate avanti nell’ambito della ricerca e dell’informazione.

Quest’anno l’iniziativa più importante è la 21 Days to Impact Challenge, un programma articolato in cinque sfide diverse che punta a coinvolgere non solo le persone che stanno lottando contro il cancro, ma anche chi sta vicino a loro, attraverso progetti mirati.

Come funziona la 21 Days to Impact Challenge

world cancer day
Fonte: World Cancer Day

Ci vogliono i proverbiali 21 giorni per creare un’abitudine positiva –  si legge sulla pagina del sito che illustra il progetto – Quindi, per il 2021, sia che ti impegni a migliorare la tua salute personale, a sostenere qualcuno che ami con il cancro, a istruirti sul cancro, a parlare contro il cancro o a fare la storia aiutando a eliminare il cancro cervicale, iscriviti a una delle cinque sfide ricevere ispirazione quotidiana e guida pratica.

Ciascuno di noi può quindi fare la differenza, aderendo a una delle cinque sfide che fanno parte dell’iniziativa:

  • Mi concentrerò sulla mia salute: Le sfide quotidiane si concentreranno sul farti muovere di più, mangiare bene e vivere con attenzione.
  • Sosterrò qualcuno che conosco con il cancro: Ispirazione quotidiana su azioni semplici e significative per portare cura e attenzione a una persona cara con il cancro.
  • I Will Speak Up – A proposito di cancro: Suggerimenti quotidiani per costruire la tua sicurezza nel parlare di cancro e nel sostenere il cambiamento delle politiche.
  • Mi informerò sul cancro: Lezioni quotidiane per aiutarti a saperne di più sul cancro e su come influisce su noi stessi, sulle nostre comunità e sul nostro mondo.
  • I Will – Contribuire ad eliminare il cancro della cervice uterina: Guida quotidiana per aiutarti ad aumentare la consapevolezza della strategia globale per l’eliminazione del cancro cervicale.

Dopo aver scelto la propria sfida, ci si può registrare sul sito, e ogni mattina si riceverà una e-mail con una nuova attività, lezione o iniziativa da svolgere o da portare a compimento.

World Cancer Day: i numeri del cancro

Nonostante i già importantissimi progressi compiuti nel trattamento del cancro, che hanno portato a probabilità di guarigione decisamente più elevate per alcune tipologie di tumore, i numeri restano a tutt’oggi molto seri, e forniscono il quadro della gravità della situazione.

L’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro ha ad esempio stimato che un uomo su cinque e una donna su sei in tutto il mondo svilupperanno il cancro nel corso della propria vita, con una mortalità di un caso su 8 per gli uomini e di una caso su 11 nelle donne.

In Italia, leggendo il documento dell’ISS relativo al 2020, le stime di inizio anno parlavano di circa 377.000 nuovi casi di tumori maligni (esclusi i carcinomi della cute non melanomi): 195.000 negli uomini e 182.000 nelle donne.

Anche per il 2020 il tumore più frequentemente diagnosticato è stato il carcinoma mammario (54.976, pari al 14,6% di tutte le nuove diagnosi di tumore) seguito dal carcinoma del colon-retto, polmone, prostata e vescica, mentre negli uomini la neoplasia più diagnosticata è ancora il carcinoma della prostata.

Rispetto al 2019 si è notato un aumento delle nuove diagnosi di melanoma e di carcinoma del pancreas, in entrambi i sessi. Buone nuove arrivano però sotto il profilo dei tassi di mortalità: rispetto al 2015 sono in diminuzione sia negli uomini (-6%) che nelle donne (-4,2%), e c’è da registrare anche una sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi del 63% nelle donne (in cui il tumore più frequente è quello mammario) e del 54% negli uomini:

Continuano ad aumentare i prevalenti, cioè le persone che vivono dopo aver avuto una diagnosi di tumore: nel 2020 si stima siano oltre 3milioni e 600.000 (aumento del 3% annuo), un terzo dei quali può essere considerato guarito.

A livello europeo, invece, i risultati di un progetto di analisi portato avanti in collaborazione tra il Centro comune di ricerca (Joint Research Center, JRC) della Commissione europea e la Rete europea dei registri oncologici (European Network of Cancer Registries, ENCR), assieme all’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) ha rilevato che nello scorso anno sarebbero stati previsti 2,7 milioni di nuovi casi di tumore (escludendo quelli della pelle diversi dal melanoma) e 1,3 milioni di decessi legati al cancro, come riportato dall’Airc.

Scendendo più nel dettaglio, anche a livello europeo il tumore al seno è il più diagnosticato fra le donne, con 355 mila nuove diagnosi nel 2020 (13,3% di tutte le diagnosi oncologiche), seguito da colon-retto (341.000 nuovi casi; 12,7 per cento), della prostata (336.000 nuovi casi; 12,5 per cento) e del polmone (318,000; 11,9 per cento). Riguardo alla mortalità, è il tumore del polmone il maggiore responsabile dei decessi oncologici, con un tasso intorno al 20,4%.

Queste cifre ci fanno capire quanto sia importantissimo continuare ad agire, a fare informazione, e a sostenere la ricerca.

Articolo originale pubblicato il 27 Gennaio 2021

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!