diredonna network
logo
Stai leggendo: I Sintomi della Premenopausa: Quali Sono e Come Comportarsi

Non riesci a decidere? Il tuo corpo sa cosa fare: ecco come capirlo

Antigravity Yoga: 4 posizioni yoga da fare con l'amaca

4 motivi per cui dovresti massaggiare il tuo seno

Perché devi buttare subito via la spugna che hai in cucina

Perdite vaginali marroni, bianche, gialle: cosa dicono sul tuo stato di salute

Oltre la sindrome di Turner: le storie di 4 donne che ce l'hanno fatta

Prova a mettere una cipolla nei calzini (o in camera) e questo è quello che succederà

Sai perché abbiamo un solco sotto il naso?

Approvato il nuovo piano vaccinale: tutte le novità e i vaccini anno per anno

Centrifugati dimagranti: ricette e consigli

I Sintomi della Premenopausa: Quali Sono e Come Comportarsi

La premenopausa è un periodo particolare nella vita di una donna, che segna la fine dell'età fertile. Quali sono i sintomi della premenopausa e i suoi disturbi tipici?
I sintomi della premenopausa

La premenopausa, chiamata anche climaterio, è la fase che, nella vita di una donna, precede l’entrata nella menopausa; è un momento che dura diversi anni, durante i quali si assiste allo svilupparsi di determinati sintomi. Tali sintomi variano da donna a donna, soprattutto per quanto riguarda il livello di intensità, anche se alcune possono non averne.

Di solito, i sintomi della premenopausa si verificano tra i 46 e i 50 anni e possono durare anche 10 anni; è il periodo in cui il corpo inizia a prepararsi alla fine dell’età fertile, riducendo la produzione degli ormoni da parte delle ovaie fino a giungere alla scomparsa delle mestruazioni. Vediamo che cosa accade:

I sintomi della premenopausa

Sintomi della premenopausa

I primi sintomi della premenopausa sono ormonali: a causa del calo della produzione degli ormoni femminili, il ciclo inizia ad accorciarsi e a comparire non più ogni 28 giorni, ma ogni 22-24 circa; col tempo, l’intervallo diventa sempre più breve. Questo comporta altri sintomi che vanno a colpire il fisico: secchezza vaginale, gonfiore intestinale e addominale, tensione mammaria e vampate di calore.

Questi malesseri fisici hanno un impatto negativo sulla psiche e sulla sfera emotiva: gli sbalzi d’umore sono frequenti, come l’ipersensibilità. Il climaterio è un periodo dove si è più irritabili e instabili, oltre che ansiose; questo può portare ad ulteriori disturbi come l’insonnia, l’ipocondria, le crisi di pianto e la perdita di memoria. Si può anche avere cali di appetito e stati depressivi.

Quando appaiono questi sintomi, è buona cosa contattare il proprio ginecologo, che saprà indicare come affrontare le premenopausa al meglio.

I disturbi della premenopausa

I disturbi della premenopausa

Nel periodo del climaterio, spesso sintomi e disturbi coincidono tra loro. Ne sono un esempio le vampate di calore, il disturbo più diffuso tra le donne in premenopausa: spesso si tratta di fenomeni che si verificano di tanto in tanto, ma a volte sono molto frequenti e creano delle interferenze con la vita di tutti i giorni. Le vampate sono dovute a un cambiamento della temperatura controllato dal cervello: il corpo pensa di essere più surriscaldato di quanto è in realtà e per raffreddarsi vengono innescate delle reazioni chimiche che conducono più sangue nei pori della pelle, che appare così macchiata di rosa o di rosso. Un aiuto per limitare le vampate di vapore è quello di mangiare sano, evitando cibi piccanti e l’alcol. Nel caso in cui le vampate si presentino la notte, è buona cosa mantenere la camera da letto fresca, magari con l’ausilio di un ventilatore: in questo modo di eviterà anche l’insonnia.

Tra i disturbi della premenopausa, ci può essere anche il mal di testa, unito alle vertigini, fastidio che si può limitare evitando bevande contenenti caffeina come il caffè, il tè o le bibite gassate.

La premenopausa e la gravidanza

Gravidanza e premenopausa

Restare incinta durante il periodo della premenopausa non è impossibile, per quanto si tratti di un evento molto raro. Infatti, nonostante l’irregolarità del ciclo mestruale, che di solito coincide con una riduzione dell’attività follicolare ovarica e di conseguenza dei cicli anovulatori, può essere che la donna sia in ogni caso fertile, per cui può verificarsi una gravidanza durante il climaterio.

In ogni caso, data l’avanzata età della donna, una gravidanza in questo periodo presenta un tasso maggiore di anomalie cromosomiche rispetto a una in età più giovane.

La menopausa precoce

Menopausa precoce

La menopausa precoce è la perdita dell’attività ovarica, e quindi dei cicli mestruali, prima dei 40 anni. Si tratta di un fenomeno che si può verificare in modo spontaneo oppure in maniera indotta, attraverso un intervento chirurgico o farmacologico. È un fenomeno che riguarda l’1-3% delle donne. Per quanto non sia possibile individuare una causa precisa per la menopausa precoce, questa potrebbe essere dovuta ad alcune sindromi genetiche, a difetti enzimatici o metabolici ereditari, come la galattosemia, a patologie autoimmuni, come l’ipotiroidismo.

Anche uno stile di vita non sano, segnato per esempio dall’abuso di alcol, può favorire la menopausa precoce, oltre a una predisposizione familiare. I sintomi sono gli stessi che interessano la premenopausa.