diredonna network
logo
Stai leggendo: 8 Motivi Per Non Eliminare I Grassi Dalla Tua Dieta

Dieta ingrassante: quali alimenti devo mangiare?

Dieta detox: "Non voglio perdere peso ma vorrei purificare il mio corpo"

Lista dei cibi acidi e cibi alcalini: quali fanno bene e quali fanno male

Una corretta alimentazione per la tiroide di Hashimoto

Come faccio a mantenere il peso con una dieta di 1400 kcal al giorno?

"Ho 30 anni, sono single e ho paura di rimanere sola"

"Sono troppo timida e la cosa è diventata un problema"

"Come posticipare il ciclo in vista delle nozze"

"Ho perdite bianche prima del ciclo: è normale?"

"Posso perdere la verginità durante la visita ginecologica?"

8 Motivi Per Non Eliminare I Grassi Dalla Tua Dieta

Troppi cibi grassi non fanno bene, come ogni altra cosa consumata in eccesso, eppure non possiamo eliminarli del tutto dalla nostra dieta, pena alcune conseguenze sul nostro corpo.
8 Motivi Per Non Eliminare I Grassi Dalla Tua Dieta
(Foto: Web)

Quando si parla di grassi la prima immagine che balza nel nostro cervellino è di quella di un sacco di cibi unti che poi andranno a posarsi delicatamente nel nostro giro vita, o interno cosce.

Sicuramente troppi grassi non fanno bene, come come ogni altra cosa consumata in eccesso.

In realtà il nostro corpo ha più che bisogno dei grassi per funzionare correttamente e ci sono alcuni segnali molto chiari che indicano che non ne stiamo assumendo abbastanza.

Questo ovviamente non significa che dovrete leccare il grasso della pancetta direttamente dalla padella, ma che dovrete assumerlo attraverso alcuni cibi particolari.

(Foto: Web)
(Foto: Web)

1. Si ha sempre fame

Prima di cena, dopo pranzo, nonostante un pasto abbondante la sensazione è quella di essere affamati.

Questo perché sono proprio i grassi quelli che vengono bruciati e assimilati più velocemente dal corpo.

Se appena finito di mangiare avete la sensazione di avere ancora fame vuol dire che mancano dei grassi nella vostra dieta.

2. Problemi alla pelle

Se è particolarmente secca, squamosa e piena di segni dell’età il colpevole potrebbe essere il grasso nella dieta.

È vero, i grassi non fanno bene alla pelle, ma quelli sani invece sì.

Sono proprio i grassi sani infatti che aiutano ad assorbire le vitamine di alcuni alimenti che aiutano a mantenere la pelle umida ed elastica.

(Foto: Web)
(Foto: Web)

3. Problemi con il ciclo

Il corpo utilizza i grassi alimentari per regolare gli ormoni, quindi lesinare su di essi può essere causa di problemi come salti o ritardi.

4. Fatica a concentrarsi

I grassi hanno il doppio delle calorie di un grammo di carboidrati o proteine.

Chi sta troppo attento alla dieta ed evita i grassi come i proiettili, rischia di avere problemi di concentrazione.

(Foto: Web)
(Foto: Web)

5. Ansia e depressione

Ovviamente sono numerosi i fattori che portano ad una forte ansia o a stati depressivi.

Ma anche il cibo fa la sua parte.

Gli acidi grassi esseziali come gli omega 3 e gli omega 6 sono fondamentali per regolare l’umore e la loro mancanza può diventare problematica.

Se l’ansia viene fuori dal nulla, o non è possibile battere i vostri malumori, provate a mangiare due porzioni alla settimana di pesce grasso come il salmone, tonno fresco, o sardine.

Le cose dovrebbero migliorare.

6. Sovraccarico sensoriale

Vi capita di perdere la calma, di essere in ansia in situazioni di affollamento o simili?

La causa potrebbe essere l’assenza degli omega già citati: la loro carenza può infatti ridurre la capacità di gestire l’input sensoriale.

(Foto: Web)
(Foto: Web)

7. Sei in forma, ma dopo 20 minuti di corsa non ce la fai più

Ti senti stanca? Per forza.

Durante l’esercizio il corpo brucia i carboidrati derivati dal cibo e usa i grassi come carburante per proseguire nell’allenamento.

Se questi non ci sono o sono scarsi il risultato è una scarsa resistenza.

8. Memoria ballerina

Le diete ricche di grassi che contengono olio d’oliva, noci, pesce, e altri classici piatti mediterranei possono contribuire a preservare la memoria.

Limitare i grassi nella dieta porta ad avere una memoria meno reattiva ed efficace.