logo
Galleria: Perché ansia e attacchi di panico peggiorano e aumentano in primavera

Come si deve comportare chi è accanto a una persona che ne soffre

Perché ansia e attacchi di panico peggiorano e aumentano in primavera
Foto 2 di 8
x

Fonte: web

Sicuramente bisogna evitare di dire frasi come ‘mettici la buona volontà’, ‘non hai motivi per sentirti così’, ‘controllati’ e così via. Chi soffre per un disturbo d’ansia, soffre di un problema emotivo che spesso ha radici in un malfunzionamento dei meccanismi che regolano i sistemi di controllo del pericolo.

Anche i disturbi d’ansia e di panico sono vere e proprie patologie del funzionamento mentale e non di una generica debolezza mentale o fragilità personale e come tali devono essere considerati anche da chi sta vicino a chi soffre per questi disturbi. Comprensione, ascolto, fiducia in quello che la persona sta dicendo accanto all’invito di rilassarsi e evitare di respirare troppo velocemente sono alcuni spunti utili. Anche la distrazione può essere utile.

Ovviamente l’incoraggiamento a rivolgersi a specialisti per cercare una terapia realmente risolutiva è fondamentale quando queste reazioni siano ricorrenti e influenzino la qualità di vita della persona che ne soffre.