A molti sarà capitato di sentirne parlare. Ad altri, magari, di averla senza sapere di cosa si trattasse. Sta di fatto che questo disturbo è molto più frequente di quanto si possa pensare, sia nelle donne che negli uomini: parliamo dell’alopecia da stress anche detta alopecia psicogena.

L’alopecia da stress è una forma specifica di perdita dei capelli che si può manifestare in correlazione a eventi particolarmente stressanti, sia a livello psicologico che fisico, che si manifesta con un diradamento progressivo della capigliatura, soprattutto nelle zona frontale della testa, vicino all’attaccatura al di sopra della fronte.

In conseguenza di questo disturbo, diventa più visibile ed esposto il cuoio capelluto della persona che ne soffre. Entriamo più nello specifico di questa patologia e proviamo a capirne le cause e le possibili soluzioni.

Le cause dell’alopecia da stress

Come detto, quando si parla di alopecia da stress, si intende la caduta dei capelli come conseguenza a un evento subito che ha creato stress o ansia, una situazione difficile che si è vissuta, un periodo di eccessiva stanchezza, o qualsiasi altra causa che ha portato a un carico eccessivo da gestire, sia a livello psicologico che fisico.

Alla base di questa tipologia di alopecia, infatti, proprio come ci indica il nome, c’è lo stress. E questo può nascere da tantissime situazioni diverse e con intensità differenti a seconda di chi lo vive. Tra le cause più frequenti che ne determinano la comparsa, infatti, ci sono:

  • traumi;
  • shock a livello emotivo;
  • cambiamenti di vita repentini;
  • lutti o perdite affettive;
  • gravidanza;
  • affaticamento fisco e/o mentale eccessivo o prolungati;
  • periodi di depressione o ansia.

Insomma, tutto ciò che può creare una scossa emotiva in chi lo vive o un cambiamento di vita non previsto e voluto. Ma cosa c’entra questo con la caduta dei capelli?

Quando il nostro corpo risponde a degli stimoli esterni che generano stress, si attivano nell’organismo tutta una serie di processi a carico del sistema nervoso autonomo e del sistema immunitario. I nostri follicoli pilo-sebacei sono circondati da moltissime cellule nervose che, come risposta all’evento stressante subito, possono portare come reazione conseguente l’inibizione della crescita dei capelli, interferendo con la normale attività della parte e, quindi, portando alla cosiddetta alopecia da stress.

L'ansia si trasmette di generazione in generazione? La risposta della scienza

Alopecia da stress: sintomi e conseguenze

Un problema che, come detto, si manifesta con una corposa e più veloce perdita di capelli (in generale variando dalle poche settimane a qualche mese dopo l’evento scatenante), e con un diradamento della chioma esteso a tutto il cuoio capelluto, anche se in modo più marcato nella parte frontale della testa. Oltre poi a tutta una serie di altri sintomi molto poco piacevoli tra cui:

  • una sensazione dolorosa all’attaccatura dei capelli;
  • infiammazione peri follicolare;
  • prurito e bruciore del cuoio capelluto;
  • produzione di sebo eccessiva e possibilità che si presentino complicazioni come la dermatite seborroica);
  • fragilità delle unghie.

Disturbi che, quindi, non interessano unicamente la testa o i capelli, ma che si estendono anche ad altre parti del corpo andando a minare la qualità della vita stessa e la percezione di sé (oltre che la propria autostima).

Alopecia da stress, come prevenirla

Ma attenzione, perché anche l’alopecia da stress, così come tante altre patologie, può essere prevenuta, anche se con non poca difficoltà. La prima cosa da fare, senza alcun dubbio, e sulla quale è bene lavorare, è il proprio stile di vita. Si può quindi provare a modificare e correggere le proprie abitudini verso un modus operandi più sano, attento al proprio benessere psico fisico e più consapevole, per esempio:

  • dedicando le giuste ore al sonno e al riposo (almeno otto ore per notte);
  • evitando le fonti di stress;
  • facendo regolarmente attività fisica per scaricare la tensione accumulata e per prendersi cura del proprio corpo;
  • evitando il consumo di alcol e il fumo;
  • seguendo un’alimentazione sana, ricca di vitamine (in particolare le vitamine PP e B), sali minerali (prevedendo un’integrazione se necessario), proteine e di tutti principi nutriti necessari al buon funzionamento del corpo;
  • utilizzando dei prodotti delicati, mirati e specifici per i propri capelli ed evitando di lavarli troppo spesso, rischiando di stressarli.

In questo modo è possibile intervenire su quei fattori che possono favorire la comparsa dell’alopecia da stress, prevenendola e ostacolandola.

Ricostruzione capelli: è davvero possibile 'ristrutturare' chiome danneggiate?

Come curare l’alopecia da stress?

Nel caso in cui però, come spesso accade, fosse troppo tardi per pensare alla prevenzione, ma fosse necessario intervenire per cercare di risolvere il problema, è possibile farlo rivolgendosi a un medico specializzato.

Questi, dopo un’attenta analisi del problema e delle sue cause, sarà in grado di prescrivere degli appositi integratori o una cura che preveda un trattamento tricologico adeguato, ma anche una terapia che vada combattere le cause che hanno generato l’alopecia da stress fino anche all’utilizzo di prodotti per la cura dei capelli più specifici a seconda del problema e della sua gravità.

Intervenire in modo efficace e repentino consente di evitare di peggiorare la situazione con dei rimedi fai da te che non serviranno ad altro che allungare i tempi di guarigione o, peggio, impedirla del tutto.

Ecco perché è sempre importante prendersi cura di sé in modo costante, vivendo in modo equilibrato, prestando attenzione ai segnali che arrivando direttamente dal corpo e imparando a osservarsi e ascoltarsi, giorno dopo giorno.

Articolo originale pubblicato il 21 Gennaio 2022

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!