diredonna network
logo
Stai leggendo: Google lancia un servizio per aiutare chi soffre di depressione

Google lancia un servizio per aiutare chi soffre di depressione

Google ha stretto una collaborazione con l'associazione nazionale americana sulle malattie mentali per offrire un aiuto a tutti coloro che soffrono (o pensano di soffrire) di depressione.
Fonte: Web

Internet è diventato ormai uno strumento di uso quotidiano e sono molteplici le persone che lo utilizzano per cercare consigli o soluzioni sui propri problemi di salute. Chi non ha mai cercato sul motore di ricerca come curare in poco tempo un raffreddore, un mal di schiena o un ipotetico herpes labiale?

In molti casi non ci sarebbe da fidarsi delle diagnosi trovate online (perché troppo generiche e non sostenute da un medico competente), ma ora Google ha istituito un vero e proprio servizio per offrire un aiuto da parte di professionisti del settore a chi soffre di depressione.

Usarlo è semplice: per chi utilizza uno smartphone, basterà digitare la parola “depressione” o la frase “sono depressa?” (in lingua inglese) sulla barra di ricerca di Google da un qualsiasi browser. A quel punto apparirà una scheda informativa che indirizzerà successivamente al questionario PHQ-9 (un test di nove domande utilizzato da molti psicologi per diagnosticare alcuni sintomi associabili a questa condizione psichica).

Fonte: Google

Per ora il servizio è disponibile solo negli Stati Uniti ma il questionario di trova facilmente anche online.

Secondo quanto scritto da Google nel suo blog ufficiale, la depressione è una condizione molto comune e circa un milione di americani sperimentano un episodio di questo disturbo nella loro vita. Tuttavia, solo il 50% di essi riceve un trattamento adeguato.

Per questo motivo, Google ha stretto una collaborazione con NAMI (l’associazione nazionale americana sulle malattie mentali) al fine di sensibilizzare questo delicato disturbo attraverso uno strumento di uso comune come il cellulare. Questo nuovo servizio potrà inoltre essere una buona occasione per interrogarsi più a fondo sulla propria condizione e chiedere successivamente aiuto a un professionista di settore.