logo
Stai leggendo: Salvaslip, tutta la verità: quando può essere pericoloso e come sceglierlo

Salvaslip, tutta la verità: quando può essere pericoloso e come sceglierlo

Usa e getta o lavabili, anatomici o con ali: esistono vari tipi di salvaslip, tutti pratici e utili, ma meglio non abusarne e seguire alcune accortezze.
salvaslip

Nell’igiene intima femminile trovano posto non solo gli assorbenti: nei periodi di flusso mestruale leggero, all’inizio dello stesso oppure per chi ha problemi di spotting e incontinenza, i salvaslip sono un accessorio molto utile. Ma non solo in questi casi. La fase dell’ovulazione espone a secrezioni vaginali anche abbondanti e gelatinose: è il modo che ha il corpo per facilitare la fecondazione dell’ovulo, attraverso una maggiore lubrificazione. Queste perdite, però, possono creare disagio e fastidio, quindi anche in questi particolari giorni, i più fertili, i proteggislip possono venirci incontro.

Molte donne, in realtà, li usano quotidianamente, per mantenere la biancheria intima pulita e asciutta e per evitare cattivi odori. Ma è bene sapere che nonostante siano pratici e comodi, hanno anche delle controindicazioni, se usati in modo continuativo. Ed è bene conoscerle, proprio per utilizzarli in modo adeguato e corretto.

Salvaslip: come sceglierlo e perché fa bene

Nella scelta del salvaslip ci sono alcuni elementi da considerare, perché in commercio ce ne sono davvero di tutti i tipi. Un buon salvaslip deve:

  • essere ipoallergenico e traspirante;
  • prevenire la formazione dei batteri;
  • essere morbido al tatto;
  • prevenire l’aumento di temperatura e umidità nella zona intima.

E non deve:

Utilizzarli consente di mantenere lo slip asciutto, a causa dei fluidi e delle perdite, contiene possibili odori cattivi e fa sentire più a proprio agio e pulite.

Salvaslip: pericoli e controindicazioni

salvaslip
fonte: web

Non ci sono controindicazioni all’uso del salvaslip, anche se un utilizzo quotidiano prolungato può portare a una proliferazione di batteri nella zona genitale. Anche se molto sottile, il salvaslip purtroppo comunque tende a non far respirare correttamente la zona, esponendo a problemi di infiammazioni e candida. Il consiglio è per questi motivi di cambiare il salvaslip ogni 2-3 ore e usarli solo se davvero necessario, dunque solo in caso di perdite. Negli altri giorni è preferibile evitare: meglio puntare su un cambio frequente degli slip, prediligendo quelli di cotone (almeno 95%) bianco a quelli in materiale sintetico colorati. Il cotone, infatti, possiede naturali proprietà assorbenti e riduce l’abrasione da strofinamento sulla pelle.

Molto importante è anche mantenere una corretta pulizia delle mani prima e dopo essere andati in bagno e non toccare il salvaslip con le mani sporche.

A costituire un pericolo sono le sostanze nocive che possono essere presenti nei salvaslip, così come negli assorbenti e nei tamponi interni. Secondo il rapporto dell’associazione francese per la difesa dei diritti dei consumatori 60 Millions de Consommateurs, questi prodotti per l’igiene intima contengono a volte tracce di sostanze potenzialmente tossiche: pesticidi, diossina, glifosato.

Salvaslip lavabili

Questa tipologia, realizzata in puro cotone, a differenza dei salvaslip confezionati usa e getta può essere lavata in lavatrice come i normali slip. Sono ipoallergenici, consigliati soprattutto a chi ha particolari problemi di irritazioni, arrossamenti e infezioni delle zone genitali. Essendo le parti intime a contatto davvero solo con cotone, senza parti adesive e sostanze chimiche aggiuntive che alterano gli odori, i salvaslip lavabili sono decisamente più confortevoli e traspiranti. Inoltre, sono senza dubbio una scelta eco-sostenibile, anche se hanno un costo più elevato di quelli normali, costo che comunque viene ammortizzato nel tempo.

Ma hanno anche dei punti a sfavore, da tenere presente: se le perdite sono considerevoli, per esempio, vanno sciacquati prima di metterli in lavatrice e sono meno sottili di quelli usa e getta (il che potrebbe creare fastidio soprattutto all’inizio).

Salvaslip: i migliori modelli

Nell’acquisto del salvaslip bisogna tenere presente le proprie abitudini quotidiane e soprattutto conoscere il proprio corpo e le sue esigenze. In commercio (sia online che in farmacie, supermercati e parafarmacie) si trovano salvaslip di diverso tipo.

Salvaslip lavabili

salvaslip
Fonte: Amazon

Confezione da 7 salvaslip lavabili, colorati e con chiusura a bottoncini. Sono ecologici, super assorbenti e riutilizzabili, prodotti in Europa senza sostanze chimiche potenzialmente dannose.
Acquista ora su Amazon.

Salvaslip per tanga

salvaslip
Fonte: Amazon

Ideale per biancheria string: morbidi e traspiranti, sono molto sottili e morbidi al tatto, per garantire la massima comodità anche indossando il tanga.
Acquista ora su Amazon.

Salvaslip in cotone

salvaslip
Fonte: Amazon

Le proprietà naturali del cotone garantiscono massimo comfort e massima assorbenza. I salvaslip sono filtranti e traspiranti, realizzati in 100% cotone e dermatologicamente testati.
Acquista ora su Amazon.

Salvaslip con aloe

salvaslip
Fonte: Amazon

Salvaslip dermatologicamente testati arricchiti con aloe vera naturale: consentono anche alle pelli più delicate di respirare liberamente.
Acquista ora su Amazon.

Rating: 4.3/5. Su un totale di 3 voti.
Attendere prego...