diredonna network
logo
Stai leggendo: Tumore al seno: la chirurgia non è sempre necessaria.

Perché ogni donna deve sapere cos'è il tumore al seno allo stadio 0

Lingua a carta geografica: cos'è e come si cura

Spasmofilia, la "malattia invisibile" di chi è sempre stanco

Depurativo antartico: il segreto della dieta tisanoreica

La dieta senza glutine fa dimagrire, fa male o fa bene?

"Qual è la differenza fra Balfolic e Prefolic?"

La sindrome di Stendhal: l'attacco di panico per eccesso di bellezza

Piastrine basse: sintomi, cause e rimedi

"Il vaginismo può essere influenzato dallo stress?"

"Come posso fare a non vedere ormai tutto nero?"

Tumore al seno: la chirurgia non è sempre necessaria.

Novità importanti sulla cura e la prevenzione del tumore al seno, un male che colpisce ogni anno 1 donna su 10.
Fonte: Web
Fonte: Web

Una serie di studi presentati al Simposio sui tumori del Seno in corso a San Antonio in Texas indicano la possibilità che per migliaia di donne colpite dalla neoplasia, possano in futuro venire evitate una serie di terapie invasive. 
Novità importanti per quanto riguarda quindi il tumore al seno e la sua prevenzione.

Queste nuove indagini hanno lo scopo di individuare per quali pazienti sono consigliati i trattamenti più aggressivi e per quali è cosa giusta evitarli. La tendenza è quella di introdurre meno terapia possibile.
Due ricerche mettono in questione la necessità di interventi chirurgici per casi di cancro del seno già diffusi ad altri organi: in questi casi le cure standard prevedono chemioterapia e operazioni di rimozione del tumore originario.

Una ricerca però su 350 donne con un tumore diffuso non ha individuato nessun beneficio nelle pazienti. Dopo 4 anni dalla ricerca, il 40% delle donne era ancora in vita, sia quelle sottoposte ad operazione sia quelle che non avevano subito nessun intervento chirurgico.

Nessuna differenza statistica in termini di sopravvivenza dunque.
La ricerca è stata condotta da Rajendra Badwe, direttore del Tata Memorial Hospital di Mumbai, in India.
Un secondo studio guidato da Atilla Soran della università di Pittsburgh su 300 donne in Turchia ha dato risultati analoghi.

Claudine Isaacs, specialista del Georgetown University’s Lombardi Comprehensive Cancer Center, conferma l’importanza di questi dati per la lotta al tumore al seno. Ora anche negli Stati Uniti si cercano risorse per studi simili e avere quindi ulteriori conferme che possano aiutare le donne.