diredonna network
logo
Stai leggendo: Green gym, la ginnastica verde all’aria aperta

Giornata Nazionale del Sollievo: terapia del dolore e cure palliative, il diritto di non soffrire

Perché ti mangi le unghie? Colpa della mamma o di queste 4 cose

Chi da piccolo è stato scout soffre meno d'ansia e di problemi mentali

Non riesci a ricordare i nomi? Ora sai perché

Perché ti è venuto un herpes labiale

Anello anticoncezionale vaginale: pro e contro e come si usa

Fidget Spinner, va bene la moda, ma occhio alla bufala sulla salute

Papilloma Virus HPV: cos'è la conizzazione del collo dell'utero

Anedonia: quando sesso, cibo e piaceri della vita non ci interessano

Nap Class, tutti in palestra a lezione di... pisolino

Green gym, la ginnastica verde all'aria aperta

Vangare, zappare, rastrellare, seminare, potare alberi e creare recinzioni. Ma anche preparare la terra o estirpare l'erba. Ecco la green gym, la ginnastica a contatto con Madre Natura, un incrocio tra il fitness e l'ambiente bucolico, che sta diventando una delle tendenze del momento. Nata in Gran Bretagna una quindicina di anni fa per volontà del medico William Bird, membro dell'associazione BCTV ( British Trust for Conservation Volunteers), vuole unire all'attività fisica un nuovo tipo di volontariato di tipo ecologico, all'insegna della salute e del rispetto dell'ambiente. I benefici, secondo gli esperti, sono molteplici, innanzitutto dovuti all'allenamento praticato all'aria aperta.

Cos’è e dove si pratica?

Si chiama Green Gym ed è la nuova frontiera dello sport e del movimento, un nuovo tipo di ginnastica da fare a contatto con Madre Natura, un incrocio tra il fitness e il giardinaggio che si sta imponendo come nuova tendenza…
Già da alcuni anni in Italia, seppur in limitate regioni, vengono organizzate lezioni di Green gym con l’idea di unire l’attività fisica al volontariato ambientale. Così non solo si pratica ginnastica a contatto con la natura ma si imparano anche le tecniche di giardinaggio, si socializza, si aiuta l’ambiente e si bruciano calorie. Ovviamente degli esperti del settore (giardinieri in primis) affiancano gli inesperti che si affacciano su questo mondo della ginnastica alternativa per insegnargli come praticarla al meglio.
Magari anche vicino a voi c’è qualche associazione ambientalista (come Legambiente oppure WWF) che programma gite, giornate e seminari nella natura, per ripulire boschi e spiagge e, allo stesso tempo, per mantenersi in forma!

Muscoli & Buonumore

L’Oxford Brookes University sostiene, in relazione a uno studio sull’argomento, che l’attività fisica all’aria aperta fa bene alla respirazione, al sistema cardiocircolatorio e muscolare, oltre che all’umore, in quanto lo stretto contatto con il verde ha un effetto calmante e anti-depressivo. In secondo luogo, è una ginnastica sana, che ricalca i semplici ma tonificanti gesti dei contadini e permette di allenare tutte le fasce muscolari, come la schiena, le gambe e le braccia. Si bruciano moltissime calorie, si perde peso e ci si tonifica. Per ottenere risultati visivi, occorre allenarsi una volta alla settimana e, al contrario di quello che si potrebbe pensare, basta anche coltivare un piccolo orto sul terrazzo di casa. In Gran Bretagna in questi anni la green gym è diventata, oltre che una disciplina sportiva conosciuta a livello nazionale, un piccolo fenomeno di costume. Il dottor Bird è stato seguito da circa 6.000 persone in cinquantacinque progetti di lavoro e si è meritato la nomina di MBE (Member of the Order of the British Empire) da parte della regina Elisabetta. La tendenza, che è stata esportata in Australia, ha iniziato a prendere piede da poco anche in Italia. Alcune associazioni ambientaliste, come Legambiente o WWF, programmano gite, giornate e seminari nella natura, per ripulire boschi e spiagge e, allo stesso tempo, per mantenersi in forma.