diredonna network
logo
Stai leggendo: Combattere l’influenza con tante coccole!

Combattere l'influenza con tante coccole!

L'influenza sta arrivando e si preannuncia più "cattiva" che mai negli ultimi anni. C'è chi si prepara con vaccini e cerca di tutelare la proprio salute in ogni modo possibile, ma a volte non basta e ci si ammala comunque. Peccato però che ammalarsi voglia dire non poter andare a lavoro ed essere bloccati a casa senza poter nemmeno uscire e...senza fare sesso! Niente sesso? Sbagliato! Gli esperti ci rivelano il motivo!

Vi avevamo già preannunciato alcune settimane fa che l’influenza in arrivo per questo autunno/inverno 2012/2013 sarà assolutamente più “cattiva” di quelle passate e che gli specialisti erano al lavoro per creare un vaccino antinfluenzale abbastanza potente da contrastarla.

L’influenza che verrà colpirà dai 4 ai 6 milioni di italiani. Il dato è emerso da un incontro organizzato a Milano da Anifa, Associazione nazionale dell’industria farmaceutica e dell’automedicazione. Stando a quanto emerso da un’indagine commissionata dall’organizzazione è emerso che il 60 per cento degli italiani ricorre ai farmaci da banco, mentre il 30 per cento si affida ai rimedi della nonna. Pensate che una semplice influenza limita il 52% degli spostamenti degli italiani, il 42% non va a lavoro o a scuola, il 36% non esce di casa e il 25% rinuncia al sesso!

Niente sesso?!

Sbagliato! Secondo gli esperti non è necessario sottrarsi alle effusioni con il partner! Fabrizio Pregliasco, ricercatore del dipartimento di scienze biomediche per la salute dell’Università degli Studi di Milano spiega:
“Le coccole, salvo per il rischio di trasmettere l’infezione al partner, fanno bene perché permettono il rilascio di proteine che aumentano la risposta immunitaria”.
fonte: tgcom24