logo
Stai leggendo: Mani gonfie al mattino o durante il giorno? Ecco da cosa potrebbe dipendere

Mani gonfie al mattino o durante il giorno? Ecco da cosa potrebbe dipendere

Perché spesso notiamo di avere le mani gonfie? Ecco quali sono le cause più comuni di questo disturbo.
mani gonfie

A molte persone può capitare di svegliarsi con le mani piuttosto gonfie, o persino di avere questo problema per tutta la giornata, non solo al mattino.
Il gonfiore agli arti, e in particolar modo alle mani, è un sintomo comune di alcune alterazioni fisiologiche, che, nella maggior parte dei casi, sono passeggere e non pericolose. Il problema è quando il gonfiore si accompagna a dolore nel tentativo di muoverle o anche da ferme, a formicolio e a difficoltà di toccare gli oggetti, cose che possono rendere complicata la qualità della vita quotidiana. Proprio per questo motivo, è importante capirne le cause del gonfiore, al fine di individuare i rimedi più adatti.

Mani gonfie al mattino

Non è raro notare che le mani sono gonfie al risveglio, e la cosa può avere diverse cause, anche se una delle più frequenti è la ritenzione idrica. Il gonfiore alle mani è chiamato infatti anche edema, e dipende spesso proprio dai liquidi che possiamo trattenere durante le ore notturne. Può succedere però anche nei casi in cui, per esempio, ci sia un eccesso di sodio nella dieta, per via della sindrome premestruale oppure negli ultimi mesi di una gravidanza.

Le mani gonfie in gravidanza

mani gonfie in gravidanza
Fonte: web

Già, tra i tanti disturbi che possono presentarsi durante i nove mesi di gravidanza, il gonfiore delle mani e dei piedi è uno di quelli più frequenti, soprattutto nel terzo trimestre. Spesso il gonfiore può dipendere dalla produzione di progesterone, un ormone che ha un effetto vasodilatatore sulle pareti dei vasi sanguigni, e che rallenta la circolazione.
Se il gonfiore alle mani è eccessivo, o si allarga al viso, è opportuno segnalarlo al medico, perché potrebbe trattarsi di preeclampsia (o gestosi). Per alleviare il disturbo può essere invece utile praticare un massaggio alle mani e ai piedi con una crema o un olio a base di ippocastano e sambuco, fare stretching per sciogliere le articolazioni, e infine usare alcune accortezze alimentari, ad esempio limitare il sale e i farinacei – soprattutto se ricchi di lievito come pane o, ahimé, pizza – oppure mangiare frutti di bosco, ricchi di flavonoidi che migliorano la funzionalità vascolare.

Le cause delle mani gonfie

mani gonfie cause
Fonte: web

Va detto che non sempre individuare le cause principali delle mani gonfie è semplice, dato che possono essere diverse, numerose e riconducibili a malattie o deficit piuttosto simili tra loro. Solitamente il gonfiore alle mani, come abbiamo visto, è causato da ritenzione idrica, ma non è l’unica ragione possibile. Le mani infatti si possono gonfiare anche se si ha un’infiammazione delle articolazioni, come nel caso dell’artrite e dell’artrite reumatoide, che tuttavia sono solitamente accompagnate anche da dolore, rossore e calore sulla parte; oppure se c’è un’infezione in corso, caso in cui al gonfiore delle mani si associa la febbre.

Altre cause scatenanti possibili sono la cattiva circolazione sanguigna o la sindrome del tunnel carpale, oppure l’assunzione di una posizione errata durante il sonno o l’attività lavorativa. Infine, tra i fattori rientrano anche traumi, cancro, obesità, ipertiroidismo e ipertensione.

Meritano un capitolo a parti i farmaci, soprattutto gli antidepressivi, gli steroidi e i medicinali per la terapia ormonale, come la pillola anticoncezionale o per la menopausa, e, infine, i farmaci per tenere sotto controllo il diabete e la pressione alta, tutti medicinali da cui può dipendere il gonfiore agli arti.

I rimedi principali per le mani gonfie

mani gonfie rimedi
Fonte: web

Per capire come intervenire rispetto al gonfiore delle proprie mani il consiglio più importante è quello di fare una diagnosi che possa indicare la giusta terapia.
Per i casi più semplici, tuttavia, si possono seguire alcune elementari regole base, come, ad esempio, limitare al massimo l’utilizzo del sale nella propria dieta, ingrediente che favorisce la ritenzione idrica e quindi l’edema. Anche bere almeno 2 litri di acqua al giorno, evitando alcool e caffeina, è un norma estremamente importante, unitamente all’esercizio fisico teso ad agevolare la circolazione. Sollevate spesso le braccia verso l’alto stringendo i pugni per favorire una migliore circolazione sanguigna e per far defluire i liquidi in eccesso, oppure immergete le mani in una soluzione salina, magari aggiungendo un pizzico di curcuma, tra i migliori rimedi naturali per alleviare il fastidio.