logo
Galleria: La battaglia di Michael J. Fox contro il Parkinson: il coraggio di non nascondersi

La battaglia di Michael J. Fox contro il Parkinson: il coraggio di non nascondersi

La battaglia di Michael J. Fox contro il Parkinson: il coraggio di non nascondersi
Foto 1 di 13
x

Tra quelle di noi che sono state giovani negli anni ’80 ce ne sono tante che erano innamoratissime di Michael J. Fox. L’attore, che anche in Italia fece il botto prima in tv con Casa Keaton e poi con la trilogia di Ritorno al futuro, lotta da ben 28 anni contro il morbo di Parkinson, per cui ha anche creato la Michael J. Fox Foundation, che si occupa di raccogliere i fondi per la ricerca contro questa condizione, contro la quale ancora non esiste la cura.

Tremore alle mani: non è sempre Parkinson. Ecco cos'è.

Tremore alle mani: non è sempre Parkinson. Ecco cos'è.

Dopo essere scomparso per diversi anni dallo schermo, per ovvi motivi, Michael J.Fox è tornato nel 2013 con la serie televisiva per la NBC: The Michael J. Fox Show, sitcom ispirata dalla sua storia personale, quindi nel 2017 per interpretare per cinque episodi Ethan West, un avvocato molto ammanicato in politica, nella seconda stagione della serie tv Designated Survivor.

Proprio nel marzo del 2019, però, l’attore ha rilasciato un’intervista al New York Times Magazine in cui ha confessato di aver avuto altri problemi di salute.

“Stavo avendo un problema ricorrente al midollo spinale. Mi è stato detto che era benigno ma se rimaneva statico avrei avuto una minore sensibilità alle gambe e difficoltà a muovermi. E poi improvvisamente ho iniziato a cadere molte volte. Stava diventando una situazione ridicola.

Stavo cercando di capire cosa era legato al Parkinson e cosa al problema spinale. Ma si è arrivati a un punto in cui era necessaria un’operazione chirurgica. Quindi mi sono operato e quindi sottoposto a un’intensa fisioterapia. Ho fatto tutto e  mi sono arrivate proposte di lavoro. In agosto sarei dovuto tornare al lavoro. Mi sono svegliato, sono andato in cucina per fare colazione, sono inciampato e sono caduto. Mi sono fratturato il braccio.

L’ho fatto perché avevo delle aspettative ottimistiche verso di me, anche perché alcuni risultati me lo avevano fatto pensare, ma ho inoltre vissuto dei fallimenti. E non ho dato il giusto peso proprio agli elementi negativi“.

Attualmente, Michael sta lavorando a una nuova autobiografia, mentre gli altri appuntamenti professionali sono momentaneamente in stand by. La salute, del resto, è la cosa più importante.

In gallery ripercorriamo la vita e la carriera di Michael J. Fox.