Uno dei problemi più diffusi e fastidiosi per le donne è l’emicrania mestruale. La buona notizia è che esiste un modo per eliminarla (finalmente)!

Secondo quanto affermato dal dottor Vincenzo Tullo, neurologo e responsabile dell’Ambulatorio sulle cefalee di Humanitas LAB, il mal di testa da ciclo è provocato dai normali squilibri ormonali tipici e anche da una predisposizione genetica. A causarlo sarebbe l’abbassamento fisiologico degli estrogeni, che si verifica qualche giorno prima dell’inizio del ciclo.

Il calo di estrogeni può provocare, a livello cerebrale, una vasodilatazione (causa primaria del mal di testa). Oltre al dolore, che può essere lancinante, si può soffrire di nausea, vomito, disturbo alla luce, ai suoni e agli odori. Secondo la Cleveland Clinic, l’emicrania è tre volte più comune nelle donne e oltre il 60% di loro riferisce una connessione tra le mestruazioni e gli attacchi di emicrania. Essendo il mal di testa da ciclo causato dalle variazioni ormonali, a soffrirne possono essere anche le donne in perimenopausa o in menopausa.

Emicrania: nuove speranze per chi soffre di mal di testa invalidanti e ricorsivi

Secondo la dottoressa Jessica Ailani, neurologa presso il Georgetown University Hospital di Medstar, “Soffrire di emicrania mestruale solo nei giorni del ciclo o in quelli immediatamente precedenti è piuttosto raro. La maggior parte delle donne ha un’emicrania legata al ciclo mestruale, il che significa che si verifica sia durante il ciclo che in altri momenti del mese”.

La cura

Esistono diversi modi attraverso i quali si può porre fine al mal di testa da ciclo. La prima cosa da fare è seguire sane abitudini, come nutrirsi in modo equilibrato – cercando di limitare il più possibile il consumo di caffè e alcol – dormire il giusto quantitativo di ore e fare sport. In questo modo si andrà ad alleviare lo stress, la causa principale di molti mal di testa.

Osmofobia, cosa accade quando il mal di testa rende insopportabile gli odori

Può anche aiutare sdraiarsi in una stanza buia e silenziosa, massaggiandosi delicatamente le tempie. Un panno freddo sulla fronte può dare ulteriore sollievo, così come lo yoga dolce.

Dal punto di vista farmacologico, invece, possono essere d’aiuto gli analgesici come il paracetamolo, gli antinfiammatori non steroidei (come l’ibuprofene), i farmaci anti-nausea e gli integratori di estrogeni o di magnesio. Esistono anche degli spray nasali ad azione rapida che possono offrire un aiuto importante.

Articolo originale pubblicato il 28 Marzo 2022

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!