diredonna network
logo
Stai leggendo: Omeopatia? Una roba da donne!

Ovaria, un rimedio omeopatico per "curare" le tendenze lesbiche: è polemica

E se farsi la doccia facesse male? "Non mi sono lavato per un anno ed ecco cos'è successo"

"Ho dimenticato l'assorbente interno nella mia vagina per 9 giorni"

Connie guarisce dall'anoressia e posta le foto del suo corpo su Instagram: "C'è vita dopo la malattia"

Questo è il motivo per cui l'aborto dovrebbe essere legale ovunque

Mestruazioni: 7 risposte a 7 dubbi che anche una donna adulta ha

"Il valore della leggerezza, anche quando il tuo bimbo muore di cancro a 7 anni"

Perché dovreste fare attenzione a cosa dice questa riga bianca sul pollo

Vamping, FOMO, nomofobia: le nuove patologie di ragazzi (e bambini) superconnessi

Mai provato il crawling? In forma... gattonando

Omeopatia? Una roba da donne!

L’Osservatorio Nazionale sulla Salute della donna pubblica i risultati di un’indagine
Omeopatia? Una roba da donne!

Le italiane adorano curarsi con i rimedi alternativi e sono seguaci assidue dell’omeopatia: ben 9 milioni di nostre connazionali hanno acquistato almeno una volta nella vita un rimedio omeopatico e il 70% ha dichiarato di essere rimasto soddisfatto e di aver ripetuto l’acquisto.

Questi dati sono emersi da una recente indagine condotta dall’Osservatorio Nazionale sulla Salute della donna: l’omeopatia sembra quindi un rimedio privilegiato dal gentil sesso, che tuttavia gradirebbe avere maggiori informazioni su questa medicina alternativa, in particolare perché In Italia non è possibile scrivere le indicazioni terapeutiche e la posologia sulla confezione e sul foglietto illustrativo dei rimedi omeopatici.

I problemi per cui ci si rivolge maggiormente all’omeopatia sono le malattie da raffreddamento e il rafforzamento delle difese immunitarie, attualissimi in questo periodo di influenza. Il paziente tipo dell’omeopatia, poi, è attento, scrupoloso e segue le indicazioni e i consigli del medico o del farmacista, non è di certo un facilone che cerca di curarsi con il primo farmaco da banco reperito in parafarmacia. Tutte caratteristiche tipicamente femminili: dall’indagine emerge inoltre che le donne si fanno carico anche dei problemi di salute di tutta la famiglia con l’acquisto di rimedi per curare, oltre a sé,  il marito, i figli, i genitori.