diredonna network
logo
Stai leggendo: Alzheimer: conoscere più lingue aiuta a ritardarlo

La sindrome di Stendhal: l'attacco di panico per eccesso di bellezza

Ecco cosa prova un dislessico quando legge

"Borotalco cancerogeno": maxi risarcimento da Johnson & Johnson a una donna con cancro alle ovaie

Sonnambulismo, 6 cose da sapere su chi cammina nel sonno

Alimenti lassativi: quali sono e come assumerli

L'herpes genitale è un'infezione sessualmente trasmissibile. Quando siamo più a rischio?

Lingua a carta geografica: cos'è e come si cura

Spasmofilia, la "malattia invisibile" di chi è sempre stanco

Depurativo antartico: il segreto della dieta tisanoreica

La dieta senza glutine fa dimagrire, fa male o fa bene?

Alzheimer: conoscere più lingue aiuta a ritardarlo

Conoscere più lingue ritarda la comparsa dell'Alzehimer.La malattia della memoria infatti può essere ritardata grazie alla conoscenza di lingue straniere.
(foto:Web)
(foto:Web)

L’Alzheimer è sicuramente una delle malattie mentali più temute del nostro secolo e molte sono le ricerche per aiutare le persone che ne sono affette, o che cercano di capire come prevenirne la comparsa.
Sembra proprio, secondo gli ultimi studi, che conoscere altre lingue possa ritardare l’arrivo della malattia.
A scoprirlo Manfred Back, scienziato tedesco, che ha rivelato come l’apertura mentale a più lingue sia efficace per allontanare la comparsa dell’alzheimer.
Allenare la mente con altre lingue infatti ritarda la malattia della memoria di almeno 5 anni, anche se lo studio dona risultati ancora più positivi, assicurando che la comparsa dell’alzheimer si può ritardare di anche 15 anni.
L’alzheimer colpisce le persone anziane a partire dai 65 anni. Ma le persone più aperte alle lingue straniere hanno dimostrato come i primi effetti siano arrivati non prima dei 70, alcuni anche verso gli 80.

Secondo studi inglesi, il “bilinguisimo” è stato definito una vera e propria arma contro la malattia.