Chi l’avrebbe mai detto che una bella e buona bottiglia di vino potesse essere usata anche per il benessere e la salute del proprio corpo? Sicuramente non in molti, a meno che non si conoscano i tanti benefici della vinoterapia o wine therapy.

La vinoterapia consiste in una serie di trattamenti specifici che puntano al benessere del corpo (e non solo) attraverso l’utilizzo delle tantissime proprietà contenute nell’uva e nel suo derivato principe, appunto il vino. Ma quali sono queste proprietà e come si effettua la vinoterapia? Proviamo a scoprirne qualcosa in più.

Cos’è la vinoterapia?

Come detto, e come si intuisce dal termine stesso, la vinoterapia è una particolare tipologia di trattamento (o serie di trattamenti) che si effettua grazie all’utilizzo dell’uva, del vino rosso e del mosto. Il frutto della vite ha infatti infinite proprietà tonificanti, antiossidanti e detox e dalle molteplici qualità volte al benessere del nostro corpo.

Ogni vino, infatti, ha diverse peculiarità e può essere usato per una funzione ben precisa. Per esempio:

  • il Chianti è famoso per le sue proprietà rilassanti così come il Sauvignon, motivo per cui viene spesso utilizzato durante i massaggi;
  • sia il Merlot che il Cabernet si impiegano nella preparazione di peeling e scrub per la pelle;
  • il Lambrusco è particolarmente ricco di antiossidanti svolgendo un’importante azione anti age.

Una tradizione che arriva da tempi passati, tanto che già nell’antica Grecia, nelle popolazioni arabe e nei Romani l’uva veniva utilizzata a scopi salutari e nei trattamenti di bellezza e/o cosmetici.

In età moderna, invece, la vinoterapia trova il suo luogo di nascita nella regione di Graves, non molto lontano da Bordeaux, sede di molte tra le più datate aziende vinicole europee, ad opera di due innovatori nel settore del benessere e della bellezza, Bertrand Thomas e Matilde Cathiard.

Una terapia, quindi, che sfrutta le proprietà dell’uva applicandone ai diversi trattamenti che abitualmente vengono svolti per prendersi cura del corpo e non solo.

Come si effettua la vinoterapia?

Tra quelli più utilizzati, infatti, ci sono i classici massaggi rilassanti e/o tonificanti, la preparazione di scrub specifici per la pelle a base di vinacce essiccate, maschere antiossidanti per il viso, bagni rilassanti e tonificanti al vino rosso, ecc. Tutti eseguiti e preparati in base alle diverse peculiarità del vino che viene utilizzato e dell’effetto che si vuole ottenere.

Insomma, i classici trattamenti di benessere che potreste comunemente trovare in una beauty farm, ma tutti eseguiti e preparati con prodotti a base di vino e uva. E con la particolarità aggiuntiva che si possono replicare anche comodamente a casa propria, in modo semplice e super efficace.

Per esempio preparandovi uno scrub corpo a base di vino, unendo questo ingrediente con zucchero di canna, miele e olio essenziale di limone e massaggiando il composto su tutto il corpo con movimenti circolari. Questo esfoliante è ottimo per eliminare le cellule morte dalla pelle e alleviare gli ispessimenti della cute nelle zone come talloni e gomiti.

O ancora applicandovi una maschera viso a base di:

  • 50ml di vino rosso;
  • un cucchiaio di argilla (benissimo quella bianca);
  • un cucchiaino di miele a scelta;
  • qualche goccia di olio di argan o vinaccioli.

Perfetta per prevenire i segni dell’età e per levigare in modo naturale e dolce la pelle del volto.

Kobido, il massaggio che promette l'effetto lifting senza chirurgia

Vinoterapia: effetti e benefici

Ma perché proprio l’uva e i suoi derivati? Ovviamente per i tantissimi benefici insiti in questo piccolo ma super salutare frutto. L’uva, infatti, possiede moltissime proprietà tra cui quelle:

  • antiossidanti, che derivano dalla presenza dell’acido linoleico, dei polifenoli e bioaflavonoide contenuti nella buccia e nei semi (vinaccioli);
  • anti age;
  • purificanti;
  • depurative.

Che la rendono un alimento utilissimo nei trattamenti estetici. Ma non solo, nell’uva infatti è presente anche una buona dose di quercetina e resveratrolo, in grado di:

  • stimolare il microcircolo;
  • rinforzare le pareti dei capillari;
  • contrastare i radicali liberi;
  • ridurre le rughe del viso;
  • favorire il dimagrimento.

Oltre, poi a produrre un effetto calmante e rilassante per tutto il corpo. Ma attenzione, il vino non fa bene solo come trattamento di bellezza.

Berlo con moderazione, infatti, favorisce la corretta circolazione del sangue, aiuta le vene e le arterie a liberarsi da eventuali incrostazioni che si formano sulle loro pareti e, se degustato durante i pasti, aiuta il processo digestivo.

Una serie di benefici che fanno della vinoterapia un trattamento principe per chi desideri prendersi cura della propria pelle, migliorandone l’elasticità e la circolazione, ma anche per chi voglia combattere in modo naturale problemi come la cellulite, tonificando la parte e allo stesso tempo regalando morbidezza e setosità a tutta la cute.

Tutti gli effetti e i benefici del siero alla vitamina C sulla pelle del viso

Vinoterapia: dove si fa?

Il tutto, come detto, a casa propria o in dei centri specializzati in vinoterapia o che offrono trattamenti di questo genere all’interno della loro struttura. In Italia, infatti, sono tantissime le regioni in cui è possibile sottoporsi a dei trattamenti di vinoterapia, in un mix perfetto tra relax, benessere ed enogastronomia.

Partendo dal Trentino Alto Adige, al Piemonte, dall’Emilia Romagna all’Umbria, dalla Toscana (che offre tantissime possibilità e strutture anche grazie alle caratteristiche del territorio) fino alla Sicilia, la vinoterapia è una tecnica molto gettonata, impreziosita dalla peculiarità e tradizioni tipiche del luogo in cui si effettua.

Per esempio sull’Isola di Vulcano, al Therasia Resort Sea & Spa, oltre a degli splendidi massaggi a base di vino, vengono utilizzati dei saponi preparati con le pietre vulcaniche, vinaccioli e malvasia, per dei trattamenti rigeneranti, purificanti e idratanti per la pelle. O il Borgo Scopeto Relais in Toscana, sulle colline Senesi, che oltre alla vinoterapia offre una linea di prodotti di bellezza derivanti dal borgonero.

Nel chianti, poi, al Castellare de’ Noveschi, è possibile unire le tecniche e i benefici della balneoterapia a quelli della vinoterapia, immergendosi in dei bagni di vini fruttati e sali, che riattivano la circolazione e il benessere del corpo.

Le possibilità, quindi, sono davvero tantissime, distribuite su tutta la penisola e accessibili a tutti. Dei veri templi di bellezza e salute sia per il corpo che per la mente, dove potersi far coccolare dalla sapienti mani di esperti del settore e dai mille benefici che solo l’uva e il vino sanno donare, per un benessere che tocca tutti i sensi.

Articolo originale pubblicato il 5 Novembre 2021

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!