logo
Stai leggendo: A cosa serve il dentifricio e i migliori per tutti i tipi di denti

A cosa serve il dentifricio e i migliori per tutti i tipi di denti

Il dentifricio, l'alleato per la nostra igiene orale, dona benefici per la salute di tutta la bocca. Vediamo a cosa serve, le tipologie di dentifrici, come farlo in casa e i migliori sul mercato.
dentifricio

Lavare i denti è un’azione quotidiana di grande importanza, perché aiuta a prevenire diversi problemi legati alla salute. L’igiene orale, infatti, previene la proliferazione dei batteri e comporta un apporto significativo al benessere non solo della bocca, ma di tutto l’organismo. Per farlo usiamo solitamente il dentifricio, applicato sui denti tramite lo spazzolino.

Ma a cosa serve esattamente il dentifricio e come mai è così importante usarlo, invece di lavare i denti solamente con acqua e spazzolate vigorose? Vediamo insieme i diversi benefici del dentifricio, le tipologie di prodotto, come farlo in casa e i migliori sul mercato.

Dentifricio: a cosa serve e come usarlo

Il dentifricio è un prodotto frequentemente usato nell’igiene quotidiana. Ne esistono di tanti tipi, adatti alla pulizia e alla cura dei denti. La maggior parte dei dentifrici in commercio si trova in pasta o gel e contiene fluoro, usato per prevenire la formazione di carie. Il dentifricio serve principalmente a rimuovere la placca, coadiuvare l’uso dello spazzolino che riesce a muoversi più facilmente e in modo più gradevole, e a lasciare la bocca pulita e profumata.

Inoltre, i dentifrici hanno diversi obiettivi: combattere il tartaro, contrastare l’alitosi, rinforzare le difese della cavità orale, sbiancare i denti e desensibilizzarli. Quasi tutti i dentifrici contengono fluoro, che è stato riconosciuto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) come agente ottimale per contrastare le carie. La quantità contenuta non deve superare i 1500 ppm (parti per milione). L’uso del dentifricio fluorato non è adatto ai bambini sotto i 3 anni, che potrebbero ingerirne in grande quantità, mentre può essere utilizzato in tutto il resto della vita.

Per beneficiare al meglio delle proprietà del dentifricio è bene usarne una quantità non troppo elevata, in modo che non crei troppa schiuma. È importante infatti riuscire a vedere dove agisce lo spazzolino ed eventuali problemi come sanguinamento delle gengive o presenza di tartaro. Gli esperti consigliano di lavarsi i denti almeno due volte al giorno e non più di tre.

Tipologie di dentifricio

Le necessità dentarie e della cavità orale possono variare a seconda della persona, e per questo esistono ormai diverse tipologie di dentifricio, adatte a chiunque. Vediamo le principali categorie con cui si dividono i dentifrici in commercio, anche se è bene considerare che esistono anche prodotti per la protezione totale, per chi non presenta nessun fastidio in particolare o vuole un’azione completa.

Dentifricio antiplacca

I dentifrici antiplacca contengono sostanze antibatteriche che contrastano la formazione di placca. I più usati sono il cloruro di sodio, ossia il classico sale da cucina, che stimola la produzione di saliva contenente agenti antibatterici, lo iodio e sali di metalli come zinco, stagno e alluminio. Questi elementi hanno un’azione antisettica diretta, oppure producono una patina protettiva su denti e gengive per prevenire l’accumulo di placca.

Dentifricio anticarie

I dentifrici anticarie proteggono la cavità orale dalla formazione di carie, uno dei problemi che può causare più dolore e fastidio ai denti. Tra gli ingredienti presenti c’è il fluoro che rimineralizza lo smalto e svolge un’azione antibatterica. Inoltre, il fluoro penetra negli strati più superficiali dello smalto e si lega agli ioni calcio che formano l’idrossiapatite, per renderli più resistenti allo sfaldamento da parte degli acidi della placca.

Dentifricio sbiancante

Il dentifricio sbiancante ha il compito di eliminare le pigmentazioni sulla superficie dei denti causate da placca e tartaro, ma anche da cibi, bevande e fumo. Contengono solitamente detergenti e microsfere a bassa abrasività. Grazie allo strofinamento, questi dentifrici riescono a ripristinare il colore e la brillantezza dei denti, ma bisogna fare attenzione al livello di abrasività: se è più alto, è necessario alternare l’uso del dentifricio sbiancante a uno normale perché potrebbe grattare e rovinare lo smalto. Esistono anche quelli al carbone, per sbiancare i denti in maniera naturale.

Dentifricio Antitartaro

L’azione dei dentifrici antitartaro è volta principalmente a prevenire la formazione di tartaro sopra e tra i denti, una calcificazione della placca che, se si accumula, può essere eliminata solo attraverso un’approfondita pulizia dal dentista. Contengono per lo più pirofosfati, agenti che impediscono la precipitazione dei sali di calcio, la principale causa di accumulo di tartaro.

Dentifricio per la sensibilità

Un problema significativo dei denti è la troppa sensibilità a freddo, caldo o dolci e acidi. I dentifrici desensibilizzanti aiutano a rimineralizzare smalto e dentina, e rendere la dentatura meno sensibile. Presentano sostanze tra cui sali di fluoro e idrossiapatite, talvolta anche cloruro di stronzio, nitrato di potassio e zinco citrato. Il dentifricio desensibilizzante protegge sia i denti che le gengive infiammate, grazie alla creazione di un film lipofilo.

Dentifricio senza fluoro

Oggi sempre più persone optano per il dentifricio senza fluoro, specialmente per i bambini. C’è infatti chi preferisce un prodotto il più possibile naturale, senza conservanti e sostanze chimiche. È comunque efficace, quanto un prodotto classico e garantisce la corretta igiene orale, partecipando ala lotta contro la formazione di carie e placca, grazie agli ingredienti e oli essenziali da cui è composto. Inoltre non risulta aggressivo per i denti e rispetta il pH della mucosa orale.

Dentifricio sui brufoli: verità o leggenda?

Un rimedio casalingo molto noto è il dentifricio sui brufoli per eliminare l’acne. Ma questa credenza è davvero efficace, o è solo una bufala? La tradizione deriva dal passato, quando i dentifrici contenevano triclosan, un antimicrobico che aiutava a disinfettare le aree colpite dall’acne, ma che oggi non è quasi più contenuto in nessun prodotto.

I dermatologi sconsigliano vivamente l’applicazione di dentifricio sulla pelle del viso, poiché come spiegano gli esperti di Humanitas il dentifricio non funziona come cura al problema dell’acne, ma ha solamente un effetto essiccante momentaneo. Il bicarbonato di sodio e l’alcol presenti nella maggior parte dei dentifrici, infatti, agiscono come asciuganti, ma la pelle soggetta ad acne reagisce alla secchezza producendo più brufoli. Inoltre, i dentifrici che contengono sbiancanti, collutorio e coloranti irritano la pelle e causano arrossamento.

Dentifricio fai da te: come farlo in casa

Come la maggior parte dei prodotti per la cura del corpo, è possibile creare un dentifricio fai da te, seguendo un procedimento abbastanza semplice. La cosa più importante è scegliere gli ingredienti giusti, dopo di che le ricette per fare un buon dentifricio sono svariate. I più comuni e facili da ricreare sono quelli all’acqua e bicarbonato, al sale e alla menta, ma esistono varianti molto efficaci anche con l’aloe, l’olio di cocco e l’olio di neem.

Per creare la soluzione con il bicarbonato basta versare un cucchiaino di prodotto dentro un bicchiere d’acqua, mescolare e applicare con lo spazzolino. Il bicarbonato si scioglie in acqua e non graffia i denti, ma garantisce un effetto sbiancante. Per coprire il sapore poco gradevole, è possibile anche aggiungere qualche goccia di limone.

Per ricreare la ricetta alla menta, bisogna procedere mescolando due cucchiai di argilla verde in polvere, disponibile online o in negozi specifici, con un cucchiaio di bicarbonato di sodio. Inserire poi due chiodi di garofano ridotti in polvere, aggiungere acqua e infine due gocce di olio essenziale alla menta, e mescolare fino ad ottenere una pasta liscia, con proprietà anti infiammatorie e antisettiche, ed efficace per un alito fresco.

I 5 migliori dentifrici

Dato il frequente e diffuso utilizzo di dentifrici, in commercio esistono moltissimi prodotti, più o men buoni per la pulizia dei denti. A seconda dei diversi problemi e delle necessità della bocca dei consumatori, vediamo 5 tra i migliori dentifrici acquistabili anche online.

1. Sensodyne Complex

dentifricio
Fonte: Web

Il dentifricio Sensodyne Complex aiuta in diversi modi la salute della cavità orale. È uno dei marchi più consigliati per chi soffre di sensibilità a denti e gengive, poiché allevia qualsiasi tipo di dolore e fastidio e protegge le gengive da irritazioni. Contiene fluoro, ed è pertanto utile a contrastare le carie, rinforzare lo smalto e pulire in modo efficace anche le zone più difficili.
Acquista ora su Amazon.

2. Biorepair Total Protective Repair

dentifricio
Fonte: Web

Un dentifricio completo, che offre una protezione totale specialmente contro la formazione di carie e placca è Biorepair Total Protective Repair. La sua azione e gli ingredienti contenuti aiutano a remineralizzare la parete esterna dei denti e a rinforzare lo smalto. È indicato per riparare anche le piccole spaccature e a fornire protezione contro il tartaro. Un vero e proprio trattamento totale per la salute e il benessere dei denti.
Acquista ora su Amazon.

3. Parodontax

dentifricio
Fonte: Web

Molte persone soffrono di sanguinamento delle gengive, un problema diffuso e che può avere diverse cause. I dentisti e gli esperti del settore consigliano di curare questo fastidio il prima possibile, ed è possibile farlo grazie all’aiuto di Parodontax. Il dentifricio quotidiano creato proprio con l’obiettivo di fermare il sanguinamento riduce le infiammazioni e diminuisce la formazione di placca e tartaro. Particolare è il gusto salino di questo prodotto, che necessita di un periodo di adattamento per abituarsi, ma che lascia freschezza in bocca a lungo.
Acquista ora su Farmacia Rocco.

4. Pasta del Capitano Antitartaro

dentifricio
Fonte: Web

Il tartaro è uno dei fastidi maggiori per i denti, poiché si può accumulare e si può eliminare solo attraverso la pulizia approfondita dal dentista. Di conseguenza, è importante prevenire il problema, e il dentifricio Antitartaro di Pasta del Capitano è un ottimo prodotto per farlo. È privo di parabeni e SLS, contiene invece pirofosfati che hanno la funzione di evitare ai sali di calcio di precipitare creando problemi alla salute dei denti.
Acquista ora su Farmacia Rocco.

5. Gum HaliControl

dentifricio
Fonte: Web

Per un alito fresco e profumato, Gum HaliControl di Sunstar è un dentifricio in gel, specifico per contrastare l’alito cattivo e donare freschezza e salute alla bocca. Un prodotto di qualità, per una protezione immediata e prolungata nel tempo. La formula senza alcol aiuta a mantenere l’alito puro e sano neutralizzando i batteri che causano il cattivo odore.
Acquista ora su Amazon.

Rating: 5.0/5. Su un totale di 1 voto.
Attendere prego...