diredonna network
logo
Stai leggendo: Vaccino pediatrico contro l’Hiv: la prima sperimentazione parte in Italia

Vaccini, Piero Angela: "Le persone tendono ad avere un pensiero magico"

5 cose che solo un'ipocondriaca può capire

Voce rauca: cose che dice sul tuo stato di salute

Lista dei cibi acidi e cibi alcalini: quali fanno bene e quali fanno male

Farmaci e abbronzatura: antibiotico e sole sono compatibili?

Cleptomania, sindrome delle star: quell'impulso che spinge a rubare

La dieta del Dottor Mozzi e del gruppo sanguigno: facciamo un po' chiarezza

Bimbo morto di otite: "I farmaci omeopatici vanno usati insieme a quelli tradizionali"

Giornata Nazionale del Sollievo: terapia del dolore e cure palliative, il diritto di non soffrire

Papilloma virus, in arrivo il vaccino (gratis) anche per gli uomini

Vaccino pediatrico contro l’Hiv: la prima sperimentazione parte in Italia

Lo studio condotto dall’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma ha già dato i primi risultati positivi
(foto:Web)
(foto:Web)

In Italia parte la prima sperimentazione di un vaccino pediatrico e terapeutico contro l’Hiv. Lo studio dell’ Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, pubblicato sulla rivista Plos one, è condotto dall’immunoinfettivologo Paolo Palma in collaborazione con l’Università di Roma Tor Vergata, e ha riguardato due gruppi composti da 20 bambini nati infetti per via materna, paragonandone gli effetti a un gruppo di bambini che non ha ricevuto il vaccino. Da quanto si legge nella pubblicazione, la somministrazione del vaccino ha prodotto un incremento delle “risposte immunologiche potenzialmente in grado di determinare il controllo della replicazione del virus dell’Hiv”. Il vaccino terapeutico, in sostanza, non difende dall’infezione, ma permette al sistema immunitario di acquisire “istruzioni” in grado di ridurre la carica virale, impedendo che il virus si diffonda infettando nuove cellule.

La scienza sta cercando di fare numerosi passi avanti per contrastare il fenomeno dell’Hiv:  nel 2014, negli Stati Uniti inizierà un protocollo di sperimentazione per trattare l’Hiv in fase pediatrica. A dare ottime speranze ai ricercatori è stato soprattutto l’eccezionale caso di una bambina del Mississipi guarita dall’Hiv per mezzo di un cocktail di farmaci antiretrovirali somministrato nelle prime 30 ore dopo il parto. È stato il primo caso di remissione completa del virus in un bambino, in cui si è bloccata la replicazione del virus.