diredonna network
logo
Stai leggendo: Smettere di fumare fa ingrassare ma non perchè si mangia di più

Pillola dell'aborto: 4 cose che devi sapere

Talidomide, le vittime del farmaco che li ha resi bimbi e adulti mutilati

Trapianto per Selena Gomez: la sua migliore amica le dona un rene

Lady Gaga: "Ho la fibromialgia, parlarne è difficile ma può aiutare molti"

Anche gli uomini si ammalano di cancro al seno

Elena di Cioccio, l'ex Iena in versione sexy racconta l'endometriosi e lo yoga

Perché i perfezionisti sono più a rischio suicidio secondo la scienza

4 motivi per cui non dovresti bere acqua in bottiglie di plastica

Cosa succede se ti dimentichi di cambiare un assorbente interno per più di otto ore

"Perché se avete una riga sull'unghia come questa è importante che andiate dal medico"

Smettere di fumare fa ingrassare ma non perchè si mangia di più

Smettere di fumare fa ingrassare, ma non perchè si mangia di più!Ecco come è possibile.
(foto:Web)
(foto:Web)

Smettere di fumare non fa mangiare di più e lo conferma uno studio dell’University Hospital Zurich.

Certo, spesso dicendo addio alle sigarette la bilancia regala brutte sorprese ma il cambiamento è dovuto ad una trasformazione della flora intestinale. Il risultato dello studio lo riporta la rivista specializzata PlosOne, nella sua versione online.

“Durante il periodo di osservazione di 9 settimane sono stati raccolti campioni di feci, analizzati e confrontati con quelli di 10 soggetti di controllo (5 che continuavano a fumare e 5 non fumatori). Ebbene, durante il periodo di studio le persone che avevano smesso di fumare avevano anche guadagnato una media di 2,2 chili, anche se non avevano variato le loro abitudini alimentari.”

Dopo lo stop infatti sono stati rilevati profondi cambiamenti nella composizione microbica, con un incremento di Firmicutes e Actinobacteria e una percentuale inferiore di Bacteroidetes e Proteobacteria e un aumento della diversità microbica.

Il fumo è dunque un fattore ambientale in grado di modulare la composizione della flora intestinale umana.

I cambiamenti osservati sono risultati simili alle differenze rilevate in precedenza nelle persone obese rispetto agli esseri umani magri e i topi.