diredonna network
logo
Stai leggendo: Smettere di fumare fa ingrassare ma non perchè si mangia di più

Come eliminare una verruca plantare (e non farla tornare)

Finalmente la prima città al mondo che offre assorbenti gratis alle donne

Tremore alle mani: non è sempre Parkinson. Ecco cos'è.

"Questa è mia figlia: ecco perché dovete vaccinare i vostri bambini"

Tonsille criptiche: cosa sono, sintomi e cure, naturali e non

A ogni dolore fisico corrisponde un dolore emotivo: la mappa delle emozioni

Rash cutaneo: perché compare e cosa fare

Perché il Web è arrabbiato con questa modella incinta che fa sport

Ti senti sola? Per stare meglio devi parlarne, ma solo con una donna

Utero setto e gravidanza: è possibile restare incinta?

Smettere di fumare fa ingrassare ma non perchè si mangia di più

Smettere di fumare fa ingrassare, ma non perchè si mangia di più!Ecco come è possibile.
(foto:Web)
(foto:Web)

Smettere di fumare non fa mangiare di più e lo conferma uno studio dell’University Hospital Zurich.

Certo, spesso dicendo addio alle sigarette la bilancia regala brutte sorprese ma il cambiamento è dovuto ad una trasformazione della flora intestinale. Il risultato dello studio lo riporta la rivista specializzata PlosOne, nella sua versione online.

“Durante il periodo di osservazione di 9 settimane sono stati raccolti campioni di feci, analizzati e confrontati con quelli di 10 soggetti di controllo (5 che continuavano a fumare e 5 non fumatori). Ebbene, durante il periodo di studio le persone che avevano smesso di fumare avevano anche guadagnato una media di 2,2 chili, anche se non avevano variato le loro abitudini alimentari.”

Dopo lo stop infatti sono stati rilevati profondi cambiamenti nella composizione microbica, con un incremento di Firmicutes e Actinobacteria e una percentuale inferiore di Bacteroidetes e Proteobacteria e un aumento della diversità microbica.

Il fumo è dunque un fattore ambientale in grado di modulare la composizione della flora intestinale umana.

I cambiamenti osservati sono risultati simili alle differenze rilevate in precedenza nelle persone obese rispetto agli esseri umani magri e i topi.