diredonna network
logo
Stai leggendo: Smettere di fumare fa ingrassare ma non perchè si mangia di più

Perché ti mangi le unghie? Colpa della mamma o di queste 4 cose

Non riesci a ricordare i nomi? Ora sai perché

Anello anticoncezionale vaginale: pro e contro e come si usa

Fidget Spinner, va bene la moda, ma occhio alla bufala sulla salute

Giornata Nazionale del Sollievo: terapia del dolore e cure palliative, il diritto di non soffrire

Chi da piccolo è stato scout soffre meno d'ansia e di problemi mentali

Perché ti è venuto un herpes labiale

Papilloma Virus HPV: cos'è la conizzazione del collo dell'utero

Anedonia: quando sesso, cibo e piaceri della vita non ci interessano

Nap Class, tutti in palestra a lezione di... pisolino

Smettere di fumare fa ingrassare ma non perchè si mangia di più

Smettere di fumare fa ingrassare, ma non perchè si mangia di più!Ecco come è possibile.
(foto:Web)
(foto:Web)

Smettere di fumare non fa mangiare di più e lo conferma uno studio dell’University Hospital Zurich.

Certo, spesso dicendo addio alle sigarette la bilancia regala brutte sorprese ma il cambiamento è dovuto ad una trasformazione della flora intestinale. Il risultato dello studio lo riporta la rivista specializzata PlosOne, nella sua versione online.

“Durante il periodo di osservazione di 9 settimane sono stati raccolti campioni di feci, analizzati e confrontati con quelli di 10 soggetti di controllo (5 che continuavano a fumare e 5 non fumatori). Ebbene, durante il periodo di studio le persone che avevano smesso di fumare avevano anche guadagnato una media di 2,2 chili, anche se non avevano variato le loro abitudini alimentari.”

Dopo lo stop infatti sono stati rilevati profondi cambiamenti nella composizione microbica, con un incremento di Firmicutes e Actinobacteria e una percentuale inferiore di Bacteroidetes e Proteobacteria e un aumento della diversità microbica.

Il fumo è dunque un fattore ambientale in grado di modulare la composizione della flora intestinale umana.

I cambiamenti osservati sono risultati simili alle differenze rilevate in precedenza nelle persone obese rispetto agli esseri umani magri e i topi.