diredonna network
logo
Stai leggendo: La novità dell’estate: alcool negli occhi con l’Eyeballing

Pillola dell'aborto: 4 cose che devi sapere

Talidomide, le vittime del farmaco che li ha resi bimbi e adulti mutilati

Trapianto per Selena Gomez: la sua migliore amica le dona un rene

Lady Gaga: "Ho la fibromialgia, parlarne è difficile ma può aiutare molti"

Anche gli uomini si ammalano di cancro al seno

Elena di Cioccio, l'ex Iena in versione sexy racconta l'endometriosi e lo yoga

Perché i perfezionisti sono più a rischio suicidio secondo la scienza

4 motivi per cui non dovresti bere acqua in bottiglie di plastica

Cosa succede se ti dimentichi di cambiare un assorbente interno per più di otto ore

"Perché se avete una riga sull'unghia come questa è importante che andiate dal medico"

La novità dell’estate: alcool negli occhi con l’Eyeballing

Dalla Francia arriva la moda di utilizzare l’alcool come collirio e per ottenere così effetti “allucinogeni”. E’ una tendenza però che si basa su un falso mito, vediamo quale!
www.anziocitta.it
(Foto:Web)

 L’ultima moda sbarcata nel nostro paese direttamente dalla Francia è quella dei superalcolici utilizzati come collirio.

Bicchieri di vodka o whisky versati negli occhi per raggiungere lo sballo in pochi minuti, un modo rapido e veloce che fa sì che gli effetti dell’alcool arrivino direttamente al cervello, soprattutto perché generalmente è accompagnata da una grande ingestione di alcool e assunzioni di droghe: un mix di sostanze pericolose per la salute.

Questo è l’Eyeballing, una pratica pericolosa e da evitare perché se ubriacarsi fa male, assorbire gocce di alcoolici dagli occhi ne fa ancora di più.

 

Si sa che i giovani sono sempre alla ricerca del divertimento estremo e della novità ma questa purtroppo fa rima col pericolo… L’alcool negli occhi provoca una forte irritazione nelle pupille che comporta una distorsione delle immagini; quindi uno sballo sia visivo che organico che però può portare a svenimento.

Una tendenza bizzarra che comporta irritazioni, lacerazioni, bruciori, lesioni alla cornea, lacrimazione, impossibilità di aprire gli occhi fino ad arrivare alla perdita della vista o al trapianto di cornea obbligatorio.

Ma il dato allarmante è che il dolore e la paura di arrivare alla cecità non sembra preoccupare più di tanto i giovani.

Il tam-tam dei social network poi è poi deleterio per la diffusione capillare di questa moda, sono tantissimi infatti i video postati su Youtube in cui si vede chiaramente che la modalità tipica è appoggiare con forza la bottiglia direttamente sugli occhi forse per raggiungere più in fretta i picchi di ebbrezza e per permettere al corpo di assorbire ancora più alcool possibile.

«Tutto nasce da una leggenda metropolitana – spiega Gianni Testino, vice presidente della Società Italiana di Alcologia e responsabile del Centro Alcologico Ligure all’ospedale San Martino – Quella che l’alcool entri in circolo molto prima se assorbito dagli occhi. Un’idea che non ha alcun fondamento scientifico ma che si è diffusa molto in fretta tra i giovani».

Una falsa credenza perché l’alcool in circolo poi è poco ma è l’etanolo che crea più conseguenze perché essendo tossico produce delle alterazioni, come le allucinazioni, che si avvicinano molto ai sintomi di una qualsiasi droga e purtroppo sinonimo di divertimento per i ragazzi.

Eyeballing è una ulteriore tendenza pericolosa che non fa che confermare un’evidenza allarmante: ormai sempre più minorenni soffrono di dipendenza da alcool.

 

Perché i giovani ne cadono vittime?

I ragazzi oggi cercano pratiche estreme, l’alcool può essere definito una droga a tutti gli effetti, ancor più pericolosa perché legale ed a basso costo e che troppo spesso viene proposto come un valore positivo, uno status symbol che deve essere presente ad ogni evento altrimenti non è assicurato il divertimento.

Questi i motivi alla base della propagarsi dell’assunzione di alcool tra le fasce più giovani della popolazione.

Molto spesso l’alcool diventa il protagonista nella vita di adolescenti con una personalità debole e fragile, con una famiglia sempre meno presente, tutti elementi che li spingono a cercare stimoli per dimenticare, per non pensare ai problemi, alle difficoltà relazionali e sociali che si possono incontrare e vivere in un periodo delicato come quello dell’adolescenza.

Attraverso facebook i giovani si danno appuntamento nelle piazze dove si incontrano ed iniziano a bere non tanto per socializzare quanto per intossicarsi collettivamente; un gioco pericoloso che può essere evitato facendo rispettare le leggi in materia e promuovendo una campagna di sensibilizzazione sul messaggio che bere si può ma senza esagerare e che l’alcool non è poi così necessario per divertirsi.

 

Se assistete ad episodi simili o se conoscete qualcuno che ne fa uso non esitate a sottolineare che sono attività dannose.

La dipendenza da alcool non è uno scoglio insormontabile, intraprendere un percorso di psicoterapia è l’arma migliore per farvi fronte e per trovare un valido sostegno per uscirne.

Parliamone insieme e senza impegno!

 

Dott.ssa Cristina Colantuono

[email protected]

 

Grazie alla Dott.ssa Simona Falasca per l’aiuto nella stesura