diredonna network
logo
Stai leggendo: Il curioso caso di Isaac: il bambino che non sente dolore

"Questa è mia figlia: ecco perché dovete vaccinare i vostri bambini"

Come eliminare una verruca plantare (e non farla tornare)

Finalmente la prima città al mondo che offre assorbenti gratis alle donne

Tremore alle mani: non è sempre Parkinson. Ecco cos'è.

Tonsille criptiche: cosa sono, sintomi e cure, naturali e non

A ogni dolore fisico corrisponde un dolore emotivo: la mappa delle emozioni

Rash cutaneo: perché compare e cosa fare

Perché il Web è arrabbiato con questa modella incinta che fa sport

Ti senti sola? Per stare meglio devi parlarne, ma solo con una donna

Utero setto e gravidanza: è possibile restare incinta?

Il curioso caso di Isaac: il bambino che non sente dolore

Isaac non avvertedolore e la sua famiglia ha trovato aiuto da altre con gli stessi problemi
foto: www.repubblica.it
foto: www.repubblica.it

Isaac ha cinque anni e sembra un bambino normale: sta imparando l’alfabeto e a familiarizzare con i numeri. Eppure ,diversamente da tutti gli altri,sta imparando anche cosa significa la parola “dolore” e come stare alla larga dalle situazioni che possono provocarlo, anche se per lui tutto ciò non ha ancora molto senso: Isaac non è in grado di avvertire il dolore fisico.

Questa è la diagnosi che riguarda il piccolo Isaac Brown: Insensibilità congenita al dolore. Il piccolo è condannato a non sentire il male fisico e dunque ad essere esposto a qualsiasi pericolo. Già, perché il dolore protegge e aiuta le persone, ancor più se giovanissime e meno consapevoli, a contenersi nelle proprie azioni. I genitori del bambino stanno cercando di insegnarli come riconoscere diversamente i segnali che normalmente la sensazione di dolore fisico invia all’organismo. Oltre a dover insegnare al figlio come sentire dolore la famiglia si è sentita abbandonata poichè i medici non hanno potuto aiutare molto la famiglia Brown, che ha trovato invece su internet consigli efficaci per spiegare a Isaac come riconoscere il dolore. Carrie e Randy, i genitori, hanno trovato una pagina Facebook chiamata, non a caso, The Gift of Pain (il dono del dolore) e sono riusciti a insegnare al figlio a dire “ahi” in circostanze che possono causare una lesione.

Ci lamentiamo spesso del dolore che percepiamo ma non sentirlo potrebbe causarci la morte.