Addio a Francesca "Fraintesa" Barbieri. Queste sue parole sono state un dono VIDEO

"Nonostante il tumore sono la persona più fortunata del mondo", ci aveva detto quando ci eravamo incontrate per questo video. Francesca Barbieri, sui social Fraintesa, è morta. Le sue parole, però, possono ancora fare molto.

Next video

Sai come si fa l'autopalpazione del seno? [VIDEO]

Clear

***AGGIORNAMENTO***

Siamo stati contattati dalla famiglia e dagli amici di Francesca, che ci hanno segnalato che è stata attivata una raccolta fondi per l’AIRC in sua memoria.
I risultati che sta raggiungendo a poche ore dalla sua morte sono la dimostrazione che la vita di questa donna ha significato tanto per molte persone.
Questo è un altro grande dono che Francesca sta facendo alla ricerca e, quindi, a ognuna di noi.

Lasciamo qui il link per chiunque possa e voglia contribuire >>> https://donazioneinmemoria.airc.it/eventi/graziefraintesa

Addio a Francesca “Fraintesa” Barbieri. Queste sue parole sono state un dono
Articolo originale del 2 aprile 2021

Ci siamo incontrate nell’estate del 2019.
Ci si abbracciava ancora. E lo abbiamo fatto. Alla fine di questa intervista video girata allora a casa sua ci siamo strette forte.
Francesca Barbieri, per chi l’ha amata “da lontano” era Fraintesa, travel blogger appassionata dalla vita tutt’altro che patinata.

Ci sono tanti modi per affrontare una diagnosi di tumore al seno. Peraltro all’inizio sbagliata e sottovalutata, con conseguente ritardo delle cure.

Lei aveva scelto questo, di cui parla nel video, con un velo di rossetto sui denti di cui nemmeno noi che stavamo girando l’intervista ci eravamo accorti, prese dal suo entusiasmo e dal suo coraggio non di guerriera – lei non amava essere chiamata così – ma di donna che si è trovata ad affrontare la lotta che 1 su 9 di noi (dato AIRC, ottobre 2020) sta affrontando o si troverà ad affrontare.

Francesca è morta.
“Francesca è stata un dono per chiunque l’abbia conosciuta, anche solo virtualmente”: a tutte e tutti noi che la seguivamo da lontano lo ha comunicato Andrea, il suo compagno, in questo post

Non serve aggiungere altro.
Ognuno di noi ha il proprio modo di concepire la morte.
Francesca era tanta vita.
Rivederla oggi parlare così, in questo video girato quasi due anni fa, è doloroso. Ma se servirà affinché una sola di noi prenoti quell’appuntamento rimandato per “altri impegni” o decida di supportare l’AIRC, allora, oltre al dolore, alla rabbia e allo schifo avremo reso omaggio a Francesca, io credo, nel modo migliore che potessimo fare.

Non serve aggiungere altro.
Se non le parole di uno degli ultimi post di Francesca.
Parla alle donne con tumore al seno metastatico e a tutte noi.

Fraintesa: “Nonostante il tumore al seno, sono la persona più fortunata del mondo”
Articolo originale del 17 giugno 2019

Quella di una travel blogger, seguita da decine di migliaia di follower, in giro per il mondo a scattare foto e creare contenuti social, deve sembrare a molti l’emblema della vita patinata, perfetta, felice e più desiderabile.

La verità è che siamo talmente abituati a pesare la felicità altrui sulla base delle immagini che ci rimanda il suo profilo social e a valutare la realizzazione della nostra in like, che nonostante “Instagram non è la realtà” sia diventato un mantra di consapevolezza diffuso, ancora sospiriamo guardando gli account altrui.

“Beata te”, “Se avessi la tua vita…”, “Se fossi come te…”, scriviamo o pensiamo dell’influencer di turno, e magari non sappiamo che quella persona che restituisce una versione di sé sorridente e serena sta, proprio in quel momento, combattendo la sua battaglia più difficile: quella per la vita, contro un tumore al seno, che se ne frega di quanto la tua vita sia unica e meravigliosa e colpisce chi vuole.

È quello che è accaduto a Francesca Barbieri, sul web Fraintesa, che dopo sei mesi di silenzio ha raccontato, prima ai suoi follower e poi anche a Roba da Donne in questo video, come un piccolo nodulo trovato per caso sotto la doccia possa cambiarti la vita.

Le parole che Francesca sceglie, nel raccontare la sua storia, sono chirurgiche: sezionano il dolore e non nascondono l’orrore. Ma sono anche parole che, con quel sorriso ostinato e contornato da quel rossetto rosso che dice tanto del suo modo di affrontare la vita (ce ne aveva parlato in quest’altro video che trovate qui sotto), vanno oltre il buio.

Sì, perché Francesca ha scelto di non concentrarsi sul fatto che il suo tumore diventi solo un brutto ricordo, ma ne ha fatto il motore di un suo progetto, che la vedrà fare un giro in solitaria intorno al mondo, parlare di prevenzione e raccogliere fondi per la Fondazione Airc.

Ascoltate queste parole di Fraintesa, perché non capita solo agli altri e insieme, con un piccolissimo gesto, possiamo cambiare il futuro di tante persone, compreso il suo, il nostro e quello delle persone che amiamo.

Qui è dove potete sostenere il sogno di Francesca (e l’Airc): progetto #GoFraintesa

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!
  • Le interviste di RDD