logo
Stai guardando: Fraintesa: “Nonostante il tumore al seno, sono la persona più fortunata del mondo”

Fraintesa: "Nonostante il tumore al seno, sono la persona più fortunata del mondo"

Come un tumore al seno può trasformarsi in un progetto che fa bene a tutti, farci sentire persino fortunati e dare nuova linfa ai nostri sogni, che hanno bisogno di essere tirati fuori dal cassetto ora e perseguiti.

Prossimo video

"Come sono sopravvissuta al cancro all'utero e alla perdita di mia figlia"

Annulla

Quella di una travel blogger, seguita da decine di migliaia di follower, in giro per il mondo a scattare foto e creare contenuti social, deve sembrare a molti l’emblema della vita patinata, perfetta, felice e più desiderabile.

La verità è che siamo talmente abituati a pesare la felicità altrui sulla base delle immagini che ci rimanda il suo profilo social e a valutare la realizzazione della nostra in like, che nonostante “Instagram non è la realtà” sia diventato un mantra di consapevolezza diffuso, ancora sospiriamo guardando gli account altrui.

“Beata te”, “Se avessi la tua vita…”, “Se fossi come te…”, scriviamo o pensiamo dell’influencer di turno, e magari non sappiamo che quella persona che restituisce una versione di sé sorridente e serena sta, proprio in quel momento, combattendo la sua battaglia più difficile: quella per la vita, contro un tumore al seno, che se ne frega di quanto la tua vita sia unica e meravigliosa e colpisce chi vuole.

È quello che è accaduto a Francesca Barbieri, sul web Fraintesa, che dopo sei mesi di silenzio ha raccontato, prima ai suoi follower e poi anche a Roba da Donne in questo video, come un piccolo nodulo trovato per caso sotto la doccia possa cambiarti la vita.

Le parole che Francesca sceglie, nel raccontare la sua storia, sono chirurgiche: sezionano il dolore e non nascondono l’orrore. Ma sono anche parole che, con quel sorriso ostinato e contornato da quel rossetto rosso che dice tanto del suo modo di affrontare la vita (ce ne aveva parlato in quest’altro video che trovate qui sotto), vanno oltre il buio.

Sì, perché Francesca ha scelto di non concentrarsi sul fatto che il suo tumore diventi solo un brutto ricordo, ma ne ha fatto il motore di un suo progetto, che la vedrà fare un giro in solitaria intorno al mondo, parlare di prevenzione e raccogliere fondi per la Fondazione Airc.

Ascoltate queste parole di Fraintesa, perché non capita solo agli altri e insieme, con un piccolissimo gesto, possiamo cambiare il futuro di tante persone, compreso il suo, il nostro e quello delle persone che amiamo.

Qui è dove potete sostenere il sogno di Francesca (e l’Airc): progetto #GoFraintesa