logo
Stai leggendo: Victoria Cabello: “Ho avuto la malattia di Lyme, un calvario durato tre anni”

Victoria Cabello: "Ho avuto la malattia di Lyme, un calvario durato tre anni"

Dopo 3 anni di assenza dagli schermi, Victoria Cabello torna su DeAJunior e rivela il motivo della lontananza forzata: ha dovuto combattere contro la malattia di Lyme.
Fonte: web

L’avevamo lasciata, nel 2014, sulla sedia da giudice dell’ottava edizione di X Factor, dopodiché era inspiegabilmente sparita dagli schermi, pur essendo una beniamina del pubblico.

Victoria Cabello è tornata con un nuovo programma su DeAJunior dal 3 novembre 2017, dove illustrala serie dei Monchhichi, le scimmiette giapponesi nate nel 1974 come giocattolo e poi diventate anche un cartoon seguitissimo dai bambini; una scelta certamente sorprendente, dettata però dalla volontà, di Victoria, di fare “solo quello che la diverte”, dopo il periodo nero passato negli ultimi tre anni. Già, perché con il suo ritorno la ex conduttrice di Quelli che il calcio ha voluto anche spiegare il motivo della sua lontananza dalla televisione.

Victoria ha dovuto lottare dal 2014 con la malattia di Lyme, una patologia ancora poco conosciuta nel nostro paese ma che, negli Stati Uniti, è la malattia infettiva a più rapida diffusione dopo l’HIV, come ha spiegato anche il New York Times.

Si tratta di un’infezione batterica, contraibile in seguito al morso di un insetto, ad esempio di una zecca, che può portare conseguenze molto serie soprattutto a livello neurologico, cardiaco e di articolazioni. La patologia si sviluppa come eritema, accompagnato inizialmente da febbre, mal di testa, rigidità del collo, dolori muscolari e spossatezza, ma può degenerare rapidamente se non curata tempestivamente, e portare persino, nell’ultimo stadio, a perdita di memoria o instabilità comportamentale, più raramente avere ripercussioni a livello del sistema nervoso, causando meningite asettica, infiammazione delle radici nervose cervicali, acufeni e paralisi di Bell, che provoca l’irrigidimento totale di parte della faccia, risultante da una disfunzione del nervo facciale.

Sono molti i personaggi famosi che ne soffrono o ne hanno sofferto: Bella Hadid, ad esempio, ha ammesso di dover prendere spesso una pausa dalle sfilate proprio per curarsi, anche se alla fine la modella assicura di condurre una vita normale; Avril Lavigne invece è stata costretta a letto per cinque mesi, con gravi problemi di respirazione.

Richard Gere è stato costretto a posticipare le riprese di Autumn in New York, nel 2000, mentre Ben Stiller ha accusato dolori persistenti al ginocchio nel 2010, causati proprio dalla malattia di Lyme.

Insomma, la lista è lunga, e anche Victoria è entrata a far parte delle “vittime” del morso di zecca, le cui ripercussioni le hanno dato problemi seri negli ultimi tre anni, costringendola a rinunciare a tutti gli impegni lavorativi.

All’inizio mi sentivo tremendamente stanca, poi la cosa è andata peggiorando, ma non si arrivava a una diagnosi” ha spiegato Victoria intervistata dal Corriere della Sera. Questo perché, come abbiamo detto, in Italia la malattia di Lyme non è così diffusa, perciò è difficilmente individuabile. “Anche in questo caso sono il primo personaggio pubblico in Italia ad aver sofferto di questa malattia. Resto una trend setter“, ha scherzato la conduttrice, dimostrando di non aver perso lo spirito ironico che l’ha fatta amare dal pubblico italiano.

Anzi, dopo il calvario dovuto alla malattia, alla base della scelta di interpretare la sigla dei Monchhichi e di condurre la striscia quotidiana che anticiperà le puntate del cartoon, con mini tutorial che aiuteranno i bambini a imparare usi e costumi giapponesi, c’è proprio la volontà di fare esclusivamente solo cose che la divertano. Nel frattempo, però, da buona ipocondriaca, in questi anni di assenza forzata dallo schermo si è documentata, ha studiato. “Sono diventata la Carlo Verdone [l’attore è noto per essere ipocondriaco, ndr.] dei parassiti: so tutto. Una sera, ubriaca, ho anche comprato un dominio: The Health Pusher. E ora sogno un programma di medicina con Luciano Onder“.

In attesa di vedere se il suo nuovo desiderio si realizzerà, noi siamo molto contente di vederla nuovamente sugli schermi, e le diamo volentieri il bentornata.