logo
Galleria: “Anoressica, mangia!” La risposta perfetta di Sara Dossena alle offese

“Anoressica, mangia!” La risposta perfetta di Sara Dossena alle offese

"Anoressica, mangia!" La risposta perfetta di Sara Dossena alle offese
Foto 1 di 10
x

Ancora una volta i leoni da tastiera si sono sfogati, puntando il dito contro una ragazza considerata “troppo magra” – secondo quali standard, questo è ancora tutto da capire – e accusandola di dare un cattivo esempio. Al centro della polemica, in questo caso, c’è finita una grande atleta come Sara Dossena, che dello sport ha fatto la sua vita. Ex triathleta e ormai definitivamente consacratasi alla maratona, Sara ha sempre curato molto la sua forma fisica con l’intento di fare del suo meglio e battere sempre i suoi record.

È ovvio che la sua figura sia longilinea e molto muscolosa, vista l’intensa attività a cui si sottopone da tanti anni a questa parte. Ma nulla ha a che vedere con l’anoressia, come è stata accusata su Instagram.

“Correvo fino a farmi sanguinare i piedi”: l’anoressia nervosa che mi ha quasi uccisa

“Correvo fino a farmi sanguinare i piedi”: l’anoressia nervosa che mi ha quasi uccisa

Tutto è partito da un selfie allo specchio, che la Dossena ha pubblicato qualche settimana fa. Tra i commenti, ecco comparire quelli dei suoi haters, che l’hanno definita anoressica nonché un pessimo esempio per i giovani che la seguono. Una volta data la stura ai leoni da tastiera, questi si sono diffusi sul profilo di Sara commentando più e più foto.

Come ad esempio quella in cui l’atleta, al termine di una sua performance, si nutre di una barretta energetica considerata “troppo misera per reintegrare le calorie perdute”. Eppure la Dossena di nutrizione se ne intende, visto che da anni si occupa in prima persona della sua alimentazione, con risultati davvero eccellenti.

Le continue critiche hanno spinto la maratoneta a esporsi in prima persona su Facebook con un lungo messaggio rivolto proprio ai suoi haters, spiegando loro il motivo per cui accusarla di essere anoressica sia offensivo non solo nei suoi confronti, ma soprattutto verso chi di questo disturbo soffre davvero.

“Io vorrei come atleta e donna essere da stimolo e ispirazione nel saper “combattere per i propri sogni” senza demordere mai… Vorrei essere un’immagine di sport pulito, di pazienza, lavoro e sacrificio quotidiano per poter realizzare le proprie ambizioni… Sentirmi dire “anoressica, mangia”, “sei un esempio negativo per i giovani che ti vedono così magra” mi fa male al cuore…

L’anoressia è una malattia seria, un discorso mentale complesso non riducibile al solo stato di magrezza… Darmi dell’anoressica è mancanza di rispetto per chi soffre di questa patologia e lotta quotidianamente per cercare di uscirne… Cerchiamo di essere tutti più umani e sensibili, di ponderare le parole che per qualcuno possono essere vere e proprie pugnalate… Le critiche nei miei confronti sono ben accette purché siano costruttive e sensate”.

Della questione è poi tornata a parlare durante un’intervista con Repubblica, nel corso della quale Sara Dossena ha approfondito l’argomento e ha raccontato qualcosa in più sul suo conto.

“Non mi ha offeso tanto la critica in sé, lo so che sono magra, sono una maratoneta, non una quattrocentista: macino chilometri tutti i giorni e mangio sano. È il mio lavoro. Ma darmi dell’anoressica offende chi ha veramente una malattia mentale, chi combatte tutti i giorni coi fantasmi dei disturbi alimentari. Chi vive veramente un incubo. Mi ha dato fastidio la mancanza di rispetto e il basso livello di queste affermazioni”.

Scopri nella nostra gallery qualche dettaglio sulla bravissima Sara Dossena: