"Non mi vergogno": la malattia di Mauro Coruzzi sotto il casco biondo di Platinette

Mauro Coruzzi alias Platinette ha quella condizione medica che prende il nome di obesità. Ma non si arrende, diventando un chiaro esempio da seguire.

Mauro Coruzzi non fa mistero della sua condizione medica. Platinette, la drag queen più amata della televisione italiana, soffre di obesità. In base a quanto ha raccontato una volta Mauro, alias Platinette, e come riportato da Kontrokultura, tutto è iniziato con una delusione d’amore molti anni fa. Al momento ha un “palloncino” – cioè il cosiddetto palloncino intragastrico, che serve appunto a combattere l’obesità. Coruzzi è quindi molto attento a qualunque aumento di peso, anzi ha perso circa 30 chili nel giro di sei mesi, grazie a dieta e movimento.

Sono malato – ha detto Platinette in una puntata di Domenica Live – l’obesità è una malattia e non ci si deve vergognare. Bisogna farsi aiutare per uscirne. Io mi conosco, so che potrei cascarci di nuovo e ho sentito la necessità di ricorrere nuovamente al palloncino per prevenzione. Certo, non deve passare il messaggio che questo è un sostituto della dieta, non puoi farlo a ripetizione.

"Non sono curvy, sono grassa": amare se stesse non vuol dire celebrare l'obesità

Ma come funziona il palloncino intragastrico scelto da Coruzzi? Innanzi tutto c’è da dire che si tratta di una tecnica temporanea che induce un senso di sazietà nell’organismo, in modo che esso non ricorra a cibo sentendo lo stimolo alla fame. Naturalmente questo significa che funziona come meccanismo di prevenzione per l’obesità legata al consumo eccessivo di cibo e non a quella legata a determinate patologie (per esempio quelle che influiscono sulla tiroide e quindi sul metabolismo). Il palloncino viene inserito direttamente nello stomaco e si espande alla bisogna – da qui il senso di sazietà. Come sempre accade, che una persona che riesca ad avere presa sul pubblico – come Platinette – parli di determinate questioni di salute è davvero molto importante, perché aiuta nella sensibilizzazione e nella presa di coscienza. E in questo caso anche a non cedere e a combattere.

Sfogliate la gallery per vedere i progressi e i messaggi positivi che Mauro lancia attraverso il proprio profilo

"Non mi vergogno": la malattia di Mauro Coruzzi sotto il casco biondo di Platinette
Fonte: Instagram @platimauro_o_mauroplati
Foto 1 di 11
Ingrandisci

Articolo originale pubblicato il 31 Ottobre 2018