diredonna network
logo
Stai leggendo: Troppi carboidrati sono nocivi per il cervello

Dieta ingrassante: quali alimenti devo mangiare?

Dieta detox: "Non voglio perdere peso ma vorrei purificare il mio corpo"

Lista dei cibi acidi e cibi alcalini: quali fanno bene e quali fanno male

Una corretta alimentazione per la tiroide di Hashimoto

Come faccio a mantenere il peso con una dieta di 1400 kcal al giorno?

È normale sentirsi legata a un parente morto prima che io nascessi?

"Papaya fermentata: ne vale davvero la pena?"

"Rash cutaneo: cosa può essere"

"Ho 30 anni, sono single e ho paura di rimanere sola"

"Sono troppo timida e la cosa è diventata un problema"

Troppi carboidrati sono nocivi per il cervello

Uno studio neurologico ha evidenziato come troppi carboidrati portino a depressione e demenza precoce. Una lotta all'eccesso del glutine che viene dimostrata scientificamente.
(foto:Web)
(foto:Web)

Il neurologo statunitense David Perlmutter ha lanciato l’allarme riguardo l’abuso di carboidrati che a suo avviso aumenterebbe lo sviluppo di una demenza precoce.

“Viviamo con la nozione sbagliata che una caloria sia una caloria ma non è così, né per il cervello né per altre parti del corpo”

La sua teoria è stata pubblicata sull’Alternative and complementary therapies e lo studioso accusa pane, pasta e dolciumi di essere dannosi per la fisiologia del corpo, alzando il livello di glucosio nel sangue.
In alcuni casi, quando se ne abusa,  i carboidrati fanno male al cervello e sviluppano alcuni casi di demenza.
Il nemico numero uno sarebbe il glutine che stimola la produzione di zonulina, un ormone che rende impermeabili le barriere dell’intestino e quella emato-encefalica, che protegge il cervello da alcune sostanze che circolano nel sangue.

Perlmutter spiega come, attraverso alcuni esperimenti, ha scoperto che bambini che soffrivano di defecit di attenzione e giovani depressi hanno migliorato la loro situazione semplicemente riducendo la quantità di glutine e carboidrati. I grassi sono essenziali per sopravvivere, ma che siano “buoni”.

aggiornamenti