diredonna network
logo
Stai leggendo: Ti capita di svegliarti con lividi come questi e non sai come te li sei fatta? Ecco cos’è l’effetto Tindell

Come eliminare una verruca plantare (e non farla tornare)

"Niente pillola del giorno dopo": il rifiuto del medico che lede il diritto della donna

Finalmente la prima città al mondo che offre assorbenti gratis alle donne

Tremore alle mani: non è sempre Parkinson. Ecco cos'è.

Lingua a carta geografica: cos'è e come si cura

Spasmofilia, la "malattia invisibile" di chi è sempre stanco

Depurativo antartico: il segreto della dieta tisanoreica

La dieta senza glutine fa dimagrire, fa male o fa bene?

"Qual è la differenza fra Balfolic e Prefolic?"

La sindrome di Stendhal: l'attacco di panico per eccesso di bellezza

Ti capita di svegliarti con lividi come questi e non sai come te li sei fatta? Ecco cos'è l'effetto Tindell

Lividi misteriosi ti compaiono su gambe e braccia? Giocare al detective non ti servirà, il responsabile è l'effetto Tindell. Scopri cos'è, perché colpisce soprattutto le donne e come contrastarlo. Elementare, Watson!
Lividi misteriosi sulle gambe delle donne
Fonte: web

“E questo da dove è uscito?” Quante volte vi sarà capitato di scoprire un livido improvviso su gambe e braccia, senza riuscire a ricordarne la provenienza.
Non si tratta di avere la testa tra le nuvole o una memoria poco allenata, semplicemente, potreste esser state colpite dal famigerato effetto Tindell.

Il web-magazine Broadly ha affrontato l’argomento in modo approfondito, raccogliendo testimonianze e mettendo insieme i contributi di dottori specialisti in materia.

Ecco cosa è emerso in pochi, semplici punti.

Effetto Tindell, questo sconosciuto.

Ematoma sul braccio
Fonte: web

A far luce sul fenomeno è Dawn Davis, dermatologo presso l’ istituto di ricerca statunitense Mayo Clinic.
Il dottore si è espresso in questi termini:

Esiste un fenomeno denominato effetto Tindell, per cui i colori dei lividi cambiano a seconda dello strato di pelle in cui si verificano. Più sono profondi più sono scuri.

In parole semplici: il colore dell’ematoma è rivelatore dello strato epiteliale in cui si è verificato.
La pelle, infatti, è costituita non solo da ciò che appare in superficie ovvero l’epidermide ma anche dal derma, formato da capillari, ghiandole sudoripare e follicoli piliferi e dall’ipodermide.

Quest’ultima è composta dal sangue ma soprattutto dal grasso.
La rottura dei vasi sanguigni comporta un riversamento del sangue nei tessuti circostanti, causando quelle “macchie” dall’origine, spesso, misteriosa.

Il livido compare uno o due giorni dopo, motivo per cui è facile non riuscire a ricostruire gli eventi.
Ciò accade più frequentemente alle donne che agli uomini, vediamo perché.

E ora che sappiamo cos’è… Ecco come contrastarlo

Perché colpisce le donne? (Ti pareva!)

Gambe delle donne
Fonte: web

È chiaro che la questione della costola non ce l’hanno mai perdonata, perché quando si tratta di metabolismo e ammaccature noi donne siamo in prima linea.

Il dermatologo Jeffrey Benabio sul suo The Derm Blog attribuisce la delicatezza della pelle femminile al fatto che rispetto a quella maschile abbia più grasso e meno collagene.
Quest’ultimo, infatti, funge da protezione dei vasi sanguigni e ne evita la rottura.

La sua teoria pecca però di un’eccessiva generalizzazione, perché la percentuale di grasso è altamente soggettiva, come dimostra il calcolo dell’Indice di Massa Corporea (IMC o BMI, in inglese Body Mass Index).

Il dottor Davis sposta l’attenzione sui fattori ormonali, facendo degli estrogeni i colpevoli della fragilità capillare femminile.
Questi ormoni agiscono dilatando i vasi sanguigni, che restando aperti rendono la donna più soggetta a lividi.

Davis ha così concluso:

È il motivo per cui alle donne vengono le vene varicose e per cui i vasi sanguigni femminili cambiano dopo la menopausa.

Insomma, la tendenza alla cellulite non era una “punizione” sufficiente.
Tuttavia, non tutti i mali vengono per nuocere.
Per chi non lo sapesse, infatti, il grasso sottocutaneo ha il potere di proteggere muscoli e ossa da urti e traumi.

Effetto Tindell, se lo conosci lo eviti (forse).

Come contrastare l'effetto Tindell, responsabile dei lividi misteriosi
Fonte: web

Come evitare, allora, di ritrovarsi ogni giorno con un nuovo livido?
Fare più attenzione non basta, il consiglio è quello di combattere l’effetto Tindell a tavola, ricorrendo a un’alimentazione ricca e varia.

Via libera, dunque, a frutta e verdura ricche di fibre, vitamina C, E e flavonoidi per rinforzare i capillari e al pesce, che contiene grassi “buoni” come gli Omega3 in grado di proteggere i vasi sanguigni.

Inoltre, non bisogna dimenticare di bere tanta acqua, perché la diuresi aiuta a eliminare le scorie che si depositano lungo le pareti dei vasi sanguigni, indebolendoli.

E se ormai è troppo tardi e, nonostante i lividi, vorremmo indossare quella gonna corta? Ecco una possibile soluzione.

Tindell non ti temo! Ecco il make-up salva serata.

Trucco per gambe
Fonte: web

I rimedi ai lividi che compaiono misteriosamente sono pochi, si tratta per lo più di avere pazienza e applicare con costanza una pomata specifica.

E se poco prima di un’occasione importante scopriamo un ematoma su una zona che sarà in bella vista?
Senza scomodare la fata turchina, ci basterà ricorrere a un po’ di make-up consapevole.

Per i piccoli lividi sulle braccia basterà procedere come per le macchie del viso, applicando un correttore verde, nel caso di aloni rossastri e procedendo, poi, all’applicazione di un correttore nella tonalità della nostra pelle.

Per le gambe, invece, un rimedio miracoloso sono le calze spray!
In poche mosse otterrete un colorito uniforme e a prova d’urto.

E se prudenza, vita sana e make-up non vi aiuteranno ad ottenere gambe da copertina chi se ne importa!
Noi ci amiamo anche così: splendidamente imperfette, non è vero?

E pazienza se non abbiamo gambe a prova di Instagram!

E visto che si parla di gambe…