diredonna network
logo
Stai leggendo: Come Svegliarsi riposate anche dopo aver dormito SOLO poche ore

Spasmofilia, la "malattia invisibile" di chi è sempre stanco

4 motivi per cui dovresti bere l'acqua di cocco

Percorso Kneipp: perché dovresti provare a camminare sui sassi in acqua

"Mia sorella è stata picchiata dal marito e non è la prima volta"

Finalmente la prima città al mondo che offre assorbenti gratis alle donne

Lingua a carta geografica: cos'è e come si cura

Depurativo antartico: il segreto della dieta tisanoreica

La dieta senza glutine fa dimagrire, fa male o fa bene?

"Qual è la differenza fra Balfolic e Prefolic?"

La sindrome di Stendhal: l'attacco di panico per eccesso di bellezza

Come Svegliarsi riposate anche dopo aver dormito SOLO poche ore

Lo sapete, in vacanza si tende a spostare in avanti il ciclo sonno/veglia, andando a dormire più tardi e alzandosi di conseguenza a mattina inoltrata. Se questa abitudine si protrae per più di 10 giorni è facile andare incontro, al rientro, a una ripresa difficoltosa dei ritmi abituali, con conseguente stanchezza durante la giornata.

Talvolta invece il problema consiste proprio nella frenetica vita di tutti i giorni e nello stress da essa causato.

Dormire è una delle più belle cose che si possa fare, ma non tutti riescono a riposarsi correttamente o sufficientemente e sono poi costretti a pagarne le conseguenze durante la giornata.

In ogni caso, quando non ci si riposa in maniera sufficientemente adeguata è molto dura svegliarsi al mattino radiose e di bell’aspetto.

Come porre rimedio a questa cosa per apparire sempre fresche e riposate? Vediamo insieme qualche trucco per apparire in forma anche dopo aver dormito poche ore.

4- No Stress

dailyhealtharticles.com
dailyhealtharticles.com

Partiamo dal presupposto che l’unico modo per recuperare energia non è dormire… è possibile infatti riposare in modo diversi, specialmente a livello mentale considerando l’influenza che questo fattore ha sull’organismo anche a livello energetico.

Per fare ciò la soluzione è mettere da parte le preoccupazioni e l’ansia prima di andare a letto poiché capita spesso di andare a letto ad un’orario decente ma perdere tempo fantasticando viaggi mentali e angosciandoci su cosa che comunque non potremmo risolvere in quel dato momento.

Inoltre è risaputo che andare a letto dopo aver adempito a pieno a tutti gli impegni quotidiani dà una maggiore serenità e un senso di completezza che insieme contribuiscono ad addormentarsi.

Anche l’orologio biologico ha la sua importanza e la dice lunga sul riposo accumulato: è buona abitudine rispettare la routine dell’organismo perché -sebbene non esista un periodo di sonno ideale da rispettare per tutti- bruschi risvegli e sbalzi di orario non fanno bene al corpo.

3- Alimentazione

(foto:Web)
(foto:Web)

Un altro aspetto da considerare è poi quello delle abitudini alimentari: iniziate la giornata con un bel bicchiere di acqua fresca per non trovarvi disidratati ed è buona cosa combattere il desiderio di saltare la colazione assumendo immediatamente il giusto apporto calorico per iniziare bene la giornata assumendo magari frutta e verdura contenuti nella pasta e nel pane e che aiutano a mantenere una buona serenità mentale.

In aggiunta a tutto questo posso consigliarvi, prima di andare a letto, di mettere un po’ di crema prima di andare a letto accertatevi di spalmarvi un po’ di crema per il corpo sulle zone che più ne hanno necessità, generalmente si tratta di gomiti, mani, piedi, ginocchia, viso.

2- Coccole di bellezza

(foto:Web)
(foto:Web)

Inoltre, fare lo scrub prima di andare a letto è buona cosa per due motivi.

Primo, se avete una pelle sensibile e soggetta ad arrossamenti ci sarà tempo tutta la notte affinché l’irritazione sparisca e vi lascerà con una pelle liscia e rigenerata.

E poi, il secondo motivo, è che eliminando le cellule morte la pelle non ha difficoltà a respirare e ad assorbire la crema.

1- Metodo Everyman

(foto:Web)
(foto:Web)

Esiste poi un metodo al quanto efficace per riuscire a riposare il corpo le ore necessarie: il metodo everyman.

Viene suggerito quindi di dormire dall’1 alle 4 di notte e fare 3 riposini alle 9 di mattina, le 3 di pomeriggio e anche le 9 di sera.

Chiaramente gli orari possono essere modificati, l’unica regola da seguire è quella di tenere sempre la stessa distanza di tempo.

Al massimo è possibile anticipare o ritardare una singola fase di sonno in un’ora.

Per abituarsi a questo ritmo il corpo ci mette circa due settimane e durante il primo periodo ci si potrà sentire spesso stanchi ma nulla di insopportabile.

Meglio magari affrontare il cambiamento quando anche lavorativamente il periodo è più tranquillo.

Se quando ti svegli sei davvero troppo stanco per fare qualcosa, probabilmente hai un bioritmo un po’ diverso ma nessuna paura, basta aumentare mezz’ora di sonno e la stanchezza scomparirà.

Secondo diversi studi scientifici infatti al cervello umano serve solo la fase REM per riposare, tutte le altre fasi sono inutili, una perdita di tempo.

Il sonno polifasico serve quindi per indurre il cervello a favorire la fase REM.