diredonna network
logo
Stai leggendo: S.O.S Campania: Il triangolo della morte

S.O.S Campania: Il triangolo della morte

Mortalità a picco, aria irrespirabile e alimenti contaminati. L'Italia trema di fronte all'inchiesta shock delle Iene.
italiadallestero.info
italiadallestero.info

 

Recentemente, durante la trasmissione “Le Iene” hanno messo in evidenza una problematica che da troppi anni tace.

Come è tristemente noto, soprattutto in provincia di Napoli e di Caserta, il fenomeno della criminalità organizzata è dilagante.

La paura, l’omertà e l’inconcretezza hanno spesso soffocato le voci dei tanti e onesti abitanti di questa area.

Ma oggi c’è una cosa che fa più paura della criminalità in se e che permette alla popolazione di DIRE BASTA: è la dilagante mortalità sia infantile che non, causata da tumori di ogni tipo.

Nadia Toffa,nel suo servizio ha documentato che nel famigerato “Triangolo della morte” che include  l’area tra Acerra, Nola e Marigliano, le vittime di tumori sono TRE VOLTE PIU’ ELEVATE CHE NEL RESTO D’ITALIA. Questo dato è spaventosamente reale e la preoccupazione delle persone che lo popolano è tanta!

Sempre durante l’inchiesta ad opera della Iena Nadia, è stata intervistata una donna che purtroppo lo scorso settembre ha lasciato questo mondo proprio a causa della “Malattia” come viene chiamata in quella zona.

www.facebook.com
www.facebook.com

La donna, madre di due bambini ancora troppo piccoli per essere lasciati orfani, con le lacrime agli occhi mostrava rassegnazione e delusione per il suo paese che sfortunatamente le ha regalato l’amaro frutto della morte.

Tutto questo dolore e questo scempio paesaggistico è causato dal deposito e dalla combustione non solo abusiva ma anche a cielo aperto che quotidianamente intossica questa terra alle falde del Vesuvio.

www.oltregomorra.it
www.oltregomorra.it

Le modalità per appiccare questi incendi sono le seguenti: le squadre criminali si dividono in due gruppi, il primo durante il giorno va ad organizzare i letti di combustione deponendo da una parte vecchi materassi e dall’altra gomme delle auto; mentre durante la notte, un secondo gruppo introduce il materiale altamente tossico e brucia tutto con combustibili già di per se pericolosi.

La domanda che la popolazione si pone è: perché voi malviventi fate tutto questo se poi anche per voi e per i vostri figli l’aria insalubre che respirate è la stessa?
Ma la cosa che più ha lasciato attoniti gli spettatori riguarda le estese coltivazioni di vegetali che si trovano a POCHISSIMI METRI DA DISCARICHE ORAMAI INATTIVE MA CHE CONTINUANO A FUMARE A CAUSA DI REAZIONI CHIMICHE PERICOLOSISSIME SE INALATE.
La Iena, ha indagato direttamente sul posto parlando con il coltivatore e chiedendogli se vendesse quei prodotti. L’uomo non solo ha affermato che i suoi ortaggi vengono venduti ma ha anche sottolineato il fatto che le GRANDI AZIENDE ITALIANE comprano i suoi prodotti.

Tra queste, c’è una nota marca di surgelati la “***” che opera in tutta Italia. Da qui si comprende quanto questo problema non investa solo esclusivamente quell’area ma tutto il nostro Paese.

Gli alimenti contaminati riguardano soprattutto:

  • farine e zuccheri raffinati;
  • prodotti dolciari;
  • alimenti per la prima infanzia (come omogeneizzati);
  • integratori alimentari;
  • carni in scatola;Tutto ciò non viene detto per creare allarmismi ma serve per cominciare informarsi e a capire cosa mangiamo facendo una spesa intelligente che riesca quanto più possibile a salvaguardare la propria salute e soprattutto quella dei propri figli!