diredonna network
logo
Stai leggendo: Quanto ci costa avere il ciclo per tutta la vita?

"Niente pillola del giorno dopo": il rifiuto del medico che lede il diritto della donna

Come eliminare una verruca plantare (e non farla tornare)

Finalmente la prima città al mondo che offre assorbenti gratis alle donne

Tremore alle mani: non è sempre Parkinson. Ecco cos'è.

Lingua a carta geografica: cos'è e come si cura

Spasmofilia, la "malattia invisibile" di chi è sempre stanco

Depurativo antartico: il segreto della dieta tisanoreica

La dieta senza glutine fa dimagrire, fa male o fa bene?

"Qual è la differenza fra Balfolic e Prefolic?"

La sindrome di Stendhal: l'attacco di panico per eccesso di bellezza

Quanto ci costa avere il ciclo per tutta la vita?

Il ciclo mestruale è una vera e propria tassa fissa che fa male al portafogli: ecco quanto spendiamo nell'arco della nostra vita tra assorbenti, anticoncezionali, comfort food, analgesici e altro.

Essere donne ha un costo? Sembrerebbe una domanda senza senso, se non fosse che invece, di tanto in tanto si riapre un dibattito su un certo argomento. Parliamo della cosiddetta “tassa rosa”, ossia tutte quelle spese – comprensive di IVA – che riguardano il ciclo mestruale. Quindi parliamo in gran parte di assorbenti, interni o esterni, mutande e magari anche vestiti, anticoncezionali, antidolorifici e cibo per lo più. Si tratta di una serie di spese obbligate quando abbiamo le mestruazioni e anche in altri giorni del mese talvolta – come durante l’ovulazione, quando qualcuna di noi presenta delle piccole perdite. Ma quanto ci costa quindi essere donne?

Dicevamo che tempo fa la questione ha scatenato un dibattito. Tutto è scaturito con l’aumento della percentuale dell’IVA, che ha colpito moltissimi generi di uso comune, come assorbenti e tamponi, fondamentali durante il ciclo mestruale. E quindi qualcuno ha iniziato a chiedersi e a chiedere che almeno su questi prodotti l’IVA fosse abbattuta. Perché è una spesa che riguarda indiscriminatamente una porzione di popolazione, quella femminile. Ed è indispensabile.

Pensiamo alle nostre mamme – chi tra noi non è più giovanissima – o alle nostre nonne: loro utilizzavano dei panni di stoffa, che oltre a essere poco pratici erano anche decisamente meno igienici degli assorbenti ripiegati che rappresentano una delle invenzioni più importanti per le donne nel ‘900. Perché hanno restituito loro la libertà di fare qualunque attività – a parte il nuoto, ma per quello di lì a poco furono inventati i tamponi – esattamente come può fare un uomo, ma anche in quei giorni del ciclo mestruale in cui la nostra femminilità esplode prepotentemente.

Ma, tornando all’interrogativo iniziale, quanto ci costa avere un ciclo mestruale? L’Huffington Post, poi ripreso da numerose testate, ha provato a dare una risposta a questa domanda. E la risposta è 16mila euro circa in tutta la vita. Una cifra niente male, che comprende appunto tutti i prodotti che abbiamo citato poc’anzi, sebbene il grosso della spesa sia rappresentato dai contraccettivi, in particolare se si utilizza la pillola, il cui costo è stimato sui 10mila euro. Il controllo delle nascite era una consapevolezza diffusa nella Francia illuminista ma noi, alla soglia del 2020 dobbiamo ancora battagliare per una corretta educazione sessuale, rischi e… prezzi.

Ma ragioniamo al ribasso: immaginiamo come se la possa passare una comunissima donna tra noi, che vive in provincia e non in città – dove i prezzi sono più alti – che usi solo assorbenti esterni e preservativi e utilizzi le mutandine del mercato in quei giorni, oltre a fare la spesa al discount. Si ha il menarca, ossia il primo ciclo mestruale a circa 13 anni e si va in menopausa mediamente a 50. Ci sono quindi 37 anni di cicli mestruali, che corrispondono a circa 13514 giorni, tenendo più o meno conto degli anni bisestili. Un ciclo mestruale tipo segue le fasi della luna e quindi dura 28 giorni e 1/4, quindi nell’arco di una vita una donna media ha poco più di 478 cicli mestruali.

Diciamo che per ogni ciclo consumi un pacco di assorbenti esterni da dieci euro ogni tre pacchi – sì, alcuni negozi fanno questa offerta – la spesa degli assorbenti rappresenterà poco meno di 1593 euro. 120 euro sarà invece più o meno la spesa in termini di analgesici – se il dolore passa alla prima pastiglia, ma per molte non è così – mentre per le mutande, immaginando un paio a un euro in un mercatino, macchiato irreparabilmente a ciclo mestruale, si spenderanno 478 euro. Infine, diciamo che per il comfort food si spenderanno in media 5 euro tra pizze surgelate, cioccolatini e patate fritte, parliamo di 2390 euro. Infine, se i preservativi li compriamo noi e non il nostro partner, anche se l’abbiamo fisso, parliamo almeno di un pacco da 10 al mese, ma partendo magari dai 16 anni: quindi la spesa dovrebbe aggirarsi intorno ai 4896 euro. Se siamo fortunate, in tutta la vita spenderemo 9477 euro. Lasciando fuori i salvaslip, che magari, non per tutte, non sono sempre legati strettamente al ciclo mestruale.

Non dimentichiamoci però che non dobbiamo contare solo la spesa economica ma anche quella emotiva e di energie. Anche voi vi sentite così quando avete il ciclo?