diredonna network
logo
Stai leggendo: Occhi gonfi: tutte le cause e i rimedi per sconfiggere questo fastidioso inestetismo!

Alopecia femminile: quando la calvizie è donna

Come eliminare una verruca plantare (e non farla tornare)

Tremore alle mani: non è sempre Parkinson. Ecco cos'è.

Lingua a carta geografica: cos'è e come si cura

Spasmofilia, la "malattia invisibile" di chi è sempre stanco

Depurativo antartico: il segreto della dieta tisanoreica

La dieta senza glutine fa dimagrire, fa male o fa bene?

"Qual è la differenza fra Balfolic e Prefolic?"

La sindrome di Stendhal: l'attacco di panico per eccesso di bellezza

Piastrine basse: sintomi, cause e rimedi

Occhi gonfi: tutte le cause e i rimedi per sconfiggere questo fastidioso inestetismo!

Noi ormai abbiamo perso il conto delle volte in cui ci siamo svegliate con gli occhi gonfi: ecco quali sono le cause e come si può rimediare!
Occhi gonfi.
Occhi gonfi. Fonte: nonsprecare.it

Svegliarsi con gli occhi gonfi capita a tutte, e siamo d’accordo sul fatto che non siano proprio il massimo dello splendore da vedere. Il più delle volte sembra persino che, chi ne soffre, sia stato vittima di qualche insetto, tanto è evidente il gonfiore!

Ma le cause di questo fastidioso inestetismo, quali sono? Prima di tutto, bisogna ricordarsi che la pelle intorno all’occhio contiene moltissimi vasi sanguigni ed è la zona più fragile e sottile di tutto il nostro corpo e, per questo motivo, deve essere trattata con la massima cura e attenzione.

Il fastidio degli occhi gonfi, che in linguaggio medico viene definito edema periorbitale, rappresenta quella fastidiosa condizione che produce un ristagno di liquidi, che interessa sia la palpebra superiore che quella inferiore. Spesso viene associato alle classiche borse che non fanno altro che appesantire lo sguardo.

In tutto questo, gioca un ruolo fondamentale anche la predisposizione individuale alla ritenzione idrica e ai vari difetti di micro circolazione.

Solitamente, il gonfiore scompare grazie ad alcuni trattamenti che possono essere fatti a casa, ma gli occhi gonfi possono anche essere sintomo di preoccupanti patologie oculari.
Prima di allarmarvi, però, sappiate che anche un comune pianto può causarne il gonfiore: ciò è dovuto al fatto che il corpo reagisce alle emozioni facendo circolare più sangue attraverso gli occhi, causandone così il rigonfiamento.

Quindi, quali sono le cause degli occhi gonfi?

Le cause degli occhi gonfi

Occhi gonfi.
Occhi gonfi. Fonte: nonsprecare.it

Gli occhi gonfi possono essere causati da moltissimi fattori: ritenzione idrica, stress, allergie, cambiamenti ormonali e così via. Il gonfiore si scatena per l’eccessiva presenza di liquidi nei tessuti molli che circondano l’occhio. Le cause che portano a questo sintomo sono davvero molte, dalle più banali a vere e proprie patologie da tenere sotto controllo. Ecco le principali:

  • L’insonnia non è così scontata e banale, perché è la principale causa degli occhi gonfi. Anzi, sarebbe meglio dire i disturbi del sonno. Infatti, il problema non è l’insufficienza di ore in cui si dorme: a determinare questo effetto è la cattiva qualità. Una notte serena, in cui il corpo disteso si rilassa profondamente, ci regala degli occhi splendenti e riposati il giorno successivo. Per superare questo problema bisognerebbe cercare di andare a letto sempre alla stessa ora, in una camera fresca e non cenare troppo tardi con cibi pesanti e salati. Per agevolare il sonno, basta mettere in pratica alcuni piccoli riti: una tisana e un libro sono sicuramente elementi che possono aiutare;
  • La stanchezza sicuramente non aiuta a sconfiggere il problema, anzi, lo amplifica ulteriormente. La quantità di ore di lavoro spese davanti al monitor di un pc o guardare costantemente la televisione, sono due possibili cause dell’affaticamento degli occhi;
  • Tra le possibili cause che possono colpire gli occhi gonfi, ci sono (ovviamente) le allergie. Tra queste ricordiamo quelle verso alcuni alimenti, quelle legate ai farmaci (a base di penicillina), alle punture di insetto, al pelo di animale, ai pollini, ai cosmetici, alla polvere e al cloro della piscina;
  • Le infiammazioni, le infezioni e le irritazioni è risaputo che comportano un gonfiore oculare, tra cui la blefarite (l’infiammazione del margine palpebrale), la congiuntivite, la sinusite, l’orzaiolo, l’ulcera o l’abrasione della cornea e le infezioni virali;
  • Per quanto riguarda l’alimentazione, la causa più frequente del disturbo degli occhi gonfi è una dieta troppo ricca di sodio. L’eccesso di sale nei cibi provoca una ritenzione dei liquidi nell’organismo: alcune persone si svegliano con le mani gonfie, altri con gli occhi.
    Perciò, se vi ritrovate con questo fastidioso inestetismo ogni mattina e non avete altri fastidi come lacrimazione, arrossamento o quant’altro (spie di alcune infezioni), cercate di rivedere la vostra alimentazione, eliminando tutti gli alimenti troppo salati, specialmente durante il pasto serale! Formaggi stagionati, scatolame vario e, naturalmente, il sale in cottura.
    Meglio preferire cibi freschi e drenanti, le verdure, come i finocchi e la frutta, come ananas e melone: vedrete che i vostri occhi staranno subito meglio;
  • L’alcool porta alla ritenzione di liquidi in viso e può causare disidratazione. Limitare l’assunzione delle bevande a una, massimo due volte alla settimana;
  • Con l’avanzare dell’età, la pelle intorno agli occhi comincia a perdere la sua elasticità diventando sempre più fragile e sensibile, e il drenaggio linfatico del sistema, che aiuta a mantenere l’area svuotata dei liquidi in eccesso, perde il corretto funzionamento.

Palpebre gonfie?

Occhi gonfi.
Occhi gonfi. Fonte: glamour.it

Le palpebre gonfie sono un fenomeno piuttosto comune e il risultato di un eccessivo accumulo di liquidi nei tessuti intorno agli occhi. Le cause che provocano questo disturbo sono numerose: irritazioni, infezioni, traumi o lesioni agli occhi e, più comunemente, reazioni allergiche.

Una palpebra gonfia, se non trattata nel breve termine e correttamente, può causare disturbi della vista. Nella maggior parte dei casi, il gonfiore, il dolore e l’arrossamento della palpebra, segnalano un’infezione oculare in atto. Queste manifestazioni, a volte, possono essere accompagnate dalla produzione di pus in un angolo dell’occhio. Il gonfiore può colpire sia le palpebre sia superiori che quelle inferiori.

Le borse sotto gli occhi (lieve gonfiore) sono molto frequenti con l’avanzare dell’età. Il grasso che aiuta a sostenere gli occhi può indebolirsi, scivolare e spostarsi nella palpebra inferiore, causandone il gonfiore.

Le borse sotto gli occhi, solitamente, sono una preoccupazione prettamente estetica e solo raramente sono sintomo di una patologia. Se questo tipo di inestetismo è fastidioso e si presenta spesso, è possibile migliorarne l’aspetto grazie ad alcuni rimedi naturali, gli impacchi freddi, o ricorrere a terapie cosmetiche.

Perché ci svegliamo con gli occhi gonfi?

Occhi gonfi.
Occhi gonfi. Fonte: spaziodonna.com

Gli occhi sono lo specchio dell’anima: raccontano se siamo stanchi, se abbiamo dormito bene, se siamo stressati o sofferenti: per tutti questi motivi è fondamentale prendersene cura. Se si nota di avere gli occhi gonfi al mattino è bene iniziare a chiedersi il perché, così da poter agire direttamente sulle cause per riacquistare uno sguardo sereno, fresco e riposato.

Ma a cosa è dovuto il problema degli occhi gonfi al mattino? La causa risiede in un accumulo eccessivo di liquidi, chiamato edema, nel tessuto cutaneo. La cute che circonda l’occhio in questa zona è più sottile di quella del resto del corpo e il gonfiore e lo scolorimento possono essere molto evidenti.

Mentre dormiamo l’occhio non ammicca (la chiusura rapida e momentanea delle palpebree questo è parte del motivo per cui si sviluppa il gonfiore dell’occhio. L’ammiccare, per le palpebre, è una sorta di ginnastica: quando sono inattive, alcune persone sviluppano gonfiore nelle loro estremità inferiori che scompare non appena la muscolatura oculare si riattiva, rimettendo in circolazione i fluidi accumulati. Così al mattino, ci si potrebbe svegliare con le palpebre insolitamente gonfie.

Il consiglio è quello di bere molta acqua per eliminare le tossine e preferire una dieta ricca di vitamine per stimolare il microciclo. Quando ci alziamo, il fluido che riposa sotto gli occhi durante la notte viene spinto verso il basso dalla forza di gravità: questo gonfiore si riduce nel breve tempo ma, per ridurlo e sconfiggerlo, può essere utile tenere la testa alta, magari con l’aiuto di due cuscini. In questo modo, il fluido non andrà ad accumularsi così drasticamente nella parte inferiore dell’occhio.

E se sono gonfi e rossi?

Occhi gonfi e rossi
Occhi gonfi. Fonte: vvox.it

I principali colpevoli degli occhi rossi sono l’uso frequente del colliriol’uso eccessivo delle lenti a contatto. Questi due prodotti possono peggiorare notevolmente la sindrome dell’occhio secco (quando mancano le lacrime), dato che riducono la quantità di ossigeno nell’occhio, e limitano la normale produzione del liquido.

È possibile ridurre questo rischio se si tengono ben pulite e disinfettate le lenti, e si sostituiscono secondo le indicazioni dell’oculista.

Il rossore agli occhi può verificarsi anche nel caso in cui si fissi lo schermo del computer per troppo tempo. Questo perché quando si lavora al computer si battono meno le palpebre e di conseguenza la superficie degli occhi si asciuga.

Gli occhi rossi sono anche denominati “occhi da allergia”: l’arrossamento degli occhi è anche sinonimo di reazioni allergiche. Quando il sistema immunitario si trova di fronte ad una sostanza estranea, ha una reazione infiammatoria e rilascia l’istamina per combattere i corpi sconosciuti. Di conseguenza, l’istamina rilasciata provoca una dilatazione dei vasi sanguigni che rende gli occhi rossi e causa la lacrimazione: le lacrime sono molto importanti, perché proteggono lubrificano, nutrono e proteggono la superficie dell’occhio.

Quando mancano, gli occhi possono diventare secchi e irritati.

C’è sempre un rimedio…

Occhi gonfi.
Occhi gonfi. Fonte: tuame.it

A tutte noi, almeno una volta, questa spiacevole situazione è capitata. Fortunatamente, esistono moltissimi rimedi fai-da-te per riuscire a riacquistare uno sguardo fresco e riposato e combattere questo disturbo!

  • Un impacco freddo di ghiaccio tritato avvolto in un panno morbido è un facile rimedio domestico per le palpebre gonfie. La sensazione di freddo rilasciato contribuirà a ridurre l’infiammazione, eliminando il rossore, attenuando il prurito e riducendo la circolazione. Per avere un risultato ottimale, posizionate l’impacco freddo sopra i gli occhi per almeno dieci minuti;
  • Camomilla e cetrioli sono rimedi naturali per alleviare il gonfiore alle palpebre. Se applicati direttamente sulla zona del contorno occhi, questi prodotti, ricchi di agenti anti infiammatori completamente naturali, contribuiranno a calmare, alleviare e ridurre il gonfiore. Basterà immergere delle bustine di camomilla nell’acqua bollente, lasciarle raffreddare e sistemarle poi sugli occhi, per un minimo di dieci fino a 15 minuti. Volete utilizzare il cetriolo? Tagliate due fette sottili e mettetele sugli occhi per almeno 10 minuti: vi sentirete delle dive del cinema!;
  • Prendete una bustina di the usata e fredda, avvolgetela in un pezzo di stoffa e lasciatela sugli occhi, vi darà sollievo;
  • Se bevete molta acqua, il vostro corpo si manterrà idratato e il rischio di gonfiore si ridurrà;
  • Risciacquate il viso con della semplice acqua fredda e tamponate delicatamente con un asciugamano;
  • Dormite! Il gonfiore sotto gli occhi è un sintomo comune della scarsa qualità del sonno;
  • Si possono anche utilizzare delle creme o trattamenti cosmetici specifici per ridurre il gonfiore.

Amiche! Succede spesso anche a voi di svegliarvi, guardarvi allo specchio e notare gli occhi gonfi? Avevate già sperimentato questi rimedi?