diredonna network
logo
Stai leggendo: Tutto sul menarca: cos’è, sintomi e fasi della crescita

Tutto sul menarca: cos'è, sintomi e fasi della crescita

Tutto quello che c'è da sapere sul menarca durante le fasi della crescita. Quali sono i sintomi e come (e perché) intervenire in caso di menarca precoce o tardivo.
menarca
Fonte: Roba da Donne

Cosa sai sul menarca? Ecco cos’è, quali sono i sintomi e come si manifesta durante le fasi della crescita. 

Cos’è il menarca?

cos'è il menarca
Fonte: Web

Molte mamme avvisano le proprie bambine prima dell’arrivo delle mestruazioni affinché non si spaventino, e per spiegare che il “diventare signorine” è una cosa più che naturale per le donne. È chiamato in tanti modi: mestruazione, ciclo mestruale, mestruo, ma il suo nome scientifico è menarca e deriva dal greco (ménos, cioè mese e arché, cioè inizio).

L’appellativo non ne cambia il significato. Il menarca è l’arrivo del primo ciclo mestruale, che si verifica di solito in un età compresa fra gli 8 e i 13 anni (età media 12-13). Dopo poco tempo e dolori a parte, iniziano a comparire i primi brufoletti e comincia a prendere forma la donna, che attraverserà ora la pubertà entrando nell’età fertile.

Il seno si sviluppa (non per tutte purtroppo, ma esistono modi per valorizzare il seno piccolo) e la produzione di androgeni da parte dell’ovaio comporta anche l’aumento dell’altezza.

Dal menarca ha inizio per la donna il vero e proprio ciclo mestruale, un fenomeno ciclico appunto, che si verifica ogni mese e che si manifesta con perdite di sangue accompagnate da dolori, che possono andare dal mal di testa al mal di reni, all’irritabilità.

Ecco quali sono tutti i i sintomi del menarca. 

I sintomi del menarca

I primi sintomi del menarca sono lo sviluppo graduale degli organi genitali esterni e il cosiddetto telarca, cioè la crescita delle ghiandole mammarie. Entrambi si manifestano circa 1 anno prima della comparsa delle mestruazioni. Ancora prima di 1 anno iniziano a comparire i peli pubici e i peli ascellari, ed è in questa fase che può aumentare la produzione di sudore.

Pochi giorni prima dell’arrivo del menarca possono verificarsi piccole perdite biancastre, dolori alla pancia e tensione al seno. Sono questi sintomi che si ripeteranno per quasi tutte le donne prima dei successivi cicli mestruali, ma non i soli, perché ad annunciare la mestruazione sono soprattutto dolori addominali avvertiti perlopiù all’altezza delle ovaie, dolore ai reni, talvolta mal di testa e l’aumento della sensibilità e dell’irritabilità.

Menarca precoce e crescita

Alcune bambine possono entrare nella pubertà con largo anticipo, cioè prima degli 8 anni, accelerando quel processo di crescita corporea di cui si parlava poco fa. Questo accade quando il menarca è precoce e arriva prima dell’età media stimata dagli specialisti.

Purtroppo si tratta di un fenomeno aumenta il rischio di sviluppare tumori al seno nell’arco della vita. La Susan G. Komen Italia, ONLUS operante nella lotta contro il tumore al seno, afferma che gli studiosi hanno rilevato un aumento del 20% del rischio in caso di sviluppo sessuale prima dei 12 anni, dovuto all’eccessiva esposizione agli estrogeni.

Il menarca precoce, secondo gli esperti del Centro di ginecologia dell’infanzia e dell’adolescenza dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Careggi di  Firenze, provoca anche problemi di crescita, perché se da una parte è vero che lo sviluppo si verifica in anticipo, è altrettanto vero che si interrompe in anticipo.

Ecco cosa dice in proposito la Dott.ssa Vincenzina Bruni in proposito:

Nell’anno precedente al menarca la bambina si ritroverà più alta delle coetanee di circa una spanna. Ma a 14 rischia di essere la più bassa, perché la crescita si ferma.

A questo, sottolinea la Dottoressa, si aggiunge il disagio psicologico della bambina impreparata a vivere nel corpo di un adolescente. Detto ciò, quali sono i rimedi contro il menarca precoce? Se una mamma riconosce i sintomi deve innanzitutto rivolgersi al proprio medico di fiducia per verificare che il processo di sviluppo si sta attivando precocemente, e a quel punto si potrà intervenire bloccando il meccanismo con un medicinale a base di ormoni che regolano l’ipofisi.

Visto cos’è il menarca, i sintomi e come affrontare il menarca precoce quando incide sulla crescita, vediamo cosa fare in caso di menarca tardivo. 

Menarca tardivo e crescita

Può accadere che le bambine che praticano attività sportiva in modo intenso, atlete e ballerine in special modo, possano sviluppare in ritardo, cioè dopo i 13 anni. Secondo la Ginecologa Anna Maria Vulpiani il menarca tardivo può essere causato anche da deficit nutrizionali, oppure da malattie croniche come asma come sintomo di allergia e non, malattie renali, malattie infiammatorie intestinali ed altre.

In questi casi si consiglia procedere con l’ecografia pelvica e successivamente, sotto controllo del medico che segue la terapia, con dosaggi ormonali che possano sollecitare l’arrivo del menarca.