diredonna network
logo
Stai leggendo: Gallette di riso nocive per la salute

Congestione: perché è così frequente in estate?

Bruciore di stomaco: cause e rimedi per contrastarlo (anche in gravidanza)

Perché fumare cannabis, hashish o marijuana fa venire la "fame chimica"

Esistono alimenti contro la caduta dei capelli?

Quali alimenti consumare in menopausa?

Pro e contro della soia: fa davvero bene?

Alimenti lassativi: quali sono e come assumerli

L'hydrobike è davvero utile per combattere cellulite e chili in eccesso?

Scialorrea: chi ne soffre e da cosa dipende

Pillola dell'aborto: 4 cose che devi sapere

Gallette di riso nocive per la salute

L'ennesimo alimento insospettabile sulle nostre tavole: le gallette di riso.Nascoste da cibo sano sono in realtà cancerogene.
gallette-riso-nocive

Un test fatto in Germania è risultato un vero shock: tutte le gallette di riso, comprese quelle biologiche, sarebbero contaminate da elementi cancerogeni. 

La rivista tedesca Oekotest ha sottoposto al laboratorio 20 marche di gallette di riso, tra cui ben 14 da agricoltura biologica, ribaltando la convinzione che vede questo alimento come uno dei più sani. Le gallette sono contaminate con elementi cancerogeni come l’arsenico, presente in quantità rilevante anche nelle patatine fritte, e acrilammide. Secondo l’Efsa: l’Autorità Europea sulla Sicurezza del Cibo ciò rappresenta una potenziale preoccupazione sanitaria.

 

Il riso ha la capacità di assorbire grosse quantità di arsenico, prelevando questa sostanza dai terreni, e nelle gallette questa concentrazione si mostra particolarmente elevata, con una percentuale di composti inorganici di arsenico che mediamente si attesta sull’80% sulla quantità totale dell’elemento chimico.

“L’arsenico può provenire da residui di fitofarmaci agricoli, ma può anche essere di origine naturale, soprattutto in paesi del Sud Est Asiatico, dove viene rilasciato dai sedimenti nelle acque di falda a causa delle condizioni del sottosuolo.”

Grave la situazione anche per l’acrilammide, un composto chimico che si forma negli alimenti, solitamente nei prodotti amidacei, durante la cottura ad alta temperatura (frittura, cottura al forno e alla griglia). Soprattutto per i bambini questo è pericoloso. Tutti i prodotti testati superano questa soglia, ma nella meta delle gallette il residuo risulta particolarmente elevato e non solo, questo è un fenomeno ampiamente conosciuto ed estendibile ad altri prodotti di largo consumo come caffè, cereali tostati, patatine, pane e biscotti.

 

È davvero incredibile come non possiamo più fidarci di quello che troviamo sulla tavola.