diredonna network
logo
Stai leggendo: False mestruazioni: cosa sono e come si riconoscono

In arrivo il congedo mestruale? Ecco chi (e come) ne potrà usufruire

Quanto ci costa avere il ciclo per tutta la vita?

Centrifugati dimagranti: ricette e consigli

Cause e terapie della disforia: perché si verifica e come curarla

Cannabis terapeutica: cosa cura, i costi e come si acquista

Sei intelligente? Te lo dicono le tue pupille

La stevia come dolcificante naturale: tutto quello che devi sapere

Smalto permanente e semipermanente: attenzione, può far male!

Mestruazioni senza assorbenti: arriva la "colla vaginale" che sembra un rossetto

Non sopporti il rumore di chi russa? Allora sei affetto da misofonia

False mestruazioni: cosa sono e come si riconoscono

Non sottovalutate mai le false mestruazioni: possono essere il segno di qualcosa che non va nel nostro apparato riproduttivo. Ecco come fare a riconoscerle, soprattutto in gravidanza.
False mestruazioni

Le false mestruazioni sono un fenomeno che può interessare diverse donne. Possono accadere in gravidanza – è la ragione più diffusa – possono accadere in presenza di cisti o polipi, ma anche a causa della pillola del giorno dopo. Questa, infatti, produce un’alterazione a livello ormonale, che può portare a disturbi come ritardi o appunto le false mestruazioni. Se queste affliggono le giovanissime, soprattutto non in corrispondenza dei giorni delle mestruazioni, ma di quelli dell’ovulazione, è qualcosa che può succedere nell’anno che segue il menarca: niente paura, è solo il ciclo mestruale che si sta “assestando”, per trovare una sua regolarità.

False mestruazioni in gravidanza

False mestruazioni

Dicevamo: le false mestruazioni sono comuni soprattutto in gravidanza. Dato che si tratta di un periodo davvero particolare, bisogna fare attenzione. Perché queste false mestruazioni sono tutt’altro che mestruazioni. Si tratta infatti di uno spotting più abbondante, ma niente a che vedere con il flusso mestruale tipico del ciclo. Questo spotting ha solitamente due cause, una neutra – quando si tratta di perdite da impianto, che significa appunto che è avvenuta la fecondazione dell’ovulo – e una potenzialmente negativa, perché si tratta di minacce d’aborto. In quest’ultimo caso, bisogna correre in ospedale, dove, oltre a effettuare gli accertamenti, è molto probabile che venga prescritta una piccola cura a base di progesterone.

False mestruazioni, i sintomi

Le false mestruazioni si distinguono dalle mestruazioni vere proprio per i sintomi. Quando aspettiamo il ciclo siamo irritabili, mangiamo tantissimo e nella maniera più disordinata a causa di attacchi di fame irrefrenabili, il seno si gonfia e diventa dolente, proviamo dei doloretti addominali, ad alcune spunta anche qualche brufolo. Le false mestruazioni non presentano ovviamente questi sintomi: solo se si è in gravidanza si possono avvertire tensione al seno e dolori addominali, ma sono certamente di altra natura e il dolore un po’ diverso da quello da ciclo – perché è dovuto all’utero che cerca di espandersi per poter accogliere al meglio il nostro bambino durante i nove mesi di crescita all’interno della nostra pancia.

I dolori della minaccia d’aborto sono invece più simili ai crampi mestruali: per questo bisogna fare attenzione, non sottovalutare e correre all’ospedale se si scorgono sulle mutandine delle macchioline rosate. Capiamo quanto sia complicato se non si sa di essere incinte: per questo è importante prestare attenzione a tutti i messaggi che vengono dal nostro corpo – soprattutto se si fa sesso non protetto, anche con il proprio compagno o marito, pur senza programmare la maternità – e comunque non esistono metodi di contraccezione sicuri al 100%. Perfino il preservativo può fare cilecca perché l’avete acquistato dalle macchinette in estate, che si surriscaldano al sole.

False mestruazioni, come riconoscerle?

False mestruazioni

Le false mestruazioni si riconoscono proprio a causa dell’assenza dei sintomi sopraccitati. Inoltre, un campanello d’allarme può essere nel colore delle perdite, che non è del solito rosso. Il rosa sarà pure un bel colore, ma in questo caso è segno che qualcosa non sta andando come dovrebbe nel nostro apparato riproduttivo. Niente paura, nella maggior parte dei casi, il problema è risolvibile. Le minacce d’aborto, per esempio, sono diffuse tra le primipare, ma di solito i medici riescono a scampare il pericolo con accertamenti e cure a base di progesterone.

False mestruazioni, quanto durano?

Le false mestruazioni hanno una durata inferiore a quella delle mestruazioni vere: 2-3 giorni contro i 4-7 giorni canonici. Teoricamente si dovrebbero presentare solo nel primo trimestre della gravidanza, se si è incinte, ma a volte si ripresentano anche nel secondo trimestre: è bene tenere informato il proprio ginecologo sul fenomeno.

Se le false mestruazioni si presentano quando non siete in gravidanza accadono una tantum, però bisogna ricordare alcune semplici regolette sul ciclo mestruale. Delle mestruazioni insolite una tantum possono essere il sintomo di qualcosa che non va, ed è bene consultare il medico. Anche se le nostre mestruazioni si accorciano, cambiano di intensità o di periodo è bene consultare il medico, ma giusto per sicurezza: il ciclo mestruale cambia tutta la vita e il reiterarsi dei fenomeni può indicare in questo caso cambiamento. Ma – sempre – il parere medico è indispensabile a fugare ogni dubbio.