diredonna network
logo
Stai leggendo: 5 Motivi Per Evitare I Dolcificanti Artificiali

5 Motivi Per Evitare I Dolcificanti Artificiali

Eh no, ragazze, il dolcificante non fa dimagrire. Anzi. E pare che possa creare anche altri problemi. Forse lo zucchero non era poi il nostro nemico pubblico numero uno...
Foto: Web
Foto: Web

Zucchero o non zucchero? Questo è il problema.

Che molte di noi risolvono con l’”aiutino”: la pillolina dolcificante che non fa ingrassare.

Ma siamo sicure?

Perché a cercare sul web, pare proprio che facciano l’effetto opposto.

Almeno secondo alcuni studi che, oltre a questo, hanno accusato i dolcificanti artificiali di comportare anche altri rischi per il nostro organismo.

Saranno davvero così pericolosi?

1. Cosa sono?

Foto: Web
Foto: Web

I dolcificanti artificiali vengono sintetizzati in laboratorio.

Sono nati inizialmente per le persone diabetiche, ma poi si sono diffusi in molti alimenti dietetici, perché hanno un potere dolcificante estremamente elevato (ne bastano piccolissime quantità) a fronte di un potere calorico piuttosto basso.

I più diffusi sono aspartame e saccarina.

L’aspartame in particolare ha un potere dolcificante elevatissimo: un suo grammo “addolcisce” quanto 200 grammi di zucchero.

2. Meno calorie = più ciccia

Foto: web
Foto: web

Quindi, come abbiamo visto, i dolcificanti artificiali sono efficacissimi quanto a sapore, ma contengono poche calorie.

Perfetto, no?

Ma c’è un ma: proprio perché al loro sapore dolce non corrisponde analogo apporto nutritivo, la capacita dell’organismo di regolarsi correttamente viene messa in crisi.

Che vuol dire?

In pratica che poi ci verrà più fame.

Quindi siamo portate a mangiare di più, ma non solo: avremo più voglia di mangiare cibi ricchi di carboidrati e questi – è stato dimostrato – verranno persino assimilati di più.

Insomma, un bel boomerang.

3. Altri rischi

Foto: web
Foto: web

Che siano una minaccia per la linea lo conferma anche un recente studio su bevande e cibi dolcificati artificialmente o zuccherati condotta dalla Purdue University, per il quale, inoltre, i dolcificanti sarebbero responsabili di aumentare anche il rischio di alcune malattie come sindrome metabolica, diabete e patologie cardiovascolari.

4. Il diabete

Foto: web
Foto: web

Secondo uno studio israeliano pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica “Nature” alcuni edulcoranti artificiali, in particolare aspartame, saccarina e sucralosio, possono provocare alterazioni metaboliche che portano ad un aumento della glicemia.

Gli autori dello studio hanno chiesto a sette volontari non consumatori di dolcificanti di consumarli per una settimana.

Già dopo quattro giorni la metà di loro aveva la glicemia alta e un’alterata composizione della popolazione batterica intestinale.

5. Mal di testa

Foto: web
Foto: web

L’aspartame – come dicevamo, tra i più diffusi – si trova in centinaia di alimenti: oltre che nei prodotti light, in bibite gassate, gomme da masticare, caramelle.

Quando l’organismo lo metabolizza l’aspartame, si formano anche il metanolo, sostanza potrebbe indurre effetti indesiderati quali emicranie e reazioni allergiche.

6. Peggio ancora…

Foto: web
Foto: web

Cosa ben più grave, secondo alcune ricerche condotte presso l’Istituto di Ricerca Ramazzini di Bologna, in topi che avevano assunto aspartame sarebbe aumentato il rischio tumore.

L’Associazione Internazionale Edulcoranti (ISA) ritiene però che le conclusioni dello studio siano valide solo per i roditori e non trasferibili agli esseri umani.

E l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) l’anno scorso ha tranquillizzato, ribadendo che come per gli altri additivi, anche per l’aspartame esiste una dose giornaliera accettabile (40 mg/kg/giorno), che tutela i consumatori, con l’eccezione delle persone con un difetto metabolico raro, la fenilchetonuria, che non dovrebbero consumarlo proprio.

7. Quindi?

Foto: web
Foto: web

Quindi, come sempre in questi casi, quando si parla di salute, ma ci sono anche altri interessi in gioco, c’è chi fa allarmismo e chi sminuisce tutto.

E ai consumatori restano dubbi e confusione.

Io nel dubbio ho deciso di adottare questa strategia: magari una fetta soltanto, ma non rinuncio al ciambellone della mamma.

Altro che snack!