diredonna network
logo
Stai leggendo: Esame di maturità: studio sfrenato e notti insonne? I consigli del nutrizionista

Esame di maturità: studio sfrenato e notti insonne? I consigli del nutrizionista

Il noto portale dedicato agli studenti ha intervistato il nutrizionista Giorgio Calabrese per consigliare una dieta adatta ad affrontare lo studio di questi giorni. In bocca al lupo a tutti!
Ge - prova scritta italiano maturitˆ 2010

Cari liceali, manca davvero poco all’esame di maturità: il 19 giugno sarà la volta della prima prova scritta di italiano, il 20 giugno ci sarà la seconda con temi specifici per i vari indirizzi di studio e il 24 giugno ci sarà la terza prova scritta multidisciplinare. Poi sarà la volta dell’esposizione orale e…finalmente vacanza! Ma come vi state preparando per il grande evento? State ore ed ore a ripassare la vostra tesina? Oppure appartenete alla categoria di chi non ha mai studiato durante tutti i cinque anni e ora cerca disperatamente di imparare tutto il programma scolastico? O ancora, siete tra quelli che rimandano giorno dopo giorno lo studio? In ogni caso, ogni maturando dovrebbe cercare di seguire una dieta sana e regolare per poter affrontare al meglio questa straordinaria sfida perché mangiare bene significa avere energie da spendere nello studio! Skuola.net ha intervistato il nutrizionista Giorgio Calabrese per avere qualche consiglio. Riportiamo di seguito il decalogo del maturando.

1. Studiare con lo snack: bisogna fare dei break dallo studio sia a metà mattinata che nel pomeriggio. Infatti, mentre si studia il cervello brucia zuccheri e mangiare snack che contengano grano, mais, farro, orzo e segale lo aiuta a rifornirsi di amidacei.

2. Non saltare mai la prima colazione: la colazione di prima mattina aiuta il cervello a non rimanere a corto di carburante nel bel mezzo dello studio.

3. Non dimenticare la colazione dello studente: ogni maturando dovrebbe bere un bicchiere di latte insieme a delle fette biscottate con marmellata, miele oppure con un po’ di Nutella sempre abbinando della frutta o un succo di frutta o una spremuta.

4. Aprire lo stomaco “chiuso”: la tensione e lo stress della Maturità possono far perdere appetito con facilità. Per combattere questo tipo di inappetenza bisogna bere una spremuta di arancia o un succo di frutta per aprire il piloro.

5. Appagare il palato con il gelato: il gelato alla frutta, ricco di fruttosio, appaga il palato, disseta e fornisce l’energia che aiuta a studiare.

6. Mangiare, ma senza ingrassare: non sono pochi coloro che per far fronte allo stress da studio masticano continuamente qualcosa. Per evitare di mandar giù qualsiasi cosa si può mangiare latte con i cereali, o qualcosa dal gusto buono, soffice, morbido senza conservanti particolari. In questo modo si appaga lo stomaco e il palato gestendo il senso di sazietà.

7. Non abusare del caffè: il caffè è un eccitante, berne troppi causa l’effetto opposto, ovvero la depressione.

E IL GIORNO DELL’ESAME?

8. Non dimenticare di mangiare all’esame: alle 10:30 e alle 12:00 non possono mancare prodotti da forno, snack ai cereali o al latte, energetici e facile da digerire.

9. Portare l’acqua all’esame: durante l’esame è importante bere per rendere le membrane cellulari più reattive. Accanto all’acqua meglio il thé del caffè, appaga il gusto e nutre subito il cervello.

10. Ricordare di muoversi: l’attività sportiva attiva la tiroide e brucia i grassi in eccesso, aiutando cuore e cervello a lavorare meglio.

Noi di “Roba da Donne” facciamo un grande in bocca al lupo a tutte le maturande e maturandi che affronteranno l’esame di maturità tra pochissimi giorni. Un consiglio che va oltre quello nutrizionale? Godetevi questo momento, godetevi la tensione che si respira in questi giorni, divertitevi con i vostri compagni di viaggio perché questi sono momenti che vi rimarranno impressi nella mente e vale la pena viverli fino in fondo! Studiate anche fino a tardi, ma ricordate di fare lo stesso con il divertimento! Dopo la maturità vi aspetterà l’Università e/o la sfrenata ricerca di un lavoro: in entrambi i casi sosterrete altri tipi di colloqui, altri tipi di prove scritte perché, statene certi, come diceva Eduardo De Filippo “Gli esami non finiscono ma!”…è la vita!