diredonna network
logo
Stai leggendo: Efficacia e rischi del Gua Sha, la tecnica di cupping che sta facendo discutere il web

Efficacia e rischi del Gua Sha, la tecnica di cupping che sta facendo discutere il web

Il Gua Sha è un'antica tecnica terapeutica propria della Medicina Tradizionale Cinese. Ecco cos'è e quali sono i suoi rischi e benefici.

Esistono diversi modi per curare i dolori alle articolazioni o anche una semplice emicrania: fra chi preferisce metodi veloci come pomate acquistate in farmacia o medicinali da banco, c’è invece chi si affida a rimedi antichi che trovano le loro radici nella tradizione cinese. Proprio nella prima settimana di ottobre 2017, un post pubblicato su Facebook dalla pagina di Hitesh Patel aveva attirato l’attenzione di più di 11 mila utenti: si trattava di alcune fotografie che mostravano diverse schiene con dei marchi rossastri. No, nessuna violenza, ma dei segni lasciati da un antico massaggio cinese che dovrebbe aiutare a curare emicranie e dolori muscolari dovuti alla routine lavorativa.

Il suo nome è Gua Sha e, come descritto dalla dottoressa Caterina Martucci nel suo blog Terapie per la lunga vita, è un’antica tecnica terapeutica propria della Medicina Tradizionale Cinese che sta sempre più prendendo piede anche nella nostra società. Ma cos’è questo massaggio tanto discusso e quali benefici (o rischi) si possono davvero trarre da questa terapia?

Cos’è il Gua Sha?

Fonte: pingminghealth.com

Secondo quanto descritto dal sito internet Health Line: il Gua Sha è un’antichissima tecnica terapeutica della medicina cinese e consiste in una raschiatura dell’epidermide con un apposito attrezzo da massaggio. Se praticata da un medico esperto, attraverso tale terapia è possibile migliorare la propria circolazione sanguigna e tutti i dolori fisici legati a essa.

Ma in cosa consiste davvero? Nel Gua Sha, un tecnico specializzato graffia la pelle sia con tratti lunghi che con tratti corti al fine di stimolare la microcircolazione del tessuto molle e aumentare così il flusso sanguigno. Prima di cominciare, il medico applica sulla pelle del proprio paziente un olio per massaggi (questo per rendere la pelle più morbida), dopodiché la raschiatura è praticata con uno strumento dai bordi lisci con una forma che ricorda un plettro ma almeno 8 volte più grande. Ma il Gua Sha non è solo una pratica medica: come lo yoga e l’agopuntura, è un modo spirituale per eliminare l’energia negativa che ristagna all’interno del nostro corpo (nella credenza cinese è proprio quella forza maligna a creare le infiammazioni articolari). Per questo motivo è importante raschiare via ogni negatività al fine di eliminarla, ridurre l’infiammazione e, infine, raggiungere la guarigione. Questa particolare tecnica è solitamente eseguita su schiena, natiche, collo, braccia e gambe ma in questi ultimi anni è stata anche estesa al viso.

I benefici del Gua Sha

Il Gua Sha può ridurre l’infiammazione ed è quindi spesso usato per trattare i disturbi che causano dolori cronici come l’artrite e la fibromialgia, così come quelli dovuti a dolori muscoli o articolari.

Spiega sempre il sito internet Health Line. C’è da dire però che, attraverso numerosi altri studi, si è scoperto come il Gua Sha possa curare anche condizioni più gravi. Prima fra tutte, l’epatite B: uno studio sperimentale condotto su un uomo malato ha mostrato degli effetti molto positivi dopo 48 ore di trattamento. Ciò ha portato quindi a credere che il Gua Sha sia in grado di migliorare la funzionalità del fegato malato e quindi di tenere sotto controllo i possibili danni all’organo. Un’altra ricerca ha trattato anche i problemi legati all’ingorgo mammario nelle prime settimane d’allattamento: il Gua Sha è stato infatti sperimentato su alcune donne appena divenute madri fino all’uscita dall’ospedale. Seguendo queste neo madri anche nelle settimane a seguire, si è scoperto come la maggior parte di loro non presentasse nessun problema legato a ingrossamento di seno o possibili disagi. Il Gua Sha, combinato ad altre terapie, può giovare anche a chi soffre della sindrome di Tourette ed è stato uno studio a mostrarlo. La ricerca è stata conseguita su un uomo di 33 anni affetto da tale malattia fin da quando aveva 9 anni. Dopo aver cambiato il proprio stile di vita ed essersi sottoposto a 35 sedute (1 a settimana) di agopuntura, erbe mediche e Gua Sha, si è visto come i suoi sintomi legati alla sindrome di Tourette siano migliorati del 70%. Ultima, ma non meno importante, la perimenopausa: tale sindrome colpisce numerose donne alla soglia della menopausa e i suoi sintomi più comuni sono l’insonnia, le vampate di calore, il ciclo mestruale irregolare e l’ansia. Uno studio condotto su un campione di 80 donne affette da perimenopausa ha però scoperto come il Gua Sha possa ridurre tali malesseri.

Rischi del Gua Sha

Fonte: synergistichealthgb.com

Il Gua Sha, se non praticato in modo esatto, può causare diversi effetti collaterali: se siete intenzionate a provare questa tecnica state ben attente che il vostro medico di fiducia utilizzi uno strumento idoneo per raschiare l’epidermide, usarne uno sbagliato potrebbe infatti provocare delle infezioni batteriche. Inoltre, una pressione sbagliata potrebbe provocare più danni che benefici ai nostri muscoli, è perciò importante rivolgersi unicamente a un medico specializzato. A parlare di altri effetti collaterali è stata anche l’agopuntrice specializzata Sarah Kreitzer al sito internet d’informazione Global News:

Il trattamento lascia dei marchi temporanei di colore marrone-rosso sulla zona raschiata e possono durate da qualche giorno fino a qualche settimana. Il trattamento non è pensato per essere doloroso, anche se potrebbe esserlo.

L’agopuntrice professionista Eileen Fauster ha parlato invece dei pazienti non idonei a questa particolare terapia:

Il Gua Sha – e la stessa cosa vale per il cupping (la coppettazione, un’altra tecnica di medicina alternativa, ndr.) – non dovrebbe mai essere praticato su qualcuno che soffre di cancro oppure di Parkinson. Questo perché il Gua Sha smuove il flusso sanguigno fino alla superficie e crea delle macchie rosse. Le persone deboli (fisicamente), o che hanno un sangue molto fluido, o che sono soggette a lividi o ancora persone che hanno problemi legati alla coagulazione non sono dei buoni candidati per il Gua Sha.