diredonna network
logo
Stai leggendo: 6 Diete Post-Pasqua per Rimettersi in Forma e Depurarsi dai Giorni di Festa

6 Diete Post-Pasqua per Rimettersi in Forma e Depurarsi dai Giorni di Festa

Ecco le migliori diete post-bagordi pasquali. Per chi ha esagerato, ecco 6 regimi alimentari da seguire per tornare in forma e allacciare nuovamente il bottone dei jeans.
(foto:Web)
(foto:Web)

I bagordi pasquali portano sempre 2-3 kg in più.

Anche chi è sempre a dieta fa fatica a rinunciare al pranzo di Pasqua, alla grigliata di Pasquetta, all’alcol che scorre a fiumi per festeggiare.

Tranquille, avete fatto bene a godervela!

Quei pochi chili in più che vengono segnati dalla bilancia sono fittizi, ovvero dovuti per il 90% alla ritenzione idrica derivante dalla grande quantità di carboidrati ingeriti.

Vi sentite un pochino più sollevate?!

Perdere quei chiletti sarà molto semplice, più di quanto pensate.

Per questo motivo vi proponiamo delle diete, o dei regimi alimentari, specifiche per tornare in forma, anche in previsione dell’imminente prova costume.

(foto:Web)
(foto:Web)

1 – Dieta dell’Uva

 

Prima di dimagrire forse è meglio disintossicarsi.

Questa dieta consiste nel mangiare 500gr di uva il primo giorno per poi arrivare, in uno spazio di tre giorni, ad un quantitativo di 2 chili, massimo 2 chili e mezzo.

Bisogna immediatamente eliminare tutti gli elementi ricchi di protidi e grassi come vino, birra, tè, caffè, le verdure crude e la frutta.

Per ottenere il massimo il pane deve essere integrale, oppure gallette di riso o fette biscottate biologiche.
I dietisti consigliano di consumare la prima metà del peso di uva al mattino a digiuno e la seconda metà suddividendola tra mezzogiorno e il tardo pomeriggio.

(foto:Web)
(foto:Web)

2 – Dieta del Cocomero (di Jennifer Aniston)

Questa dieta non è troppo semplice da seguire e rischia anche di essere un po’ sbilanciata.

L’ingrediente principale è il cocomero perchè ricco d’acqua e poco calorico.

La nutrizionista Janine Fahri ha analizzato la dieta di Jennifer e ha concluso:

“Il mio consiglio per chi ha bisogno di perdere peso è quello di non eliminare del tutto alcuni alimenti, ma piuttosto fare una limitazione delle porzioni che se ne consumano. In linea generale, la porzione relativa alle proteine dovrebbe essere grande più o meno quanto un mazzo di carte; quella di carboidrati (preferibilmente integrali) dovrebbe avere le dimensioni di una palla da tennis, mentre per le verdure non ci sono limiti”.

Per chi volesse comunque per un paio di giorni smaltire rapidamente i chili di troppo ecco lo schema:

Colazione

Un toast integrale con marmellata (meglio se conserva di mele); un quarto di tazza di formaggio magro spalmabile; una tazza di Granola. Con questo termine si indica in America un misto di cereali (a scaglie o pezzetti, tipo avena, orzo, farro, grano, reperibili in negozi biologici) tostati in forno e arricchiti alla fine da uvette, fettine di frutta disidratata, scaglie di cocco etc. Oppure un frullato di pesca bianca e zenzero fatto con il succo del cocco.

Pranzo

Insalata con un po’ di formaggio greco tipo Halloumi, lenticchie verdi, cocomero e pomodori;o insalata con un quarto di tazza di fagioli bianchi con finocchio, pomodori, prezzemolo, aneto ed erba cipollina; oppure zuppa di sedano.

Cena

Pesce con un quarto di tazza di noci, frittata e pepe con fagiolini verdi cotti a vapore. Oppure salmone marinato con asparagi, erba cipollina e funghi. Oppure il chicken burrito, ovvero una tortilla di grano duro farcita con peperoni formaggio, cipolla e filetti di pollo.

(foto:Web)
(foto:Web)

3 – Dieta Juicing

Questa è la dieta ideale per chi ha poco tempo.

Una dieta a base di succhi di frutta e verdura.

Per essere davvero efficace, il juicing deve essere anticipato e seguito da due giorni di alimentazione controllata, cioé senza carne, senza latte e derivati, senza pietanze elaborate.

Colazione

Centrifugato di cinque carote e una manciata di foglie di prezzemolo. Va bevuto subito appena fatto.

Spuntino

Centrifugato di una bietola, mezza mela, quattro carote, una fetta di zenzero.

Pranzo

Centrifugato di una manciata di prezzemolo, una manciata di spinaci freschi, cinque carote, due gambi di sedano.

Merenda

Centrifugato di una bietola e tre mele. Un’ora prima di cena, centrifugato di mezzo melone con la buccia e sei fragole.

Cena

Centrifugato di un quarto di cavolo cappuccio, due mele verdi, sei carote.

Prima di coricarsi

Una tisana preparata lasciando in infusione per 15 minuti 20 grammi di melissa e 20 grammi di passiflora.

(foto:Web)
(foto:Web)

4 – Dieta ipocalorica

 Per una dieta invece più semplice invece basta ricordarsi che la pasta si può mangiare solo due volte alla settimana e solo a pranzo.

Il pane va mangiato nei giorni in cui non si mangi la pasta.

Il sabato puoi mangiare la pizza ma mangiando solo un secondo ed un contorno a pranzo.

Evita i superalcolici e le bevande zuccherine.

Dì addio al gelato, alla cioccolata e frutta come banane, fichi, cachi e frutta secca.

Limita i condimenti ed elimina, dove possibile, il sale.

Non dimenticare mai gli spuntini a metà mattina e metà pomeriggio.

(foto:Web)
(foto:Web)

5 – Un giorno depurativo

Un rimedio drastico ma perfetto per purificarsi.

Da quando ci si sveglia a quando si va a dormire bisogna mangiare solo 700 grammi di frutta.

A chi piace il latte può mangiare un frutto al mattino, uno a pranzo e la sera un bicchiere di latte con due fette biscottate.

(foto:Web)
(foto:Web)

6 – Dieta dei tre giorni

Per i giorni seguenti ci sono due possibilità: o una dieta veloce, della durata di tre giorni, sulle 850 calorie giornaliere, o una più lunga, da portare avanti per dieci giorni e più, sulle 1200 calorie al giorno.

Colazione

una tazza di tè con un cucchiaino di zucchero e due fette biscottate con un cucchiaino di marmellata, oppure un bicchiere di latte parzialmente scremato con una fetta biscottata con sopra due cucchiaini di marmellata.

Pranzo

scatoletta di tonno all’olio di oliva sgocciolato da 80 grammi o un uovo con due bianchi, oppure 80 grammi di formaggio light o ancora un hamburger da 100 grammi. Il tutto accompagnato da verdure a piacere con un cucchiaino d’olio e 30 grammi di pane.

Cena

un piatto di carne o di pesce da 130 grammi accompagnato da verdure in quantità e 30 grammi di pane.