diredonna network
logo
Stai leggendo: Non è solo “ansia”, ecco come affrontare la dermatite da stress

Non è solo "ansia", ecco come affrontare la dermatite da stress

La dermatite da stress ha, come suggerisce il nome, prettamente cause psicologiche; eppure, il problema può aggravarsi anche per altro, e avere soluzioni che non riguardino solo il diminuire i nostri livelli di ansia. Che resta comunque consigliabile.
dermatite da stress

Sappiamo che lo stress incide notevolmente non solo sulla nostra salute psichica, ma anche sulle condizioni fisiche; una delle espressioni più evidenti di un eccesso di stress è senz’altro la dermatite, un’infiammazione della pelle che si presenta con la formazione improvvisa di chiazze rosse, pelle secca e prurito.

In realtà con il termine dermatite da stress ci si riferisce generalmente a un gruppo piuttosto vasto di patologie dermatologiche, che possono insorgere o peggiorare nei periodi di intenso stress emotivo. In effetti la dermatite può essere considerata un vero e proprio “meccanismo di difesa” dell’organismo umano, una via attraverso cui le emozioni letteralmente trovano una via di sfogo sul corpo, anche se ancora non è ben chiaro perché o quale sia il collegamento fra stato emotivo e comparsa di queste antiestetiche chiazze rosse. La dermatite, infatti, ha molteplici cause, può dipendere da un’allergia, dall’uso di determinati farmaci o cosmetici, ma se non è scatenata da nessuna di queste cause, allora la sua comparsa è inevitabilmente attribuita proprio a uno stress psico-fisico.

In generale, le zone colpite dalla dermatite da stress sono il cuoio capelluto, il viso, il collo, le mani e i piedi, più raramente può interessare anche la zona delle palpebre e gli occhi. L’eruzione cutanea scatenata dalla dermatite può essere più o meno intensa e causare una sensazione di prurito o calore più o meno fastidiosa, ma soprattutto induce al desiderio di grattarsi costantemente, cosa che, come capita con la varicella, ad esempio, peggiora ulteriormente la situazione, dato che l’eccessivo grattarsi può essere responsabile di ferite, abrasioni, escoriazioni, ed esporre il paziente al rischio di infezioni.

I sintomi della dermatite da stress

dermatite da stress sintomi
Fonte: web

La dermatite da stress si manifesta, lo abbiamo detto, come un’infiammazione improvvisa della cute, di cui l’intenso prurito è sicuramente il principale sintomo.
La sintomatologia, comunque, non differisce molto da quella di una normale dermatite allergica da contatto, e in effetti le due patologie sono facilmente confondibili. Tra i vari sintomi ci sono l’arrossamento della pelle, la desquamazione e conseguente pelle secca, la comparsa di vescicole, abrasioni e crosticine e, infine, i gonfiori pruriginosi. Spesso però l’unico sintomo davvero evidente può essere proprio il forte prurito, cosa che denota nuovamente l’esistenza di un forte problema di stress e ansia.

Le cause della dermatite da stress

dermatite da stress viso
Fonte: web

Oltre allo stress, esistono altri fattori specifici in grado di scatenare la dermatite?
Ovviamente sì, perché lo stress da solo non è sufficiente a spiegare i meccanismi che si innescano in questo processo di difesa; pur se la scienza medica non ha ancora trovato prove inconfutabili a riguardo, è norma consuetudinaria pensare che, fra i fattori potenzialmente responsabili del disturbo, ci siano i lavaggi troppo frequenti, l’esposizione a sostanze irritanti, come l’utilizzo di particolari cosmetici o prodotti detergenti, o l’eccessiva esposizione a umidità e al freddo; altre cause scatenanti sono da ricercarsi nelle carenze alimentari.

La cura per la dermatite

dermatite da stress cure
Fonte. web

Generalmente, la dermatite da stress scompare spontaneamente dopo un certo periodo, senza necessità di sperimentare particolari terapie; ma, in alcune circostanze, soprattutto quando la natura o la durata del problema lo impongono, possono essere utilizzati determinati rimedi per attenuare i sintomi.

Naturalmente, essendo lo stato emotivo il fatto principale di insorgenza del disturbo, agire in primis proprio sul fattore psicologico è il primo passo da compiere, ma non l’unico affinché si possa parlare di cura efficace: per trattare la dermatite da stress è infatti possibile applicare pomate, unguenti o gel a base di cortisone, studiate apposta per affrontare il lato “estetico” del problema. In commercio esistono inoltre creme lenitive di automedicazione, che alleviano, seppur temporaneamente, infiammazione e prurito.

Va da sé che utilizzare questi trattamenti senza prima consultare il proprio medico è assolutamente sconsigliato; questo non significa, tuttavia, che non possano essere sperimentati autonomamente rimedi naturali fai da te: imparare a gestire l’ansia è ovviamente la prima cosa da fare per attenuare il problema, ma tra i consigli utili per ridurre il disturbo val la pena provare a esporsi al sole, per ridurre il prurito, diminuire i lavaggi con i detergenti aggressivi, non toccare sostanze irritanti; ridurre l’assunzione di caffè, alcol e fumo e al contempo praticare della regolare attività fisica.

Naturalmente, una dieta equilibrata, come spesso accade, è alla base del benessere psicofisico. A un’alimentazione sana può essere aggiunto il ricorso a impacchi alla camomilla, gel d’aloe vera, yogurt, olio d’oliva e miele.