diredonna network
logo
Stai leggendo: Cuscino per la cervicale: quale scegliere e perché

"Niente pillola del giorno dopo": il rifiuto del medico che lede il diritto della donna

Sonnambulismo, 6 cose da sapere su chi cammina nel sonno

Alimenti lassativi: quali sono e come assumerli

L'herpes genitale è un'infezione sessualmente trasmissibile. Quando siamo più a rischio?

Lingua a carta geografica: cos'è e come si cura

Spasmofilia, la "malattia invisibile" di chi è sempre stanco

Depurativo antartico: il segreto della dieta tisanoreica

La dieta senza glutine fa dimagrire, fa male o fa bene?

"Qual è la differenza fra Balfolic e Prefolic?"

La sindrome di Stendhal: l'attacco di panico per eccesso di bellezza

Cuscino per la cervicale: quale scegliere e perché

Stanche di svegliarvi con il collo bloccato o di finire una giornata di lavoro con la schiena indolenzita? Quello che ci vuole è un cuscino per la cervicale: fate un regalo alla vostra salute e a voi stesse!
Cuscino per la cervicale
Fonte: Web

Se dopo una giornata trascorsa alla scrivania, chinate sul computer o a studiare, avvertite un forte indolenzimento al collo, significa che la postura assunta mentre state lavorando è sbagliata. Il dolore vertebrale, che a volte può causare un vero e proprio blocco, può essere causato anche da una posizione scorretta durante il sonno: dormire a pancia in giù è un difetto che va corretto, anche a beneficio della respirazione. Scatti improvvisi o sforzi provocati da pesi eccessivi possono provocare i danni più gravi, da uno strappo muscolare ad una infiammazione. In ogni caso, il cuscino per la cervicale è uno dei rimedi migliori che serve per prevenire e alleviare i dolori, correggendo gli errori di postura nel sonno.

Cuscino per la cervicale: i migliori sono quello massaggiante e quello riscaldante

Cuscino per la cervicale massaggiante e riscaldante
Fonte: Web

È importante scegliere il cuscino più adatto alle proprie esigenze e per questo in commercio se ne trovano di diversi tipi, tutti accomunati dal non essere soffici, per offrire un sostegno migliore. Anche lo spessore deve essere considerato, in relazione al letto dove si dorme, poiché se il materasso è morbido dovrà essere più basso poiché il corpo sprofonderà di qualche centimetro. Dopo di che bisogna scegliere il modello più adatto nella forma, in base a dove e come verrà utilizzato, e nel materiale. Naturalmente, ogni variante ha i suoi pro e contro:

  • Cuscino in waterlily: la gomma lo rende resistente e indeformabile, oltre a spingere verso l’alto. È anallergico, ma potrebbe risultare troppo rigido e costoso.
  • Cuscino a doppia-onda: anatomico, grazie alla sua forma concepita per seguire il nostro corpo ed ergonomico, se fatto in lattice o memory; come unico difetto presenta il fatto di avere una struttura diversa rispetto a quella a cui è abituata la maggior parte della gente. Potrebbe essere difficile abituarsi a dormire sulle due onde.
  • Cuscino in lattice: ergonomico, traspirante e antiacaro, è perfetto grazie al suo effetto massaggiante. Essendo elastico, si adatta alla forma del corpo. Bisogna sceglierli di ottima qualità, onde evitare cattivi odori o deterioramento del materiale. Alcuni modelli emettono delle vibrazioni, ma potrebbero dare fastidio a chi ha il sonno leggero.
  • Cuscini memory: ha le stesse proprietà del precedente, rilassa i muscoli attraverso il calore. Proprio per questo non è traspirante, ma attenzione al prezzo: in commercio spesso si trovano prodotti realizzati con gli scarti di lavorazione.

Come usare il cuscino per la cervicale?

Cuscino per la cervicale come funziona
Fonte: Web

Usare cuscini correttivi o capaci di sciogliere le contratture non basta. L’importante, dopo aver scelto quello che fa per voi, è eseguire una serie di esercizi per il benessere dei propri muscoli. Si può mettere anche in salotto per guardare la televisione, concedendovi un po’ di relax dopo una giornata faticosa. In erboristeria, inoltre, vendono dei cuscinetti riempiti di semi: basta scaldarli qualche minuto per ottenere un sollievo immediato.

In casi gravi, purtroppo, diventa necessario rivolgersi ad un medico specializzato, che a sua volta prescriverà una terapia fisioterapica. A volte, infatti, si possono presentare fastidiosi sintomi correlati come mal di testa, nausea e immobilità di scapola e braccio.

Si parte! Ecco quale cuscino per la cervicale bisogna portare in viaggio

Cuscino per la cervicale da viaggio
Fonte: Web

Non potendo portarsi dietro il proprio guanciale, esiste un formato ideale di cuscino cervicale da viaggio, studiato apposta per i lunghi viaggi. Dalle ore trascorse in aereo, treno o macchina alla lettura di un buon libro prima di andare a dormire, vi terrà compagnia: che vacanza sarebbe se come compagna aveste costantemente la cervicale? Questo cuscino, inoltre, è indicato anche per altri disturbi, come il reflusso gastroesofageo, che impedisce di fare sonni tranquilli, o il russare, che impedisce sonni tranquilli a chi ci sta vicino. Un motivo in più per averlo sempre in valigia!

Prezzi diversi per cuscini di diversa qualità

Cuscino per la cervicale prezzi
Fonte: Web

Sulla salute non si deve mai risparmiare e il cuscino per la cervicale non è soltanto un regalo di fine giornata per voi stesse, ma vi toglierà stanchezza e affaticamento durante il giorno, facendovi lavorare sodo. Bisogna prenderlo come un investimento, insomma!

La qualità ha un costo, ma cercando bene si possono trovare anche delle versioni su Internet più economiche, attorno ai 25-35 euro. La cosa migliore, però, sarebbe farsi consigliare da esperti i modelli più efficaci e duraturi per evitare di spendere soldi inutilmente.