diredonna network
logo
Stai leggendo: 6 Cose che non Pensi Siano Sporche Ma che Invece Lo Sono

6 Cose che non Pensi Siano Sporche Ma che Invece Lo Sono

Ci sono 6 oggetti che usiamo tutti i giorni e che non sappiamo che potrebbero essere la dimora perfetta per germi e batteri. Dal cuscino alla borsa, ecco quelle cose andrebbero lavate molto più spesso.
(Foto: Web)
(Foto: Web)

Tutte noi siamo attente all’igiene: sia del nostro corpo, ma anche della nostra casa.

Alcune di noi sono delle donne delle pulizie provette, che non si lasciano sfuggire nemmeno un granello di polvere e passano lo straccio con tale intensità che i batteri scappano via.

Ma lo sapevate che ci sono 6 oggetti di uso quotidiano che sono il posto perfetto perché germi e batteri possano prosperare?

6 oggetti che possono minare alla nostra pulizia e salute!

Vero è che non tutti i batteri sono nocivi e che comunque i battere sono ovunque, ma io per sicurezza laverò tutte queste cose appena arrivo a casa!

Vediamo di che oggetti stiamo parlando:

1. Il cuscino

(Foto: Web)
(Foto: Web)

I cuscini, soprattutto se vecchi e sporchi, ospitano tanti batteri che possono anche farci venire il naso che cola.

Uno studio inglese ha messo in evidenza che se i cuscini non vengono lavati per lungo tempo possono causare l’asma in chi ci dorme con la testa sopra.

I peggiori sono i cuscini sintetici, perché hanno le fibre tessute larghe che li portano a rovinarsi prima.

Per lavare il nostro cuscino in lavatrice possiamo tranquillamente consultare l’etichetta ed eventualmente, per stare sul sicuro, portarlo in lavanderia.

2. I lacci delle scarpe

(Foto: Web)
(Foto: Web)

Le stringhe delle scarpe raccolgono i batteri quando camminiamo e poi li portano nella nostra casa.

Per loro le scarpe, e in particolare i lacci che toccano per terra, sono un luogo ideale, perché tutte le volte che le usiamo per strada raccogliamo del nutrimento per loro (che schifo).

Questi batteri possono portare a infezioni dello stomaco e a problemi agli occhi e ai polmoni.

Per lavare i lacci basta immergerli in acqua e sapone o metterli in lavatrice.

3. Il contenitore dello spazzolino

(Foto: Web)
(Foto: Web)

Il contenitore dello spazzolino spesso si riempie di acqua che poi noi non svuotiamo, creando un ambiente ideale per i batteri.

L’ideale sarebbe pulirlo due volte a settimana con acqua calda e sapone; volendo si può anche mettere in lavastoviglie.

4. Le chiavi

(Foto: Web)
(Foto: Web)

Le chiavi viaggiano di qua e di là, tra borse, tasche, tavoli e così via, raccogliendo batteri.

E pensate che le teniamo in mano così spesso!

I ricercatori dicono che contengono più batteri di quelli presenti in un bagno pubblico (no!).

Per pulirle possiamo passarci sopra una salviettina bagnata.

5. Il cellulare

(Foto: Web)
(Foto: Web)

Lo smartphone è sempre con noi: tocca tante superfici e noi stesse lo tocchiamo con le mani sporche.

È probabilmente l’oggetto più sporco che maneggiamo.

Una salviettina bagnata basta a eliminare i batteri più comuni, ma se temiamo che sia davvero molto sporco usiamo anche un detergente.

6. La borsa

(Foto: Web)
(Foto: Web)

Girare con una borsa per una donna è essenziale e spesso questa si ritrova per terra, sul sedile dell’autobus, su qualche sedia di un bar.

Manici e parte inferiore della borsa sarebbero i più sporchi, perché toccano il pavimento e le altre superfici.

Per pulirla bisogna stare attenti al materiale con cui è fatta, ma in generale si possono usare delle salviette umide.