diredonna network
logo
Stai leggendo: 10 Cose da Fare a Trent’Anni per Stare Meglio a Cinquanta!

Spasmofilia, la "malattia invisibile" di chi è sempre stanco

4 motivi per cui dovresti bere l'acqua di cocco

Percorso Kneipp: perché dovresti provare a camminare sui sassi in acqua

"Mia sorella è stata picchiata dal marito e non è la prima volta"

L'herpes genitale è un'infezione sessualmente trasmissibile. Quando siamo più a rischio?

Lingua a carta geografica: cos'è e come si cura

Depurativo antartico: il segreto della dieta tisanoreica

La dieta senza glutine fa dimagrire, fa male o fa bene?

"Qual è la differenza fra Balfolic e Prefolic?"

La sindrome di Stendhal: l'attacco di panico per eccesso di bellezza

10 Cose da Fare a Trent'Anni per Stare Meglio a Cinquanta!

Ce ne saremo accorte tutte, se già abbiamo fatto il giro di boa: il passaggio dagli -enti agli -enta non è semplicemente anagrafico, ma segna delle vere e proprie mutazioni nella nostra interiorità (e spesso anche sull'esteriorità). Inoltre, avere trent'anni significa avere l'età per prendere definitivamente queste 10 buone abitudini che miglioreranno la nostra salute da cinquantenni!
cose da fare a 30 anni per star bene
Fonte: Web

Trent’anni. L’età in cui ufficialmente – e definitivamente – non siamo più ragazze e facciamo il nostro vero ingresso nel mondo degli adulti. L’età in cui le storie d’amore iniziano a consolidarsi e a trasformarsi in progetti concreti di vita insieme. L’età in cui le aspettative e la carriera iniziano a delinearsi con maggiore nitidezza. L’età in cui degli amici dell’adolescenza rimane solo una manciata, quelli che probabilmente non ci abbandoneranno più. Quello dagli -enti agli -enta è molto più di un “semplice” passaggio anagrafico: modifica – oltre che il nostro fisico, almeno in parte – il nostro modo di pensare, di relazionarci, di guardare al futuro. Sensazioni cui dovrebbero affiancarsi anche comportamenti concreti. No, con questo non intendiamo che da domani dovremo vestirci ogni giorno in tailleur, ma vogliamo dire che ci sono delle buone abitudini che, se già non fanno parte di noi, a partire dai trent’anni dovrebbero entrare tassativamente nella nostra vita. Per stare meglio immediatamente e, soprattutto, per goderci di più la vita a 50 anni.

Ecco quindi quali sono le 10 cose che dovremmo fare a partire dai trent’anni per vivere meglio a 50!

1. Smettiamo di fumare

smettere di fumare
Fonte: Web

Sarà ovvio, sarà scontato, sarà banale. Ma se già non l’abbiamo fatto, la svolta dei 30 è il preciso momento in cui accendersi l’ultima sigaretta per poi dire addio per sempre a tabacco e nicotina. Se non siamo fumatrici possiamo serenamente passare al prossimo paragrafo, ma se lo siamo dovremmo focalizzarci su tutti i danni causati dal fumo: è un’abitudine dispendiosa (e noi alla nostra età vorremmo provare a comprarci casa, una macchina, a sposarci e/o ad avere un figlio), maleodorante, che ci rende brutte e foriera al 100% di problemi di salute, anche mortali. Lo sappiamo tutte, e lo sappiamo bene. Quindi perché non smettiamo? No, non è come la dieta che inizia lunedì: smettiamo ora.

2. Non mangiamo (più) schifezze

eliminare junk food
Fonte: Web

Oddio, ogni tanto uno strappo alla regola potremo anche concedercelo. Ma se siamo di quelle che fanno tappa al fast food più volte a settimana, che non riescono a rinunciare al cicchetto a ogni pasto e all’aperitivo (alcolico) una sera su due o a cui vengono gli occhi a cuore dinanzi a un barattolo di Nutella… Ecco, allora dovremo prepararci a qualche rinuncia. Anzitutto, evitare di mangiare schifezze e di eccedere con l’alcol fa bene alla linea, il che sarebbe già di per sé un ottimo motivo per darci una regolata. Inoltre, come sappiamo, certi cibi non sono affatto un toccasana per la salute. E se anche a 50 anni dovessimo essere ricchissime, la salute è l’unico bene che non potremo mai comprare. Pensiamoci.

3. Facciamo attività fisica regolarmente

fare attività fisica
Fonte: Web

Ogni tanto ci mettiamo pure d’impegno: dopo le feste, per esempio, o in vista della famigerata prova costume. Ma molte di noi considerano l’esercizio fisico un’attività spot, da fare di quando in quando, magari quando la primavera sprigiona tutte le nostre energie. Sicuramente tutto questo è meglio di nulla, ma trent’anni è l’età in cui dovremmo metterci in testa di fare attività fisica seriamente. Per carità, nessuno ci chiederà di partecipare alle Olimpiadi, ma solo di avere un po’ di costanza per abituarci a mantenere uno stile di vita dinamico e attivo nella misura che va meglio per il nostro organismo. La nostra noi 50enne ci ringrazierà. Eccome.

4. Concediamoci delle buone notti di sonno

dormire bene
Fonte: Web

A trent’anni dovrebbe essere terminata l’era delle grandi sbaraccate una sera sì e l’altra pure a suon di danze, alcol e ore piccole per non dire inesistenti. Ma se a vent’anni erano le notti brave a tenerci sveglie, a trenta sono il lavoro, la tecnologia, la voglia di tergiversare ancora un po’ prima di infilarci sotto le coperte, salvo poi pentircene puntualmente il mattino successivo. Se non abbiamo niente di fondamentale da fare sino a tardi (per esempio se non abbiamo bambini a tenerci sveglie, in quel caso c’è poco da fare ed è tutta gioia) iniziamo a prenderci cura del nostro sonno: spegniamo tutte le luci e gli apparecchi tecnologici (vietato anche mettersi a guardare il cellulare appena prima di dormire), beviamo una camomilla o una tisana rilassante ogni sera e cerchiamo di andare a dormire e svegliarci sempre alla stessa ora. Ebbene sì, anche nei fine settimana.

5. Impariamo a meditare

meditare
Fonte: Web

Non è necessario spendere un capitale in scuole rinomate o diventare ascetiche e zen. Ma meditare quotidianamente, o comunque più volte a settimana, non potrà che portarci benefici: sicuramente migliorerà la nostra respirazione e di conseguenza l’ossigenazione del cervello, facendoci sentire più energiche e “purificando” corpo e mente. Inoltre la meditazione aiuta a svuotare la mente dai pensieri negativi: se praticata per un quarto d’ora nel tardo pomeriggio o di sera porterà via con sé le brutture della giornate e le ansie che tutte noi proviamo quotidianamente. Saremo meglio disposte verso il sonno e avremo un umore migliore il mattino successivo. Provare per credere.

6. Curiamo la salute della nostra bocca

curare igiene orale
Fonte: Web

Questa potrebbe sembrare un’inezia, ma si tratta di una cosa fondamentale che alcune di noi tendono a dimenticare: i denti che abbiamo resteranno gli stessi per tutta la nostra vita ed è bene dunque trattarli al meglio. Sì, è vero, esiste l’implantologia, ma è costosa, dolorosa e fastidiosa. Se non lo facciamo regolarmente, dunque, prenotiamo una visita dal dentista e, una volta sistemato ciò che c’è da sistemare, se c’è, iniziamo a prenderci cura quotidianamente e a fondo della nostra bocca con un’igiene impeccabile che passi da spazzolino e filo interdentale e con controlli regolari dal dentista intervallati con sedute di igiene professionale. Si tratta anche di un ottimo modo per risparmiare in prospettiva: come sappiamo, a differenza di altri problemi, quelli ai denti non guariscono da sé, anzi. Peggiorano soltanto. Prevenire, dunque, non solo è meglio che curare, ma significa anche evitarsi un salasso futuro.

7. Leggiamo più libri possibile

leggere tanti libri
Fonte: Web

“E chi ha il tempo?”, potrebbero dire molte di noi. Vero: più si diventa grandi, più il tempo sembra scarseggiare e quello che rimane viene relegato ad attività che riteniamo fondamentali (lavoro, pulizie domestiche e così via). Ma dovremmo stilare una lista delle priorità e organizzare al meglio il nostro tempo per riuscire a fare anche ciò che potrebbe sembrare futile ma futile non è, come per esempio leggere. Spegniamo la tv e il pc e iniziamo a leggere: ci rilasseremo, riempiremo la nostra immaginazione di nuovi spunti, impareremo cose nuove e soprattutto aiuteremo il nostro cervello a rimanere sano e attivo.

8. Prendiamoci tempo per noi stesse

tempo per noi stesse
Fonte: Web

Questo punto si lega a doppio filo con il precedente: ci sono abitudini che potrebbero sembrare inutili perdite di tempo, ma in realtà sono una manna per la nostra salute di oggi, di domani e di dopodomani. Prenderci del tempo per noi stesse è fondamentale, indipendente da quanto possiamo essere estroverse o socialmente aperte. Tutte abbiamo bisogno di tempo da trascorrere con le persone che ci stimolano positivamente, ma anche di tempo per riflettere e ricaricarci, anche se solo per pochi minuti.

9. Circondiamoci di persone che ci fanno star bene

persone che ci fanno star bene
Fonte: Web

Molte di noi, in gioventù, più che legarsi a persone che realmente apprezzavano si accodavano alla compagnia di volta in volta disponibile o cercavano di entrare nelle grazie dei tipetti e delle tipette più cool. Crescendo, questo tipo di elementi perdono totalmente di importanza. Se non l’abbiamo già fatto, dunque, scremiamo per bene le nostre amicizie e circondiamoci solo di persone che ci facciano sentire davvero bene, che sappiano valorizzarci, che siano sulla nostra stessa lunghezza d’onda e che siano in grado di darci qualcosa. Avere attorno persone che ci accettano esattamente per come siamo aiuterà anche noi a essere persone migliori.

10. Usiamo la protezione solare

usiamo protezione solare
Fonte: Web

Chiudiamo con un’ultima avvertenza sulla salute che talvolta noi fanciulle tendiamo a ignorare. Ok, l’abbronzatura è bellissima, fa risaltare qualsiasi make up e outfit e ci dà un colorito salutare anche nelle giornate in cui ci sentiamo sotto un treno. Ma questo non è un buon motivo per mettere a repentaglio la nostra salute. Un’eccessiva dose di raggi solari, soprattutto senza protezione solare o con protezione insufficiente, potrebbe causare danni alla nostra pelle, da “semplici” rughe e cicatrici da scottatura a tumori. Continuiamo dunque a farci i nostri bagni di sole, se ci piace l’abbronzatura, ma utilizziamo sempre la protezione solare e seguiamo i classici consigli da Tg estivo: evitiamo le ore più calde e ricordiamoci di bere tanta acqua!

Bene, amiche, questi erano i nostri 10 semplici consigli relativi alle buone abitudini da prendere a trent’anni per vivere meglio a 50. Voi, amiche sugli -enta, quante di queste cose fate già e quante invece dovranno essere aggiunte alla lista dei buoni propositi?