diredonna network
logo
Stai leggendo: Corpo luteo: cos’è e quali disturbi può comportare

"Posso perdere la verginità durante la visita ginecologica?"

5 cose che solo un'ipocondriaca può capire

Voce rauca: cose che dice sul tuo stato di salute

"Ho 30 anni, sono single e ho paura di rimanere sola"

"Sono troppo timida e la cosa è diventata un problema"

"Come posticipare il ciclo in vista delle nozze"

"Ho perdite bianche prima del ciclo: è normale?"

Dieta ingrassante: quali alimenti devo mangiare?

Dieta detox: "Non voglio perdere peso ma vorrei purificare il mio corpo"

Vaccini, Piero Angela: "Le persone tendono ad avere un pensiero magico"

Corpo luteo: cos'è e quali disturbi può comportare

Conoscere cosa sono il corpo luteo e la fase luteale è importante perché entrambi incidono sul ciclo mestruale e sulla ricerca di una futura gravidanza.
Corpo luteo cosa può comportare
Fonte: Web

Probabilmente a molte di voi ragazze sarà capitato di sentire nominare la fase luteale e il corpo luteo. Immagino questi termini possano avervi lasciate perplesse, tanto da chiedervi addirittura di cosa si stiamo parlando. Ma state tranquille: questo articolo servirà proprio a fare chiarezza su tutto questo, così da togliervi ogni dubbio.

Sapere cosa sono ed evitare di confonderli è importante, perché entrambi incidono sui meccanismi che regolano il ciclo mestruale femminile. Le donne in età fertile, infatti, sono soggette a questo tipo di ciclo, ma spesso non si conoscono le due fasi principali che scandiscono l’arrivo delle mestruazioni ogni 28 giorni.

In questo articolo vedremo insieme, dunque, non solo cosa sono la fase luteale e il corpo luteo, ma anche i possibili disturbi associati a quest’ultimo e il collegamento esistente tra la fase luteale e la gravidanza.

1. Corpo luteo: cos’è

Corpo luteo cos'è
Fonte: Web

Per poter comprendere cosa sia il corpo luteo e in cose si differenzi dalla fase luteale è bene avere chiaro il funzionamento del ciclo mestruale femminile. La fase follicolare, infatti, parte con l’inizio delle mestruazioni (ovvero con il sanguinamento) e si conclude quando arriva l’ovulazione. In questo lasso di tempo i follicoli hanno il compito di far maturare la cellula uovo affinché possa essere fecondata. Questa prima fase ha una durata media di 14 giorni, anche se la lunghezza esatta può variare da donna a donna.

Alla fase follicolare segue quella luteale che, a differenza della prima, ha una durata fissa (e non media) di 14 giorni. Le possibili variazioni, infatti, devono essere associate necessariamente a qualche disturbo specifico. In questi giorni, dunque, il follicolo espelle la cellula uovo per diventare una ghiandola che prende il nome di corpo luteo.

Lo scopo del corpo luteo è quello di produrre il progesterone finalizzato a poter nutrire ed ispessire l’endometrio. Un procedimento perfetto, ragazze, se pensate che tutto questo fa sì che la mucosa interna dell’utero possa eventualmente accogliere la futura cellula fecondata.

E tenete presente che questo procedimento è ciclico: quando l’ovulo non viene fecondato, infatti, i livelli di progesterone calano e inizia una nuova fase follicolare.

2. Corpo luteo: possibili disturbi

Disturbi corpo luteo
Fonte: Web

Abbiamo visto come la fase luteale debba durare necessariamente 14 giorni. Alcuni squilibri ormonali, tuttavia, possono incidere sulla sua lunghezza e far durare tale fase anche meno di 10 giorni. In questo caso, infatti, l’endometrio non riesce a svilupparsi in maniera adeguata per poter accogliere l’eventuale l’embrione.

Ma può succedere anche che la produzione del progesterone non sia sufficiente o che il corpo luteo possa avere una vitalità inferiore al normale. Tutte queste possibili casistiche, tuttavia, vanno comunque associate ad una disfunzione ormonale che potrà essere evidenziata (ed eventualmente curata) dal ginecologo.

La maggior parte delle donne, però, non si accorge di soffrire di questo tipo di disturbi fino a quando non cerca una gravidanza inutilmente. Solo allora si rivolge al proprio medico di fiducia che generalmente prescrive una serie di analisi specifiche o una biopsia endometriale, esame che si effettua 11 giorni dopo l’ovulazione per analizzare il progesterone plasmatico.

Tuttavia nel corpo luteo possono formarsi anche delle cisti qualora si accumuli del sangue o qualche altro liquido. Generalmente esse sono asintomatiche, tanto che la donna non si accorge neppure di averle. Alcune cisti riescono ad assorbirsi da sole, altre volte invece si ingrandiscono e creano dolore o scoppiano causando anche delle possibili emorragie. Nei casi più seri, però, le cisti possono addirittura impedire al corpo luteo di produrre progesterone, rendendo difficile il concepimento o causando un’involontaria interruzione di gravidanza.

3. Collegamento tra corpo luteo, fase luteale e gravidanza

Corpo luteo e gravidanza
Fonte: Web

È facile comprendere, quindi, come fertilità e fase luteale siano legate tra loro: è proprio durante questa fase, infatti, che una donna può riuscire a concepire un bambino. Capite, quindi, ragazze quanto sia importante conoscere bene il proprio corpo e i meccanismi che regolano il suo funzionamento.

Abbiamo visto, infatti, che solo durante la fase luteale c’è una maggior produzione di progesterone che fa sì che l’utero sia idoneo ad accogliere una futura gravidanza. Ma sapete cosa succede all’interno della donna? Un processo a dir poco perfetto e affascinante.

La temperatura basale femminile sale, l’endometrio si inspessisce impedendo il passaggio dello sperma e chiudendo di conseguenza il collo dell’utero. Contemporaneamente, inoltre, il corpo si adatta a tutto questo per poter eventualmente sostenere l’embrione nella fase iniziale, in attesa che si formi completamente la placenta.

Incredibile, vero?