diredonna network
logo
Stai leggendo: Colazione: la salta una donna su tre

Depurativo antartico: il segreto della dieta tisanoreica

La dieta senza glutine fa dimagrire, fa male o fa bene?

Lingua a carta geografica: cos'è e come si cura

Spasmofilia, la "malattia invisibile" di chi è sempre stanco

"Qual è la differenza fra Balfolic e Prefolic?"

La sindrome di Stendhal: l'attacco di panico per eccesso di bellezza

Piastrine basse: sintomi, cause e rimedi

"Il vaginismo può essere influenzato dallo stress?"

"Come posso fare a non vedere ormai tutto nero?"

4 motivi per cui dovresti bere l'acqua di cocco

Colazione: la salta una donna su tre

Dormire di più, farsi belle, dimagrire: ecco i motivi di un'abitudine sbagliata e poco salutare.
(foto:Web)
(foto:Web)

Una donna su tre non fa colazione perché troppo impegnata a prepararsi per la giornata che dovrà trascorrere fuori casa. Ma farsi belle non è l’unico motivo che ci distoglie dall’appuntamento con quello che molti nutrizionisti considerano il pasto più importante della giornata. Qualcuna lo fa per dormire di più, ma ben una donna su sei non mangia al mattino sperando di perdere peso. Il risultato, però, è solo quello di essere attanagliate dalla fame a metà mattinata con la conseguente ricerca di qualcosa (di solito poco sano perchè meno “pensato”) che possa riempire il buco nello stomaco. I dati, allarmanti, vengono da una ricerca promossa dal Ministero dell’Agricoltura del Regno Unito.
“Non c’è alcuna evidenza scientifica sul fatto che saltare la colazione aiuti a dimagrire, anzi, vi sono delle ricerche recenti che evidenziano come per mantenere il peso forma il primo pasto del mattino sia essenziale”, sottolinea la nutrizionista Azmina Govindji, commentando i risultati del sondaggio.

Anche se non si ha molto appetito al mattino, bisogna quindi sforzarsi di consumare qualcosa, anche di leggero, entro due ore dal risveglio: saltare l’appuntamento con la colazione, oltre a dare sensazione di stanchezza e difficoltà di concentrazione, aumenta il rischio di sviluppare problemi cardiaci e di metabolismo.