diredonna network
logo
Stai leggendo: Caviglie gonfie: cause e rimedi per alleviare la pesantezza

5 cose che solo un'ipocondriaca può capire

Voce rauca: cose che dice sul tuo stato di salute

È normale sentirsi legata a un parente morto prima che io nascessi?

"Papaya fermentata: ne vale davvero la pena?"

"Rash cutaneo: cosa può essere"

"Ho 30 anni, sono single e ho paura di rimanere sola"

"Sono troppo timida e la cosa è diventata un problema"

"Come posticipare il ciclo in vista delle nozze"

"Ho perdite bianche prima del ciclo: è normale?"

"Posso perdere la verginità durante la visita ginecologica?"

Caviglie gonfie: cause e rimedi per alleviare la pesantezza

Stufe di tornare a casa alla sera e avere immancabilmente le caviglie gonfie? Dopo aver scoperto come mai ne siete affette, ecco tutti i rimedi, soprattutto naturali, per alleviare il gonfiore!
Caviglie gonfie
Fonte: Web

Se vi capita spesso di arrivare a fine giornata con le caviglie gonfie e doloranti, in questo articolo trovate le cause e i rimedi che stavate cercando!

Le caviglie sono le articolazioni più facilmente predisposte a traumi sia in ambito sportivo sia nella normale quotidianità, poiché sorreggono il nostro corpo. Eppure i soggetti più colpiti dal gonfiore sono gli anziani, le donne in menopausa e chi conduce una vita sedentaria, magari a causa del proprio lavoro. A volte il gonfiore si può estendere anche sul dorso, raramente raggiunge la pianta e può essere connesso ad altri sintomi come mal di pancia, mal di testa, ritenzione idrica, infezioni, difficoltà a camminare, fastidio, affaticamento e vesciche.

Tutte le possibili cause delle caviglie gonfie

Caviglie gonfie cause
Fonte: Web

Sono svariati i fattori da cui possono dipendere le caviglie gonfie. Di sicuro, è frequente per chi passa tanto tempo in piedi o seduto durante la giornata: stando fermi, con i muscoli immobili, il sangue scorre più difficilmente verso il cuore e comporta così l’aumento della pressione venosa. L’accumulo di liquido plasmatico provoca il gonfiore.

La cattiva circolazione sanguigna, però, potrebbe derivare anche da altri problemi, ben più gravi.

Anche il peso corporeo gioca un ruolo importante. L’obesità, infatti, si accompagna a questo sintomo, come a volte la gravidanza: le caviglie gonfie si possono presentare per la gestante all’ottavo o nono mese di gravidanza e possono perdurare anche fino a dieci giorni dopo al parto.

In caso di lesioni, è normale un po’ di gonfiore, sia che sia una frattura o una tendinite sia che si tratti di una puntura d’insetto. A volte può comparire in seguito ad una reazione allergica o in connessione con la ritenzione idrica. Cause più gravi possono essere insufficienza venosa, linfedema, coaguli di sangue.

Avere le caviglie gonfie, in rari casi, può essere addirittura indice di patologie al cuore, al fegato e ai reni, infezioni o disturbi alla tiroide.

Legato alla vecchiaia, può accompagnare l’artrite reumatoide. Oltre ad essere comune in menopausa, invece, si può già ritrovare nella sindrome premestruale. Potrebbe essere scatenato anche solo da abuso di sale o alcool o da temperature eccessive.

Curare le caviglie gonfie: ecco tutti i rimedi naturali

Caviglie gonfie rimedi naturali
Fonte: Web

Per contrastare il caldo, uno dei modi più efficaci è quello di fare freschi pediluvi alla sera. In questo modo si riattiverà la circolazione grazie all’acqua fredda e, per ottenere migliori risultati, si possono aggiungere erbe rinfrescanti come lavanda, menta, timo e rosmarino. È importante anche bere molto durante il giorno per non rimanere disidratati ed eliminare le tossine.

Per chi conduce una vita sedentaria, è essenziale fare comunque una breve passeggiata, anche a fine giornata, per ridurre i fastidi. Camminare in vacanza a piedi nudi nell’acqua, poi, è un vero tonificante!

Niente di meglio di un massaggio per rilassarsi e togliere la sensazione di appesantimento. Movimenti circolari con un po’ di olio essenziale, al limone o al rosmarino, possono fare miracoli, anche se non si è dei professionisti. Dopo il massaggio, bisogna lasciare riposare le gambe su cuscini alti, in modo da favorire lo sgonfiamento. In casi particolarmente gravi, rivolgersi ad un massaggiatore potrebbe essere un’ottima soluzione (dato che esistono speciali tecniche linfodrenanti), come lo è rivolgersi a un fisioterapista, che sarà in grado di consigliarvi la migliore terapia di erbe fatta apposta per voi.

Occhio all’alimentazione: la ritenzione idrica, infatti, è una delle cause più comuni. Bisogna perciò evitare prodotti confezionati eccessivamente salati, cibi in scatola, salumi e formaggi. Vi sono degli alimenti, però, che sono depurativi come fragole, ribes, mirtilli, kiwi e agrumi. Innumerevoli sono gli ingredienti perfetti per una tisana come menta e foglie di mirtillo, centella asiatica, finocchio e amamelide o un infuso come quello alle foglie di nocciolo. Il vostro erborista di fiducia sarà in grado di consigliarvi quale sia la tisana migliore.

Infine, potete provare con impacchi all’aceto o al tè verde, facili da preparare e da applicare alla sera fino a che non si proverà una sensazione di sollievo.

Se non bastasse… ecco i rimedi estremi per le caviglie gonfie!

Caviglie gonfie rimedi
Fonte: Web

Qualora il medico lo suggerisse, un modo per eliminare definitivamente il problema potrebbe essere la chirurgia estetica, soprattutto nel caso in cui la patologia fosse legata all’obesità, o una terapia farmacologica scelta in base alla causa scatenante.

Morale della favola: prendetevi del tempo, ogni giorno, per coccolare i vostri piedi: non ve ne pentirete!

aggiornamenti