diredonna network
logo
Stai leggendo: Caffè e prevenzione del tumore della pelle

Caffè e prevenzione del tumore della pelle

Le proprietà del caffè continuano ad attirare l’attenzione dei ricercatori. Sono infatti numerosi gli studi condotti sulla bevanda cara agli italiani, che ne mettono in risalto le proprietà benefiche contro i tumori. Da ultimo, lo studio condotto alla Rutger University e pubblicato il 16 agosto sull’autorevole rivista americana Proceedings of the National Academy of Sciences.


Secondo uno studio americano la caffeina proteggerebbe dai danni causati dal sole e aiuterebbe a prevenire il tumore della pelle.

L’ENZIMA ATR. Protagonista della ricerca americana è un enzima, la proteina ATR, che fortemente sollecitata dall’esposizione ai raggi ultravioletti entra in azione per individuare le cellule epidermiche danneggiate. Secondo gli studiosi dellaRutger University, la caffeina inibirebbe l’enzima ATR e, quindi, contribuirebbe a prevenire il tumore della pelle.

La ricerca è stata condotta su un gruppo di roditori, alcuni dei quali modificati geneticamente in modo che la loro pelle non producesse ATR. I topi sono stati esposti ai raggi UVB tre volte alla settimana per 40 settimane, terminate le quali si è potuto constatare che i roditori privi di enzima ATR avevano sviluppato il primo tumore tre settimane dopo i topi non geneticamente modificati e che dopo 19 settimane presentavano il 68% in meno di tumori rispetto agli altri.

CAFFEINA E RAGGI UVB. Le proprietà benefiche della caffeina erano già emerse in ricerche precedenti, nelle quali si era osservato come l’organismo di topi ai quali era stata somministrata la sostanza fosse in grado di eliminare le cellule danneggiate dai raggi UVB cui erano stati esposti. In quelle stesse cavie, inoltre, il rischio di degenerazione delle cellule era nettamente inferiore rispetto alle altre.

PERPLESSITÀ. Tuttavia tanto i roditori geneticamente modificati quanto quelli normali, esposti costantemente ai raggi ultravioletti, avevano sviluppato delle neoplasie. Secondo Allan Conney, direttore del Susan Lehman Cullmal Laboratory for Cancer Research della Rutgers University, il fatto che tutti i roditori abbiano finito con l’ammalarsi dimostra che l’inibizione dell’enzima ATR è più efficace quando le cellule epidermiche esposte ai raggi UVB si trovano in uno stato precanceroso, ovvero quando i tumori provocati alla foto-esposizione non sono completamente innescati.

Allan Conney e i ricercatori della Rutgers University sono ottimisti riguardo all’efficacia della caffeina nella prevenzione del tumore della pelle, ma poiché l’effetto della sostanza sulla pelle umana non è ancora stato testato, dovremo aspettare prima di vedere in commercio miracolose creme e lozioni a base di caffè.