diredonna network
logo
Stai leggendo: Arriva la primavera ma l’influenza non se ne va

Arriva la primavera ma l'influenza non se ne va

L'inverno è ormai alle spalle ma c'è una coda che ancora ci portiamo dietro: è l'influenza che quest'anno ha un periodo epidemico molto più lungo delle stagioni passate.
Arriva la primavera ma l’influenza non se ne va

Il sole è tornato a farla da padrone nei cieli d’Italia, le temperature si sono alzate e gli alberi hanno cominciato a colorarsi e riempirsi di fiorellini nuovi; insomma è arrivata la primavera. Siamo tutti pronti a cominciare a goderci il tepore e a svestirci … ma … c’è un grande ma.

L’Istituto Superiore della Sanità ci mette in guardia avvisando che non siamo ancora al riparo dall’influenza.

Il rapporto dell’Istituto conferma che:

“il picco di incidenza, raggiunto nell’attuale stagione, è inferiore a quello osservato nella maggior parte delle precedenti stagioni influenzali, tuttavia si osserva una maggiore durata del periodo epidemico”.

I più colpiti saranno, come di consueto, i bimbi tra zero e 4 anni mentre si ammaleranno meno gli over 65.

Dobbiamo aspettare ancora qualche settimana per poter dare inizio alla vera primavera.